Decreto Semplificazioni: il Senato approva l’emendamento stadi

Decreto Semplificazioni: il Senato approva l’emendamento stadi

Il decreto dovrà ora ottenere il via livera della Camera dei Deputati

di Redazione VN

La conversione in legge del decreto Semplificazioni a Palazzo Madama si conclude dopo un tour de force che ha visto le commissioni Affari costituzionali e Lavori pubblici del Senato, approvare ben 200 emendamenti. Maggioranze trasversali e veti incrociati, come ad esempio sulla norma riguardante la riqualificazione degli stadi che è passata grazie al centrodestra e con il ‘no’ dei 5 Stelle, hanno contraddistinto l’iter del testo, rallentandone il percorso. Ora, dopo il voto di fiducia dei senatori, il decreto dovrà ottenere il via libera della Camera dei Deputati in tempi strettissimi (i termini per convertire il dl scadono a metà settembre).

L’emendamento fortemente voluto dal leader di Italia Viva Matteo Renzi, approvato grazie al sostegno decisivo del centrodestra, consentirà di accelerare anche gli interventi di ristrutturazione o rifacimento ex novo degli impianti sportivi italiani, superando alcune prescrizioni paesaggistiche e culturali che richiedono l’ok della sovrintendenza (queste ultime se reputano necessaria la tutela di alcuni ”specifici elementi”, possono comunque dare indicazioni in tal senso ma secondo tempi contingentati). La norma punta ad adeguare gli impianti a ”standard internazionali di sicurezza, salute e incolumità pubbliche”.

Adnkronos

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy