Viola News
I migliori video scelti dal nostro canale

altre news

Mercati disastrosi ed equivoci tattici: Roma-Fiorentina è il festival del non calcio. Ma Monchi e Di Francesco…

Logiche lontane dal mondo del calcio e tante, troppe scelte sbagliate alla base delle crisi vissute da giallorossi e viola

Alessio Crociani

Stasera all'Olimpico andrà in scena il festival del fallimento tecnico. Classifica canta (e per i viola non solo quella attuale). Due squadre, Roma e Fiorentina, nate male e cresciute peggio, vittime di mercati con poca logica e delle alchimie tattiche di allenatori costretti a fare di necessità in virtù. O almeno a provarci. Senza successo. Mezzali incartate in compiti di regia, fantasisti reinventati in mediana, colossi centro-difensivi piazzati sulle corsie laterali e così via. Eppure, per i giallorossi, è passato meno di un anno dalla semifinale di Champions contro il Liverpool. Nel mezzo la rivoluzione della scorsa estate firmata Monchi, arrivata dopo che il dirigente spagnolo aveva sostanzialmente ereditato in blocco la spina dorsale della squadra costruita nelle stagioni precedenti al suo arrivo nella capitale. Nzonzi, Pastore, Cristante, Olsen e Santon: tutti acquisti sbagliati. Senza contare buona parte degli arrivi dell'anno prima, tra i quali Karsdorp, Schick, Juan Jesus, Gonalons, Bruno Peres, e i discussi addii di Strootman e Nainggolan.

Bilancio negativo anche quello dei suoi colleghi a Firenze, Corvino e Freitas: non bastano Milenkovic, Pezzella, Veretout e Muriel a cancellare la lunga lista nera degli acquisti messi a segno negli ultimi tre anni, nella quale figurano qualche onesto mestierante da 5,5/6 e tanti flop conclamati. A proposito, tornano in mente le parole pronunciate qualche giorno fa da Beppe Marotta, non un campione di simpatia ma certamente un dirigente che negli ultimi anni ha dimostrato con i fatti di saper fare calcio: "Con il tempo ho imparato che i bilanci sono importanti, bisogna stare attenti, ma ciò che conta sono le vittorie. Quando si vince, in qualche modo le perdite si riescono a ripianare. Quando non si vince, ti mandano a casa anche se i bilanci sono a posto". Già, Di Francesco e Monchi a casa ci sono andati... E la Roma, nonostante tutto, è ancora a cinque (con una gara in meno) rispetto al Milan quarto in classifica. A PROPOSITO DI MONCHI: I SUOI PIANI POTREBBERO ESSERE UN PROBLEMA PER LA FIORENTINA...

http://redazione.violanews.com/calciomercato/corvino-a-caccia-di-talenti-stasera-sara-a-spalato-per-una-classica-del-calcio-croato/

http://redazione.violanews.com/altre-news/cerruti-roma-situazione-gravissima-il-problema-non-era-di-francesco/

tutte le notizie di

Potresti esserti perso