Napoli, rapina e sparatoria. Arrestato il figlio di Genny ‘a Carogna

La sparatoria ha causato la morte di un diciassettenne

di Redazione VN
Genny 'a Carogna

Una rapina, l’intervento delle forze dell’ordine, gli spari. È successo in mattinata a Napoli, dove è rimasto ucciso un diciassettenne ed è stato arrestato un complice, diciottenne. Si tratta del figlio di Gennaro De Tommaso, detto “Genny la carogna”, nome, già noto alle cronache per i tragici fatti dello stadio Olimpico del 3 maggio 2014, giorno della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina. La “fama” risale a quella data in cui Genny intavolò una “trattativa” per consentire lo svolgimento della gara ed evitare disordini in campo. Prima della sfida infatti Ciro Esposito, tifoso partenopeo, venne ferito a morte dall’ultrà romanista Daniele De Santis. La sua foto, a cavalcioni di una balaustra degli spalti, fa il giro del mondo. Genny, oltre a essere in contatto con le frange estreme del tifo azzurro, è stato anche condannato – per traffico di sostanze stupefacenti – a 18 anni di carcere. A marzo 2019 diventa collaboratore di giustizia. (Gazzetta.it)

 

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottone - 4 settimane fa

    L’unica trattativa era metterlo dentro e buttare la chiave. Bella roba.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mauro65 - 4 settimane fa

    Famiglia tranquilla…! La mamma?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. blues - 4 settimane fa

    “colpito con una pistola” non e’ propio esatto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy