Da Montella a Sousa, al centro di tutto c’è sempre il pallone

Da Montella a Sousa, al centro di tutto c’è sempre il pallone

Le prime impressioni degli allenamenti di Sousa, tecnico meticoloso e con un occhio di riguardo ai portieri…

di Redazione VN

Cambia l’allenatore da Montella a Sousa ma non la centralità degli allenamenti viola: il pallone. Dopo tre sedute svolte a Moena è possibile abbozzare le prime impressioni sul lavoro del tecnico portoghese, attento ai dettagli fisici e tecnici. Gli allenamenti al mattino prevedono una buona parte dell’impegno all’interno della palestra per svolgere esercizi di potenziamento muscolare. Il lavoro sul campo viene svolto in piccoli gruppi, formati da tre mini squadre, per dedicarsi al possesso palla in situazioni di difficoltà. Al termine della prima seduta la squadra si sottopone ad un trattamento wellness (Clicca qui) che favorisce il recupero fisico dopo lo sforzo muscolare.

 

Nel pomeriggio prima di iniziare il lavoro fisico il gruppo svolge una seduta video dove viene spiegato nel dettaglio il lavoro da svolgere sul campo. Sousa poi, dopo aver fatto svolgere fedelmente questo canovaccio, ha diviso la squadra in gruppi di lavoro. E qui passiamo all’attualità. Alcuni giovani come Zanon, Bangu e Gondo sono rimasti a fondo campo a svolgere un torello, tutti gli altri hanno effettuato esercitazioni tattiche dove hanno partecipato anche i portieri. Sousa ritiene molto importante il terminale difensivo della squadra e tende a coinvolgerlo molto per impostare il gioco e perché rappresenta una possibilità di scarico per i difensori quando subiscono il pressing degli avversari.

 

Il comune denominatore col passato è il pallone, sempre protagonista degli allenamenti della Fiorentina. Questo fattore di continuità dà seguito alle tipologie di allenamento e dunque non dovrebbe portare significative novità nell’apprendimento dei calciatori. Il tutto in attesa di Babacar, che anche oggi si è allenato a parte e di Pepito che ha svolto le esercitazioni tattiche col pallone insieme ai compagni. Piccoli passi in avanti ma che sembrano enormi in questi tempi in cui il mercato stenta a decollare.

 

 

Da Moena – STEFANO ROSSI

Twitter @StefanoRossi_

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy