Mondiali, i cosacchi controlleranno i gay: “Effusioni in pubblico segnalate alla polizia”

Mondiali, i cosacchi controlleranno i gay: “Effusioni in pubblico segnalate alla polizia”

Totalmente fedeli a Vladimir Putin, i cosacchi formano gruppi paramilitari impegnati a salvaguardare l’ordine pubblico nelle città russe

di Redazione VN

Gruppi di cosacchi pattuglieranno la città di Rostov sul Don durante i Mondiali, assicurandosi che le coppie omosessuali non si scambino effusioni in pubblico. Lo riporta The New Times. Trecento cosacchi affiancheranno la polizia regolare nelle strade di Rostov sul Don – una delle 11 città ospiti del Mondiale – facendo rispettare la legge contro la propaganda omosessuale ai minori, che di fatto proibisce manifestazioni pubbliche di orientamenti sessuali non tradizionali.

“Se vediamo due uomini baciarsi, lo comunichiamo alla polizia – ha detto il leader dei cosacchi locali Oleg Barannikov – poi spetterà alla polizia decidere cosa fare”, ha concluso. Totalmente fedeli a Vladimir Putin, i cosacchi formano gruppi paramilitari impegnati a salvaguardare l’ordine pubblico nelle città russe. I vigilantes si sono distinti per la violenza con la quale hanno represso le proteste in occasione dell’inaugurazione di Putin per il suo quarto mandato presidenziale. (ANSA)

 

Violanews consiglia

Blitz antidroga, arrestati il capo ultrà del Milan e il responsabile degli steward dell’Inter

Contattato l’agente di Nico González. Il giocatore a VN: “Sogno l’Europa, Di Maria il mio idolo. I viola…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Zinigata - 2 anni fa

    Gran bel paese

    (sono ovviamente ironico)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy