Diritti tv: in arrivo la nuova legge. Ecco i nuovi parametri

Diritti tv: in arrivo la nuova legge. Ecco i nuovi parametri

Con la nuova distribuzione dei diritti tv ci sarà un gap minore fra le squadre forti e le piccole

di Alessandro Nepi
diritti tv serie A

Nuova legge diritti tv competitività europea. Equità non sempre vuol dire “tutti felici e contenti”, anzi. E il calcio italiano rischia di scoprirlo sulla propria pelle, con l’evoluzione dei regolamenti sui diritti tv. La legge Melandri (che regolamenta appunto la distribuzione dei diritti) così come la conosciamo ha i mesi contati. La modifica è in arrivo e una prima bozza di proposta sarà ufficializzata nelle prossime settimane grazie al lavoro delle deputate Bonaccorsi e Sbrollini.

Centrale, secondo quanto scrive calcioefinanza.it, sarà l’argomento dell’equità: serve maggiore equilibrio nella distribuzione delle risorse che arrivano dalle televisioni, oltre a paletti più netti per tutti i protagonisti (come gli advisor, leggasi Infront). Più equità vuol dire, in parole povere, che le big riceveranno meno soldi.

L’ipotesi infatti è quella di alzare al 50% (attualmente è invece al 40%) la parte di ricavi da distribuire in parte uguali a tutte le società, mentre il 30% in base alla popolazione e il 20% in base ai risultati storici.

Un restyling di un certo peso, che potrebbe spostare gli equilibri. Non tanto in Italia, dove comunque la forbice tra prima e ultima resterebbe ampia (la prima guadagna oggi 4,6 volte l’ultima, con la riforma il rapporto sarebbe 3,5 a 1), quanto piuttosto in Europa dove le big perderanno competitività con le altre società che primeggiano.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. W I BERTOLDO DEL WEB - 3 anni fa

    In Europa come in Italia (I Bomba docet!) si riesce sempre a fare le leggi prendendo ad esempio le legislazioni di altri paesi. Non sarebbe nemmeno male se si prendessero le migliori(In questo caso Inghilterra) invece riusciamo sempre a prendere il peggio come esempio e quindi i risultati sono quelli che sono.
    Sarebbe interessante che Vinciguerra, invece di dirci quante volte ci ha arbitrato Tagliavento, potesse fare una simulazione degli introiti delle squadre di Seria A se si adottasse il sistema Inglese, potremmo renderci conto delle diverse realtà che ci dividono.
    Il Leicester, a proposito un in bocca al lupo da tutti noi, prende 98 Mil dai diritti televisivi, una città di meno di 300.000 abitanti e senza nessuna tradizione sportiva alle spalle.
    Diccelo Vinciguerra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rudy - 3 anni fa

    Se si concretizzasse la Città Metropolitana per la Fiorentina aumenterebbero i ricavi ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. folder - 3 anni fa

    Il Sassuolo,in base al parametro della popolazione quanto prenderebbe:5 lire del vecchio conio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy