L’amarezza di De Magistris: “Nessuno della Fiorentina al funerale. Solo un bel messaggio da Corvino”

De Magistris deluso per l’assenza delle istituzioni e della Fiorentina al funerale della moglie Marcella

di Redazione VN
De Magistris

“Mi sono sentito tradito dalla mia città“. E’ il duro sfogo di Gianni De Magistris dopo il funerale della moglie Marcella al quale non ha partecipato nemmeno un politico di Firenze. L’ex campione di pallanuoto ce l’ha con tutti: dal sindaco Dario Nardella (“Mi è arrivato il suo telegramma di condoglianze alle 16.28, dopo il mio sfogo, ha fatto una figura ancora più brutta“) alla Fiorentina: “Mi sarei aspettato almeno un ragazzo delle giovanili in rappresentanza della società, invece niente. Del mondo viola solo un ex, Pantaleo Corvino, mi ha inviato un bellissimo messaggio“, le sue parole rilasciate a La Nazione

L’amarezza di De Magistris: “Dov’erano le istituzioni? Renderò il Fiorino d’Oro”

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Julinho - 11 mesi fa

    Mi sembra che come al solito al mondo di oggi ci sia solo apparenza e assai poca sostanza. Innanzitutto, da parte mia, le più sentite condoglianze a Gianni per la perdita della moglie. Le condoglianze perché sono un sentimento umano non perché il superstite si chiama Gianni De Magistris. Penso a tutte le persone alle quali viene meno un congiunto. Stesse sofferenze stessi diritti. Il resto purtroppo fa parte del mondo di oggi. Ci si dimentica, non si considera nulla e nessuno, si è bravi e desiderati solo quando si contribuisce con sudditanza alla causa di qualcuno. Indipendentemente dalle condizioni sociali e culturali di ognuno di noi. Quindi apprezzando Gianni per la sua schiettezza non condivido i suoi risentimenti perché o riportati male o assolutamente fuori dalla logica e dalla correttezza di vita. Lui francamente è stato uno dei più grandi della pallanuoto italiana. Ha dato tantissimo in tempi dove nel nuoto, soprattutto per mancanza di investimenti economici al tempo, l’Italia era una congrega di pippe. Ma questo deve essere la considerazione e la riconoscenza presente in ognuno di noi fiorentini e non. Il lutto è un’altra cosa. La partecipazione del mondo sportivo e politico è un’altro dovere da non eludere alla persona e anche al campione sportivo essendo la stessa cosa. Quello che c’è di sbagliato è far emergere che il cordoglio e la vicinanza in un momento così drammatico siano dovuti solo perché il congiunto della vittima si chiama Gianni De Magistris. E’ davvero un qualcosa di assurdo, che non può essere preteso. Diverso è dire, e a ragione, che da parte dei massimi livelli dello sport e dai massimi rappresentanti delle istituzioni cittadine ci sia stata trascuratezza e dimenticanza per l’uomo prima che per il Campione. Questo non vuol dire che per forza si debba essere presenti in prima persona a far facciata, così che un lutto grave e impareggiabile anziché essere una sciagura umana sia vissuto come un evento quasi mondano da sbandierare e mostrare ai più. Basta un telegramma, una dichiarazione a mezzo stampa o una qualsiasi altra forma che sia ritenuta idonea per dimostrare affetto e solidarietà umana. Quindi a cominciare dai massimi livelli sportivi italiani per finire alle istituzioni questo andava fatto. Ma non so se sia stato realmente fatto. E in forma non convenzionale ma sincera e convinta. Lo dovevamo a Marcella come essere umano, moglie e giovane signora colpita da sofferenze e da malattia terribile.
    Se Gianni ha esternato perché lui è Gianni De Magistris e basta (al quale tutto è dovuto per meriti sportivi) credo che abbia sonoramente sbagliato. La sua figura ci è e ci sarà sempre cara e l’abbiamo nel cuore, tutti noi Fiorentini. Gli siamo e gli saremo eternamente grati per ciò che ha fatto e ha rappresentato. In questa triste occasione il campione e le sue gesta non esistono più. Esiste solo l’uomo Gianni De Magistris al quale, almeno io, siamo e dobbiamo essere vicini il più possibile in un momento così tragico.
    Condoglianze dunque sincere, fraterne e col cuore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. silvanoviola - 11 mesi fa

    Veramente mi sembra che Antognoni era presente comunque le mie sentite condoglianze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Valter - 11 mesi fa

    Rinnovo le condoglianze a Gianni ma sinceramente trovo sempre eccessivi i teatrini che si creano a qualsiasi cosa.
    Di contraltare c’è chi invece per le cose strettamente personali evita il più possibile il coinvolgimento dei social.
    Quanti finti amici scopriamo nel momento del bisogno?
    Queste son cose che alla tua età dovresti aver imparato.
    Se poi non sono neanche amici ma semplici comparse di facciata che cosa ti vuoi aspettare..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mauro65 - 11 mesi fa

    Caro Gianni, campione assoluto e persona schietta e trasparente, ti sono vicino in questo momento di dolore, proprio per quello che sei. Dagli altri, purtroppo, è in questi momenti che ci aspettiamo un po’ di calore, cosa che non sempre riceviamo. Ti auguro di poter vivere con serenità questo momento, con l’affetto dei più cari e col dolce ricordo di chi hai amato per una vita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. simuan - 11 mesi fa

    …grande Corvo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. 29agosto1926 - 11 mesi fa

    Sembra che De Magistris si svegli solo adesso. Ha 70 anni e dovrebbe sapere che non esiste né riconoscenza né solidarietà, specialmente, da parte dei politici. Ma non si è accorto che viviamo in un clima di odio e di rancore e che TUTTI I POLITICI sanno solamente sfruttare le occasione che gli danno visibilità mentre dei semplici atti di solidarietà che, probabilmente, nessuno potrà conoscere non vengono mai fatti?
    Questi politici, specialmente quelli che si schierano agli estremi fomentano, alle volte rifugiandosi dietro il crocefisso od il rosario, l’odio e il razzismo, cosa ci si deve aspettare da loro?
    Caro Gianni ci insegnano a vivere ognuno per nostro conto, diffidando degli altri, guardando il nostro prossimo come un nemico, un rivale con cui competere anche nelle piccole cose.
    Sai cosa conta? conta l’affetto e la vicinanza dei VERI AMICI, di quelli che ti sono sempre stati accanto, questo è quello che conta ed è quello che dobbiamo farne tesoro, lascia stare Nardella, Renzi, I leghisti o i fascisti dei FDI, non ti meritano e non ti hanno mai meritato se non quando c’era da fare una foto che potesse fare il giro dei social.
    Prenditi le lacrime di quelli che sono sinceri e lasci stare le parole di circostanza di coloro che ti usano per i propri scopi.
    Spero che tu possa incontrare presto la serenità e la pace che questi momenti esigono per andare avanti. Un caro Saluto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alesquart_3563070 - 11 mesi fa

      Ma tu la metti sempre in caciara? Bollando chi non la pensa come te come fascista? Ma datti una calmata. Al di là dei personaggi politici che si sa perfettamente come sono fatti, De Magistris ha puntualizzato che nessuno della Fiorentina si è fatto vedere. Questo è il dato grave. Posso comprendere che Commisso non sappia chi è De Magistris, ma Pradè, Antognoni, lo sanno alla perfezione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 11 mesi fa

        Sei poco attento perché io non l’ho messa assolutamente in caciara ma ho condannato TUTTI quindi, inevitabilmente, ci sono anche quelli che la pensano com me. Tu piuttosto scrivi per il gusto di scrivere senza sapere cosa scrivi. Dimmi che senso ha il tuo discorso? Magari sei un fascista e ti risenti tu perché sei assimilato a quell’idea. A me i fascisti, i comunisti e tutti i regimi totalitari non piacciono, a te?
        Pensa e accendi il cervello prima di scrivere cose senza senso, anche se per te sarà difficile forse la nappina del FEZ ti batte troppo sulla testa

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 29agosto1926 - 11 mesi fa

          Madonna quanti fascisti ci sono!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Felipe - 11 mesi fa

          Lui sarà anche simpatizzante fascista…..ma tu mi sembri un poco fuori rotta, per non dir di peggio.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. alesquart_3563070 - 11 mesi fa

    Fatto molto grave….FIORENTINO per definizione che ha dato lustro alla città con la sua tenacia nel suo sport e nell’amore per la Fiorentina. Lo sport non poteva essere assente. Tantomeno la società.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy