L’opinione: “Joe Barone è come Cognigni. Castrovilli? Non è quello che pensavo”

Il giornalista di Repubblica: “A gestire una società va messa gente che sa di calcio”. E sul valore della rosa…

di Redazione VN

Queste le opinioni di Giuseppe Calabrese (La Repubblica), intervenuto oggi a Radio Bruno:

Commisso sta facendo con Joe Barone lo stesso errore che i Della Valle fecero con Cognigni. A gestire una società va messo gente che sa di calcio, serve una struttura dirigenziale solida. La Fiorentina vale l’ottavo-decimo posto, ma ora c’è da levarsi da questa situazione. Parlai con Prandelli prima del debutto col Benevento e mi disse di essere preoccupato, aveva chiara la situazione fin da subito. Leader? Serve qualcuno che si carica la squadra sulle spalle. Questo ruolo in campo dovrebbe essere di Castrovilli, che però è ancora un giovane e non è ancora il giocatore che pensavamo. E poi manca una voce autorevole dentro lo spogliatoio, che se non vede i giusti atteggiamenti si fa sentire.

31 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gianni - 2 mesi fa

    Mi sa che non ci sono voci autorevoli nello spogliatoio, quelli che potrebbero averne sono Milenkovic e Pezzella che non vedono l’ora di andarsene. Poi sono tutte comparse che penseranno per se e a salvare la faccia . I senior ( gli svincolati arrivati a cisto zero) devono pensare ad acquistare condizione fisica in campo, perché in queste condizioni, fra tutti e quattro , non se ne salva uno, e quindi non possono mettere bocca . Forse Prandelli, che di calcio ne dovrebbe capire ancora, dovrebbe mettere giocatori relativamente giovani, ma con energie da spendere e lasciare da parte quelli anziani di S.Siro , che attualmente sono un peso per tutti .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eziogòl - 2 mesi fa

    Onore a Giuseppe Calabrese!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. MASO72 - 2 mesi fa

    Castrovilli è l’ultimo dei problemi, anzi è un falso problema. Lui ha fatto 4 goal e copre sempre ampie zone di campo. Se a volte non ha brillato ci può stare, visto il livello di gioco e visto che Ribery gli pesta talvolta i piedi. Infine va anche detto che da questa situazione se ne esce di squadra, non guardando solo i singoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bianco - 2 mesi fa

    Calabrese sempre polemico anche quando la Fiorentina andava alla grande negli anni passati per intenderci il primo Prandelli e il primo Montella in questo periodo con la Fiorentina in grosse difficoltà ci sguazza e forse un pochino ci gode

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Frank - 2 mesi fa

    Oggi dai giornalisti è partita la demolizione di Ribery o ora anche Barone.Tutto lecito…ci mancherebbe…Anche io sono schifato e sconfortato ma un attimo di calma?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 2 mesi fa

      Ti quoto. Il gioco al massacro non porta da nessuna parte. E sarebbe stato più credibile non aspettare che le cose andassero male per ragionare sulle debolezze della società.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. daruto - 2 mesi fa

    Redazione ma date voce a tutti i polemici contro la Fiorentina?
    Il 90% degli articoli sono per gettare benzina sul fuoco.
    Va bene che quest’anno si fa pena, ma anche meno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Amarvida - 2 mesi fa

      Scusa, ma tu le vedi le partite? La guardi la classifica? Siii???? E allora di cosa ti meravigli? Vorresti commenti di entusiasmo? Preferisci l’idiozia del tifoso che accetta di tutto senza ragionare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. daruto - 1 mese fa

        Si le guardo tutte, soffrendo infinitamente come tutti i tifosi Viola.
        Secondo me la scelta delle parole (soprattutto dei titoli) ma anche degli interlocutori, è spesso strumentalizzata per innalzare il livello della polemica.
        Per non parlare di alcuni articoli del tutto superflui, tipo quello con le parole di Caliendo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. L'Omino di Ferro - 2 mesi fa

    Il primo giorno della sua vita che Calabrese dirà una cosa positiva sulla Fiorentina, sarà 3 volte Natale e festa tutto il giorno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabio49 - 2 mesi fa

      strepitoso commento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. robertogalardi.6_14035808 - 2 mesi fa

      Per forza è gobbo, come suo fratello.
      Notizia da fonti certe!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. sinistro viola - 2 mesi fa

    rispetto a Iachini Prandelli ha più un’idea di gioco che nel tempo verrà fuori..il materiale era e resta scarso nella costruzione e finalizzazione..l’impegno del gruppo crescerà insieme al morale facendo risultati e quindi muovendo la classifica…i tifosi saranno uniti alla squadra perchè al di là dello sconforto e facile esaltazione amano e vivono per lei..Rocco ha capito che con le parole si va poco lontano e certi giocatori (De Paul, Tonali, Belotti, Berardi, Locatelli) o li prendi..o rimani l’eterna incompiuta che guarda le altre dal basso in alto..se poi dai via Chiesa, non punti su Sottil, tieni in tribuna Montiel.. e li rimpiazzi con ultra trentenni..la frittata (di mele) è fatta..mi piacerebbe che Joe Barone (o il figlio di Rocco) si facessero sentire di più..non solo per dare il telefono a fine partita..magari per spiegare perchè..comprare un giocatore forte..è più difficile di..fare/sfare uno stadio..FVS

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giglioviola - 2 mesi fa

      si, ma siamo consapevoli che soldi sul mercato non ne girano e per diverso tempo non ne gireranno, e quindi, fatta eccezione delle solite superpotenze che qualche acquisto con pagamento ultradifferito lo riescono a fare, per il resto sono tutti movimenti di piccola rilevanza? Questo ha determinato un notevole livellamento verso il basso delle squadre, perchè la differenza non la fa più il grosso gap di qualità nella rosa dei giocatori, ma la capacità dello staff tecnico di scoprire e valorizzare bravi calciatori, giovani e anche meno giovani, e proporre strategie di gioco vincenti (Vedi Sassuolo, Verona, addirittura Spezia…). Bisogna essere bravi innanzitutto a costruire un gruppo squadra con dei leader, dei valori e un’identità di gioco e di personalità che a noi manca totalmente e Prandelli è chiamato a costruire. Pensare che tutto si risolva semplicemente comprando giocatori più quotati è sbagliato, oltrechè probabilmente poco realizzabile perchè ora se vuoi portare qualcuno forte a Firenze lo devi pagare e anche tanto (vedi De Paul se mai avesse idea di accettare la Fiorentina), mentre i tuoi non te li compra nessuno se non a prezzo stracciato e allora ci ritroviamo una rosa di 70 giocatori come lo scorso anno, tutti in prestito gratuito qua e là oppure aggregati senza speranze alla squadra, e questo toglie spazio anche ai giovani (se non avessimo ancora Eysseric e Saponara forse Montiel almeno in panchina potrebbe andare)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. dallapadella - 2 mesi fa

        Se uno vale veramente, Eysseric e Saponara se li mangia a colazione

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Il guru - 2 mesi fa

    Ragazzi prima di tutto puntiamo a salvarci..Successivamente a giugno punterei tutto su Carli, uno che di pallone ci capisce davvero, e in panchina il buon Maurizio Sarri (sempre se accetta di sposare la causa viola).
    Così si ricreerebbe una grande coppia di lavoro secondo me, con delle disponibilità economiche decisamente più importanti di quelle che avevano a disposizione a Empoli
    SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco 2 - 2 mesi fa

      Ce lo vogliamo mettere in testa che Sarri a Firenze non viene? A prescindere che è andato via con le parolacce da quasi tutte le squadre che ha allenato, costa comunque dieci milioni lordi, una cifra che i bilanci della società non possono far quadrare. E dimentichiamoci che venga ad allenare da noi per gli spicci del caffè, ha proprio la faccia di quello.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BVLGARO - 2 mesi fa

        è la tua fissa. quando Maurizio verrà a Firenze non avrai più uno scopo nella vita 😉

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Marco 2 - 2 mesi fa

          la mia fissa è sbattere la realtà in faccia alla gente.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Marco 2 - 2 mesi fa

          E a Firenze non viene

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. BVLGARO - 2 mesi fa

            ma è antipatia? a te piacerebbe vederlo in panca? a me si… guarda che disastro Pirlo e che differenza con lo scudetto dell’anno scorso dei bianconeri, per nulla scontato

            Mi piace Non mi piace
        3. Violaviola - 2 mesi fa

          Ha ragione lui invece. Ormai guadagna troppo, e soprattutto si è abituato tra juve e chealsea ad allenare un certo tipo di giocatori… Faresti fatica ormai anche a fargli allenare dei giovani bravi, uno che l’anno scorso allenava cristiano ronaldo, e adesso come attaccante si ritroverebbe vlahovic…. Ti immagini la scena?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Il guru - 2 mesi fa

      Marco 2 se non erro a giugno ti scadono i contratti di TRE allenatori attualmente a libro paga.
      Tanto vale puntare su un grande allenatore piuttosto che su tre contemporaneamente dei quali non ti fidi (Prandelli secondo me è ottimo ma non avrà la possibilità di dimostrare)
      Oppure non vuoi Sarri solo perché ti sta antipatico?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marco 2 - 2 mesi fa

        Quello che voglio è indifferente e il tuo è il classico modo per deviare il discorso. Sarri costa dieci milioni lordi, nessuno crede che si riduca lo stipendio per noi, andrà ad allenare in Cina o negli Emirati, ma ce lo possiamo dimenticare. Spalletti idem. Il terzo chi è? Allegri? Quant’è il suo ingaggio? Sette milioni non so se lordi o netti. Credo possiamo dimenticarci pure lui. Ma c’è un’altra considerazione di carattere pratico che quelli come te non vogliono sentire: nessun grande allenatore verrà mai in un troiaio come ci hanno ridotto, prima i DV e ora Tarocco. Nessuno verrà in una società che fa campagne acqwuisti come le ultime viste, e potrei continuare, ma aggiungo solo una cosa: Juric era una scelta sensata sotto tutti i punti di vista, e lo hanno scartato

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Violaviola - 2 mesi fa

          Ti straquoto, c’è gente che è convinta di tifare per il real Madrid, non si ha quelle disponibilità economiche, ma le avete viste le ultime campagne acquisti? Ma non vi è venuto qualche dubbio?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. simo911 - 2 mesi fa

    Calabrese posa il fiasco….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. MASSIMO DUBAI - 2 mesi fa

    GIANI DEVE CONSENTIRE A UNA DELEGAZIONE DI TIFOSI DI PARLARE ALLA SQUADRA. COMINCIAMO A GUARDARLI NEGLI OCCHI QUESTI GIOCATORI E FARGLI CAPIRE CHE SE LO STADIO È VUOTO, LA CITTÀ È ATTENTA E PRETENDE UN CAMBIO DI ATTEGGIAMENTO DA PARTE DELLA SQUADRA. QUESTO CI CONSENTIRÀ’ DI CAPIRE CHI GUIDA ALL’INTERNO DELLO SPOGLIATOIO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ricbuc - 2 mesi fa

      Ma quale Giani!!Facciamo intercedere direttamente Conte!
      Eppoi un altra cosa quando avrai capito chi guida lo spogliatoio cosa è che faresti?!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. rapacibi_14176715 - 2 mesi fa

      No, non ci posso credere!!!’… Giani??!!! Che c’entra Giani??. Roba da matti!.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MASSIMO DUBAI - 2 mesi fa

        ….GIANI SEMPLICEMENTE PERCHE’A FIRENZE SIETE IN ZONA ROSSA…..COSA SCRIVI SULL’ AUTOCERTIFICAZIONE? CHE TU SEI A SPASSO PERCHE’DEVI ANDARE A FARE LA CONTESTAZIONE ALLA FIORENTINA…SVEGLIAAAAAA!!!!!…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. N_q - 2 mesi fa

    Concordo per quel che riguarda Barone. Altro non è che la longa manu di Commisso. Di per sé non è un male perché un rappresentante della società sempre presente è cosa buona e giusta.
    Il problema è pensare che la sua esperienza fosse sufficiente a gestire la Fiorentina sotto praticamente ogni aspetto.
    Serve un Dirigente preparato e che conosca bene il calcio italiano ed europeo.
    Detto questo criticare Castrovilli è fuori dal mondo, ha fatto male le ultime partite adeguandosi alle scarse prestazioni della squadra, le prime partite parlano i numeri in termini di goal ed assist. Di certo non si può pretendere che un giocatore al secondo anno in Serie A, col suo ruolo, possa caricarsi in spalla e salvare il gioco di una squadra allo sbando.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy