Decreto “Cura Italia”: ecco le misure economiche per lo sport

Decreto “Cura Italia”: ecco le misure economiche per lo sport

600 euro per i lavoratori autonomi e i collaboratori sportivi

di Redazione VN
Spadafora-Serie A

Seicento euro di indennità a tutti i lavoratori autonomi del comparto e ai “collaboratori sportivi”. È una delle misure inserite nel decreto “salva economia” approvato dal consiglio dei ministri di fronte all’emergenza Coronavirus. Il provvedimento – scrive gazzetta.it – varrà come una tantum per aiutare chi è rimasto senza entrate, vista la chiusura di tutte le strutture sportive in questo momento. La novità dell’ultim’ora è che il tetto dello stanziamento è cresciuto fino a 50 milioni di euro consentendo di intercettare una platea che sfiora i centomila operatori. Il provvedimento si rivolge anche a quei tecnici e istruttori, impegnati nello sport dilettantistico, che percepivano finora compensi esentasse fino a 10mila euro l’anno e che rischiavano di rimanere fuori da qualsiasi forma di contributo.

Nel decreto ci sono anche le altre misure annunciate. In particolare la sospensione di tutti i versamenti fiscali, previdenziali e assicurativi fino al 31 maggio con pagamenti spostati al 30 giugno, e dei canoni che i gestori devono pagare per l’affitto degli impianti sportivi. La sospensione varrà per tutte le società, professionistiche e non (il provvedimento era stato caldeggiato fra gli altri da tutto il mondo dello sport e in particolare dalla Federcalcio) e non.

Il ministro dello sport Vincenzo Spadafora ha diffuso una nota per illustrare i provvedimenti: “Il mondo dello sport ha davvero fatto squadra. Nelle ultime ore io e i miei uffici siamo stati in contatto costante con il Coni, il Comitato Paralimpico, Sport e Salute, le Federazioni sportive e gli Enti di Promozione per studiare insieme le misure urgenti e indifferibili per dare una prima, importante risposta alla crisi del settore a causa del Coronavirus. Ho rinnovato a tutti i miei interlocutori, trovando immediata adesione, l’invito a convocare entro due settimane una giunta straordinaria del Coni e del Cip, naturalmente in teleconferenza, per iniziare subito a studiare le norme e le azioni da mettere in campo, speriamo al più presto, per rilanciare le attività sportive a tutti i livelli. I prossimi Decreti saranno dedicati al rilancio del Paese e dell’economia”.

Economia e calcio: sospesi i termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy