Toscana oggi – Covid: si torna vicino a quota 2000 con il record di tamponi

Il bollettino giornaliero

di Redazione VN

La situazione

In Toscana sono 38.958 i casi di positività al Coronavirus, 1.966 in più rispetto a ieri (1.647 identificati in corso di tracciamento e 319 da attività di screening). I nuovi casi sono il 5,3% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 2,6% e raggiungono quota 13.678 (35,1% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.056.864, 15.594 in più rispetto a ieri. Sono 9.904 i soggetti testati (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 19,9% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 842 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 23.970, +7,2% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.093 (106 in più rispetto a ieri), di cui 137 in terapia intensiva (7 in più). Purtroppo, oggi si registrano 13 nuovi decessi: 7 uomini e 6 donne con un’età media di 84,4 anni. L’età media dei 1.966 casi odierni è di 44 anni circa (il 15% ha meno di 20 anni, il 27% tra 20 e 39 anni, il 34% tra 40 e 59 anni, il 17% tra 60 e 79 anni, il 7% ha 80 anni o più).

I dati provinciali

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 11.774 i casi complessivi ad oggi a Firenze (670 in più rispetto a ieri), 3.035 a Prato (191 in più), 2.969 a Pistoia (188 in più), 2.580 a Massa (118 in più), 4.007 a Lucca (172 in più), 4.937 a Pisa (198 in più), 2.575 a Livorno (94 in più), 3.593 ad Arezzo (223 in più), 1.771 a Siena (61 in più), 1.167 a Grosseto (51 in più). Sono 550 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

CLICCA QUI PER VEDERE TUTTI I GRAFICI LEGATI A QUESTI NUMERI

166 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. crisbiagi_5647131 - 14 ore fa

    Vergogna. I bollettini della protezione civile parlano di morti contagiati da corona virus non a causa del coronavirus. Faccio mie le parole di Cacciari : considerateci come animali razionali: se l’età media ha 84,4 anni non è che anche senza covid sarebbero morti oggi perchè alla fine della loro vita o per altre patologie?
    Il covid è solo la scusa per istituire un regime fascista. La malattia c’è ma la gravità attuale, grazie alla cortina fumogena creata ad arte ora non la conosciamo. Perchè non dite più gli asintomatici? Perchè non dite da quali patologie erano affetti i morti? Perchè non dite se i ricoverati sono anche quelli di pronto soccorso in codice verde che 10 ore dopo sono rilasciati? Si muore non di covid (oggi) quanto di economia che va a galla e degli eventuali disordini che scoppieranno. Bella roba e i mass media fanno da megafono a questo regime che scommetto tanti anni fa i vostri nonni combattevano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lukkka - 13 ore fa

      Cioè dici che è un complotto dell’intero pianeta per non far cadere questo governo e istituire un regime fascista affamando milioni di italiani?! Si dai, ci sta..

      Per favore cerchiamo di non dividerci, la salute non deve avere bandiere politiche anche se molti sembrano non averlo capito.. se ne esce tutti insieme
      Comunque attenti anche quando parlate di età media: se domani dovessero morire di covid dieci 90enni e con questi un 65enne, un 55enne e magari un 45enne avresti comunque una media di 82 anni..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. 29agosto1926 - 2 giorni fa

    Questi articoli scritti così come sono dimostrano che non solo i medici sono in confusione ma anche, e soprattutto, i così detti mezzi d’informazione che fanno certamente più danni del dovuto. Ogni giorno si leggine le seguenti frasi:
    I contagiati aumentano ma i morti diminuiscono
    I contagiati diminuiscono ma i ricovero aumentano
    I ricoveri diminuiscono ma i morti aumentano
    Le terapie intensive aumentano ma i ricoveri dimuniscono
    È…. Così via. Ma che senso ha? Cosa vogliamo informare, di cosa parliamo?
    L’unico dato che sarebbe corretto dare è quello della percentuale tra i tamponi fatti e i contagiati ma nessuno lo fa.
    Poi vanno bene i ricoverati e le terapie intensive ma non sappiamo mai le percentuali che contano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 1 giorno fa

      ” Sono 8.156 i soggetti testati (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 20,9% è risultato positivo. ” ci sarebbe scritto in realtà..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 1 giorno fa

        Ma te sei bravo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. adrian sbrodi - 9 ore fa

      No, l’unico dato che in questo momento e’ rilevante e’ il numero di ricoverati di terapia intensiva.
      Non ci vuole la scienza del marconi per capirlo: quando i reparti di terapie intensiva arrivano a saturazione il sistema sanitario collassa e non c’e’ piu modo di curare pazienti gravi di covid o chi ne ha bisogno per altro motivo. Ti ricordo che in questo momento abbiamo circa 6000 letti di terapia intensiva in tutta italua, circa 1500 sono gia occupati da pazienti covid e i ricoveri aumentano al ritmo di piu di 100 al giorno.
      Per il resto mi pare che il bollettino riporti tutte le informazioni di cui hai bisogno (basta leggerlo) quindi non si capisce bene di cosa ti lamenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. vecchio briga - 2 giorni fa

    Ci richiudono, sicuro al 100%. Quindi mi rivolgo a quanti continuano a pensare sia tutta una messa in scena..abbozzatela e rispettate le regole che poi sono molto semplici. È l’unico modo per uscirne il prima possibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Eziogòl - 4 giorni fa

    Tutti a casa. Riguardiamoci. E preghiamo. Sarà bello quando.tutto sarà finito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. andrea333 - 5 giorni fa

    II discorsi assurdi e contorti non contano niente .I minimizzatoti sono stati zittiti dai numeri. Se non li sanno leggere è un loro problema. speriamo di riprenderci al più presto e di fare una grade festa quando questo incubo finirà .Un grande augurio a tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Eziogòl - 5 giorni fa

    TUTTI IN CASA. chiudere tutto. E zitti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eziogolgobbo - 5 giorni fa

      Chiuditi te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Antonino - 1 settimana fa

    per la Redazione: mi domando, perchè proporre questo problema su questo forum?
    eppure ne esistono già a decine dove chi vuole porta il proprio contributo , poche volte positivo con un’analisi +o- approfondite ,molte volte farcite di protagonismo e non conoscenza. Tutto ciò contribuisce a seminare rancori ed odii.
    Lasciate ad altri siti l’onore e l’onere di gestire i “leoni da tastiera”. quì si dovrebbe parlare solo ed esclusivamente di FIORENTINA.
    Mi viene l’atroce dubbio che la scelta sia puramente economica…tanti like, tanti soldi e questo mi fa rabbrividire.
    Se continuerete su questa linea editoriale farò come baglioni…. per voi non sarà un problema, per me la fine di un corner dove spesso pur incazzandomi, mi permette di “ricaricar le batterie” dai problemi quotidiani. ad majora

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 1 settimana fa

      Mi sembra che purtroppo questo tema sia molto importante per tutti noi che ci interessiamo anche alla Fiorentina . Riportiamo i dati toscani e basta senza fare nessun commento e se poi lei per un report giornaliero dovesse decidere di non leggerci più ovviamente mi dispiacerebbe, ma non ne capirei proprio il motivo che capirei invece se infarcissimo violanews di dati e notizie sul covid, ma per una sola al giorno, mi permetta di dire ma la sua sarebbe una scelta veramente eccessiva. Saluti
      p.s. per un sito che ha spesso un numero di pagine viste giornaliere oltre quota 400.000 questa notizia economicamente non fa assolutamente la minima differenza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marco Chianti - 1 settimana fa

      Puoi anche saltare la notizia e non cliccarci su.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 2 giorni fa

        Bella risposta. Ma credo che l’amico sopra abbia ragione e basta

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. andrea - 1 settimana fa

    Mike Ryan, direttore del programma sulle emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nella conferenza del 13 maggio, disse che il coronavirus sars-cov-2 avrebbe potuto anche non andarsene mai, per questo auspicava interventi mirati da parte degli stati, con l’obbiettivo di una convivenza con questo problema. E sempre in quei giorni un articolo del “Internazionale”, che riprendeva un pezzo del New York Times, spiegava come poter uscire da una emergenza sociale senza forzatamente passare da quella medica. Puntando principalmente il dito sulla paura da parte della popolazione che avrebbe potuto verificarsi anche se le condizioni di reale pericolo fossero divenute quasi nulle.
    Qui sotto posterò il link per coloro che avessero voglia di leggere qualcosa di un certo interesse. Ah! Ricordo a tutti i naviganti che questo sito che ospita generalmente la leggerezza del calcio, in questa specifica pagina si occupa in maniera seria di un problema sul quale alcuni lettori, come me, provano a commentare con il migliore dei metodi a propria disposizione, con la speranza che possano rivelarsi utili alla loro comprensione. Se poi questo non risultasse possibile a tutti, o se chi scrive non fosse sufficientemente chiaro, esiste sempre la possibilità di passare oltre.

    https://www.internazionale.it/notizie/gina-kolata/2020/05/21/quando-come-finisce-pandemia?fbclid=IwAR2KksSNiSYCTcXKv4JuxajDtu9rbKDtiOZeEZV-UggXozO6e66tlsbEnFI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. andrea - 1 settimana fa

    Premetto che non risponderò a nessuno, soprattutto a coloro che sentendosi investiti di una verità assoluta, si dilettano a polemizzare su tutto usando stranezze grammaticali per dare sostanza al nulla. Oltretutto sono bandite da un linguaggio accettabile le seguenti parole: resilienza e negazionista. Insopportabili. In un mondo, quello dei social, nel quale l’offesa è valore, una discussione è impossibile. Purtroppo anche parlando di temi come una malattia quasi tutti tendono a porsi in maniera dogmatica, partendo da assurde appartenenze politiche. In un verso o nell’altro. Quindi per questo mi spiace per chi vorrebbe provare a capire le ragioni dell’altro in maniera propositiva cercando di arrivare a una sorta di prossimità al vero, come dovrebbe avvenire in una normale contrapposizione dialettica nella quale la sintesi è scontro tra tesi e antitesi. Detto questo posso provare a portare nuovamente il mio pensiero, fregandomene alla grande della modernità dell’uso di una platea virtuale per celebrare in maniera dogmatica il proprio Io. In puro stile scanziano. Qualcosa è cambiato. Senza dubbio l’approccio conoscitivo verso una malattia del tutto sconosciuta è stato drammatico. E non sarebbe potuto essere diversamente. Ma come scrivevo poco fa, qualcosa è cambiato. La scienza medica ha sicuramente raggiunto un livello di velocità nel riscontrare la presenza di quel determinato virus, che 8 mesi fa era impensabile. Oggi non si aspettano mesi di febbre curata a Tachipirina prima di capire da cosa dipenda. L’intervento è pressoché immediato e le cure si stanno dimostrando sempre più efficaci se date in maniera tempestiva. L’uso della mascherina e l’attenzione verso l’igiene personale hanno sicuramente fatto il resto. E i dati che ci arrivano quotidianamente vanno assolutamente in quella direzione. So che ogni defunto è uno strappo dolorosissimo agli affetti, anche se accade in età nelle quali per convenienza mentale abbiamo idealizzato come normali, ma questa rimane comunque la nostra precondizione alla nascita. Credo che, pur mantenendo comportamenti idonei, dovremmo per tanto smettere di vivere questa situazione con un ansietà maggiore al giustificato. E iniziare a togliere la tecnica e l’economia dalla poltrona di comando restituendo all’uomo la sua centralità nella assoluta tragedia della sua finitudine.
    Buona serata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. andrea - 1 settimana fa

      Dimenticavo
      “Senti ciccio, nella vita reale non me lo diresti. Fidati!”
      Per capire la distanza di una discussione sul web, senza il volto dell’interlocutore, e una reale e viva.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. el_sup - 1 settimana fa

        Caro dottor Andrea
        La rassicuro, glielo direi lo stesso.
        Ma se si sente offeso non lo farò.
        Chiedo venia per aver usato un tono toscanaccio in un forum sì erudito.
        Comunque meglio un sano “ciccio” che leggere l’arroganza dei suoi commenti, 100 volte più offensivi di un modus dialettico buttato lì in portale sportivo e non di filosofia.
        Le consiglio di rileggere, con onestà intellettuale, i Suoi post pregni di quella supponente ostentazione che sono il danno di una cultura fine a se stessa, ma lontana mille miglia dalla realtà.
        Le facilito l’impresa:

        andrea – 1 settimana fa
        Siete patetici.

        andrea – 1 settimana fa
        Mi sa che sei talmente preso dalla tua presa di posizione che non riesci neppure a capire un testo scritto.

        andrea – 1 settimana fa
        ….. Non hai capito una benemerita e te ne stai lì a offendere dando dell’ignorante a l’altro? Dimmi:quanto tempo è passato da quando hai letto un libro che non avesse le figure?

        andrea – 1 settimana fa
        …..Ma hai capito cosa ho scritto? Oppure ti hanno messo in bocca una parolina che te ora ripeti a nastro non comprendendo una benemerita di cosa si stia parlando? Ma smettila e rileggi cosa ho scritto e soprattutto sforzarti di capirlo

        andrea – 1 settimana fa
        Di demenziale c’è soltanto la tua stupida considerazione. La tua repressa voglia di sovrastare l’altro non ti ha dato il tempo di riflettere su quanto da me scritto. Siete patetici vi dovete porre ideologicamente anche su un problema sanitario. Ho scritto quello di cui tu mi accusi? No! Leggi e comprendi se ne sei capace

        ps.:
        Chi è Lei per arrogarsi il diritto di ammonire sull’uso di un nick?
        Peraltro usato con cognizione di causa, per convinzione ed impegno personale che non sto certo a spiegare a Lei che si sbrodola in continue citazioni fine a se stesse, con il solo scopo di umiliare il prossimo ed esaltare il suo sapere.
        Esattamente la visione della dialettica che apprezzerebe il sub comandante.
        Che tanto conosce bene.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. el_sup - 2 settimane fa

    per prevenire ulteriori analisi fuori luogo di filo-filosofi greco antichi (dei quali peraltro condivido appieno la visione sulla morte), o di negazionisti delle evidenze,
    propongo questa sana lettura che espone e descrive statisticamente il problema attuale,
    chi la vorrà leggere capirà che, in una visione di prevenzione attuata per scongiurare future emergenze, sia indubbio cogliere e attuare qualsiasi consiglio ci venga dato per limitare la diffusione di sto caxo di virus, perchè come è vero che ha una letalità + bassa di altre malattie è altresì incontrovertibile che abbia una diffondibilità clamorosa, cosa che, potrebbe ricreare facilmente gli stessi “disagi” profocati a marzo, dove, ricordo, non venivano rintracciati gli asintomatici, bensì solo i sintomatici se non i gravi.:
    —-
    A mettere in allarme è il ritmo di diffusione del contagio, che procedendo senza contrasto arriverebbe a numeri non più gestibili già nel medio periodo. Ricordiamo che, in questa fase dell’epidemia, sul totale dei positivi il 5% circa viene ricoverato e che lo 0,6% richiede un trattamento intensivo. Per meglio comprendere il rischio che potremmo correre basta rilevare che in soli 11 giorni è più che raddoppiato il dato relativo alle terapie intensive: erano 358 lo scorso 8 ottobre, pari all’8,8% del valore di picco. Andamento analogo per i ricoverati, più che raddoppiato in due settimane: erano 3.487 il 5 ottobre, pari al 12,01% del valore di picco. Abbiamo più volte ricordato che dobbiamo tenere i nervi saldi, che la situazione è ancora gestibile: ma è evidente come sia indispensabile abbassare la curva del contagio. Perché se il raddoppio delle ospedalizzazioni e delle terapie intensive proseguisse allo stesso ritmo della prima metà di ottobre ci porterebbe ad avere numeri difficilmente gestibili entro fine novembre. Per trovare conferma basta applicare ai dati di oggi un raddoppio ogni due settimane: il virus si può ancora contenere, ma va fermato subito e senza indugi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. andrea - 1 settimana fa

      Prova soltanto a tentare di usare una qualsiasi emergenza medica per chiudere San Cristobal de Las Casas. Provaci! Fai una cosa ,intanto mettici il tuo nome in firma alle offese, non sarà certamente come un volto, ma fa. Quel nome poi… già ti avevo ammonito una volta che usare quel nome per difendere l’allora proprietario della Fiorentina, per lui che aveva lottato una vita contro l’idea di proprietà privata e aveva visto morire decine di persone al suo fianco, era l’offesa peggiore che tu potessi rivolgergli. Scendi dal trono, e ascolta il pensiero di tutti senza sminuirlo con nomignoli o offese. Buona serata

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. andrea - 2 settimane fa

    Vedo che nonostante abbia spiegato molto bene il mio pensiero, molti fanno ancora finta di non aver capito per poter sfogare le proprie frustrazioni. Io non ho mai scritto che il problema non esiste, mai. So quali siano i comportamenti adeguati e che nonostante questo fermare un epidemia sia pressoché improbabile, se non impossibile, con il solo uso della ragione. Per questo sono molto attento e osservo l’evolversi del problema come voi. Ma torniamo a quanto da me scritto e da molti contestato. Al fine di comprendere il problema e cercare di tamponarlo, se non fosse possibile arrestarlo, dovremmo porsi di fronte ai dati seguendo un metodo chiaro e distinto (Cartesio). Dobbiamo cercare di suddividere i migliaia di casi arrivati, per comprendere in quale modo sta evolvendo, e prevederne la futura pericolosità. Tra tutti i dati divulgati, io, ho posto l’accento su uno in particolare: l’età molto avanzata di alcune persone defunte. Premetto: non ho assolutamente detto che non sia comunque sofferta una dipartita di una caro affetto, anche se su questo punto occorrerebbe un ragionamento così complesso e ampio dal far ritenere uno strumento come questo da noi adoperato, inutile. Al fine di avere dati validi e veritieri, come prevederebbe un approccio scientifico, la mia domanda verso il caro Pestuggia era se lui ritenesse valida, in termini statistici, la casistica legata alla morte di persone che hanno una età per la quale sia veramente impossibile poterne dichiarare le reali cause. Poi, per quanto concerne il discorso sulla concezione di morte nell’uomo moderno, penso che sia un pensiero assolutamente condizionato dalla secolarizzazione della religione cristiana, on tutti i i dogmi di cui è portatrice. Grazie, astenersi perditempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. andrea - 2 settimane fa

      Un’epidemia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. el_sup - 2 settimane fa

      ritendendomi non un perditempo ti rispondo:
      condivido appieno la tua analisi sulla visione della morte, concordo vieppiù con gli antichi greci e invidio certe filosofie non cristiane che affrontano l’unico evento ineluttabile della nostra vita senza ipocrisie religiose.
      Ma continuo a domandarmi perchè parlarne qui, in risposta ai dati sul COVID?????
      Perchè insistere senza ammettere che sei completamente off topic
      Perchè volere minimizzare e generalizzare decessi altrimenti evitabili a fronte di una egocentrica dialettica sterile e fine a se stessa?
      Non fate (te come altri) che fomentare negazionismi e prese di posizione completamente egoistiche e fuori luogo.
      Io ho avuto 1 amico morto a 55 anni, un fratello in intensiva e positivo con sintomi per 104 giorni, cari amici di Bergamo che hanno visto decimato il loro condominio dove su 7 deceduti uno solo aveva 80 anni.
      L’impreparazione delle nostre (parlo di tutto il mondo) strutture e organizzazioni ospedaliere è stata evidenziata in maniera talmente palese dalla prima, devastante ondata, che mi domando ancora:
      ma icchecentrano i greci ora?
      ma ‘un ti riesce ammettere che hai e stai continuando a pisciare fori dar vaso?
      che dai pappa ai chiacchieroni che ‘un vogliono maskerine e gl’importsega se muore quell’artro?
      Qui c’è bisogno dell’impegno e della presa di coscienza di tutti affinchè si eviti di precipitare in situazioni che ci riportino indietro di mesi a ricantà bella ciao dar davanzale, non di un corso accellerato di filosofia.
      sei colto, bello e intelligente… dimostracelo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Andryviola - 1 settimana fa

        Rispetto per i morti ma a oggi è diverso, solo si vuole mantenere alta la tensione altrimenti pochi si vaccineranno, non è difficile da capire. Ho amici medici e infermieri e mi hanno detto che oggi il covid si cura, che la situazione è molto diversa e i più positivi sono asintomatici e un asintomatico raramente infetta, dico raramente perchè a rischio sono le persone già con altre patologie ed anziani, perciò giuste le precauzioni e il rispetto ma sbagliato il modo di fare terrorismo inutile!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. el_sup - 1 settimana fa

          dando per scontato che tu sappia interpretare i dati e i commenti scientifici, penso che forse ti manca la reale percezione di come la maggioranza interpreta qualsiasi affermazione.
          Se uno zangrillo dichiara maldestramente che il virus è clinicamente scomparso,
          Se un Bassetti ha il coraggio di ripresentarsi in tv affermando tutto e il contrario di tutto quello che aveva dichiarato 3 mesi fa.
          Se si da un credito ai Tarro o ai Monatanari.
          Se si accetta di buon occhio la visione di un Trump … che a fronte della peggior carneficina della sua nazione dalla guerra del vietnam (che vide “solo” 45000 soldati americani morti”) e che dichiara, per soli scopi elettorali che l’epidemia è sconfitta, con dati che lo smentiscono giornalmente
          Se si perdona un Bolsonaro che, appigliandosi all’economia che arricchisce pochi farabutti del suo paese, coglie l’utile al dilettevole, facendo scomparire migliaia di indios amazzonici..
          Se guardiamo con invidia un modello Svedese che ha lasciato morire 6000 persone a dispetto della poche centinaia deglia altri paesi scandinavi, il tutto per avere come risultato solo un misero punto in più di pil rispetto alla Danimarca e alla Norvegia,
          Credo che sia il momento di pesare bene le parole e non dare in pasto al popolo bue (con affetto) alte considerazioni filosofiche o dialettiche, che rischiano di fuorviare qualsivoglia pensiero illuminante per scopi propri ed egoistici.
          rischiando di “illuminare” solo l’ignoranza e la supponenza di tanti idioti.
          Io credo fermamente che sia il momento giusto di incrudire la comunicazione (tu lo chiami terrorismo) perchè il rischio è uno sbracamento (come abbiamo testè osservato questa estate) che sui grossi numeri che si potrebbero prospettare, qualora le curve continuassero a crescere con questo andamento, sarebbero drammatici, non solo dal punto di vista sanitario, ma soprattutto economico e sociale.
          Non vedo terrorismo ne disfattismo in un atteggiamento precauzionale e tutelante, e anche se non adoro questo esecutivo al governo, ritengo che chiunque fosse stato al loro posto avrebbe avuto pari difficoltà, anzi sono convinto che qualcun altro specie se con il nome che inizia per sal o mel e finisce per ini o oni, avrebbe creato una voragine di intelletto e di drammi irreparabili.
          Prova a fare un esercizio di transfert, se tu avessi il potere decisionale su una nazione, a fronte di tutte le nozioni scientifiche di questi mesi, confuse e contraddittorie, lente e alla spicciolata, firmeresti liberatorie o alleggeriresti la pressione delle regole da dare ai tuoi cittadini, assumendoti la responsabilità di una seppur lontana ma possibile carneficina???…
          io ci provo spesso e non sono arrivato alla conclusione che non avrei mai il coraggio di dire cose diverse da quelle che sento dire.
          Forse avrei qualcosa da criticare su certe soluzioni o certe azioni, ma non sono al governo e non faccio politica,e soprattutto non è il momento!
          Anzi mi adeguo e cerco di rispettare e far rispettare quelle che ritengo inevitavibili forme di tutela mia e del prossimo, anche centenario.
          Se muore mio nonno di 82 anni perchè è arrivata la sua ora, piango, ma sono consapevole che ha vissuto la sua vita, ma se muore perchè è stato contagiato da me cambio punto di vista. Se poi muore un 20enne perchè gli ospedali sono saturi e non possono accogliere pazienti… allora m’incazzo con chi non ha fatto il possibile perchè ciò non potesse avvenire.
          chiudiamo qui il nostro dibattito spero costruttivo.
          Ciao, con rispetto e fiducia.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. lukkka - 2 settimane fa

    Vorrei puntualizzare per quanti ancora non l’avessero capito, e sostengono che il virus è mutato e che la grande maggioranza degli infetti non ha sintomi che, a differenza della prima ondata, gli asintomatici adesso vengono conteggiati. Ovvero a Marzo ed Aprile, colti impreparati, i tamponi venivano eseguiti esclusivamente su pazienti con sintomi gravi ed evidenti.. Questo significa che in quei mesi probabilmente il numero di infetti era sulle decine di migliaia al giorno, esattamente come sta avvenendo oggi in molti paesi europei e adesso anche da noi.. questo vuol dire anche che, da una parte, forse siamo ancora in tempo ad invertire la tendenza con i giusti comportamenti, ma dall’altra che il trend è in salita ed il tempo di scrivere stupidaggini è finito.. quindi cercate di essere seri e proviamo a remare tutti dalla stessa parte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. lampredotto - 2 settimane fa

    Andrea hai ragione al 1000×100!! Ce mezzo paese con il covid non hanno sintomi…non sono malati!! Ma qualcuno si scandalizza perche’ muore un over 90…ma questa gente pensa di campare in eterno???
    8000 morti l’anno per incidenti in strada ma nessuno pensa ad andare a piedi e a chiudere le strade giustamente. Continuate a fare terrorismo mediatico..con il prossimo decreto da corea del nord vedrete poi quanti GIOVANI e e vecchi si ritroveranno a piangere per una economia che non esiste piu!!
    E prima di scrivere stronzate da pecoroni andate a vedere veramente nelle terapie intensive chi ce e quanti ce ne!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. el_sup - 2 settimane fa

      senti ciccio, se fanno un altro lock down è per gente come te, che nonostante abbia una decente istruzione, continua a non capire ‘na sega (e qua ce vole, redazione… non mi censurate).
      il problema non sono i morti! anche se diciamo che… filosofia o no… tirare ‘ir calzino anche a 80anni non fa piacere, il problema è l’eccessivo afflusso che rischiamo di provocare nelle intensive e nelle sub, questo rischia di portare allo stress e alla saturazione tutte le attività ospedaliere, con danni collaterali anche per altre patologie.
      ma che ‘un vi sono bastati sti mesi per riflettere e capire???
      E se non l’hai capito te, con la tua istruzione e quegli altri imbecilli che minimizzano una pandemia che ha già causato più di un milione di decessi, con immagini e video che resteranno per sempre nella nostra memoria… allora è proprio vero che la scuola istruisce il sapere ma non la capacità di elaborare.
      Agli sciacquettoni come voi, che mostrano il petto con un coraggio e una sfrontatezza inutile, vi fareii firmare la famosa liberatoria che dice:
      –se lo piglio io, il covid, curate un 80enne, non me. In più se contagio qualcun altro e questo muore o sta di molto male… vado volentieri in galera per epidemia procurata.
      me lo merito.
      firmina e…. per me tu la poi penzà cosa ti pare.
      basta che te lo tieni per te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. el_sup - 2 settimane fa

        questo post non era per te, lampredotto di capra, ma per andrea il filosofo istruito che ci ha illuminato poco più sotto.
        comunque lo puoi consederare adattissimo anche per te

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Andryviola - 2 settimane fa

        Mi spiace ma i dati dicono che non c’è nessuna emergenza! Forse dovreste abituarvi a convivere on il Covid visto che sarà per sempre, il resto è solo terrorismo psicologico montato! Come i falsi referti di morte Covid quando non ne è stata la causa e conosco molti di questi ma chiaro meglio mettere terrore alla gente così manteniamo in piedi questo governo alleato alla massoneria!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. el_sup - 2 settimane fa

          ma vergognati piccola mente!
          In questo momento non è emergenza è precauzione.
          E’ la gente come te che rischia di causare i maggiori danni e farci ritornare in emergenza.
          ti chiedono di metterti una mascherina per rispetto del prossimo e di mantenere certe accortezze in attesa proprio per non ricaderci, non di entrare dentro una vergine di norimberga.
          Se non lo facessero vi lamenterste della superficialità di approccio.
          Vi siete già dimenticati.
          Se per te questo terrorismo, per siete voi da trattare alla stregua di un criminale, egoista e anche un po strunz.
          mettiti la maskerina, vai, che magari si sentono meno anche le tue boiate.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. el_sup - 2 settimane fa

      ecconen’artro.
      I pecoroni sanno contare e leggere le statistiche, i caproni no.
      I posti letto in T.I. in toscana sono 750 c.ca
      Ad oggi i ricoverati sono 51.
      L’incremento giornaliero dei casi è tale che se il trend continua così, fra 10 giorni saranno quasi alla saturazione.
      Cosa che è successa già al vostro cervellino limitato.
      Ora:
      1) anche se non credi alla violenza di questo virus
      2) se l’unica soluzione per ridurla attualmente conosciuta nel mondo è il lockdown
      3) se non sei tu a decidere se fare il lockdown o no.
      4) sarà bene che vi adeguiate alle scelte della maggior parte delle persone sane di mente
      5) per il vostro egocentrismo saremo obbligati a richiudere tutto e far crollare qualsiasi attività
      6) io vi vengo a cercare a casa e la mascherina ve la incollo coll’attack.
      7) meglio aver paura che toccarne, mai è stato un detto più attuale.
      4) sarà bene aver paura o toccarle?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gerrone - 2 settimane fa

        che lavoro fai se avessi in attività in proprio non parleresti così ….perché un altro lockdown farà morire di fame chi non ha la busta paga ma lavora in proprio …,

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. el_sup - 2 settimane fa

          proprio perchè lavoro in proprio che scrivo questo.
          fammi un altro lock down causato da gente come te che pensa che sia tutta una fanfarata (sensa saper dire a chi gioverebbe..tra l’altro) e che reputa la maskerina un sopruso e non un rispetto per il prossimo, allora sì che si ride
          uno l’ho superato a malapena, un altro mi mette in ginocchio.
          anzi m’incaxxo proprio come una belva con chi come te/voi, superficiali come un 13 enne, continua a non capire che senza l’impegno, serio, di tutti, qui non se ne esce… altro che negazionisti. … firmami il manleva dove giuri che ‘un segui le regole e che però nn ti farai curare ne te ne i tuoi familiari… eppoi se ne riparla.
          Quando una famiglia è nella merda ci si rimbocca le maniche per uscire dalle peggiori situazioni… ma voi ne ammucchiate dell’altra.
          Ma robe da pazzi, manco le evidenze vi fanno tacere.
          vergognatevi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Staffa - 2 settimane fa

    Ma il grande neo governatore cosa ne pensa di questi numeri?
    Ho pensa solo ai rinfreschini?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Up The Violets - 2 settimane fa

      AI ragione, dovrebbe penZare anche HA insegnarti un po’ di grammatica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. el_sup - 2 settimane fa

        ho vvia.
        oh perzo una staffa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Marco Chianti - 2 settimane fa

    Leggevo più di un commento quà sotto di minimizzatori, complottisti e virologi con la terza media. Fra loro anche ci sono anche dei filosofi coi quali posso anche essere concorde sul fatto che il concetto di morte sia un tabù nella nostra società moderna e andrebbe affrontato diversamente. Ciò non toglie però che bisogna fare di tutto per tutelare la vita anche di anziani e immunodepressi, che questo virus meno circola meglio è anche perchè non sappiamo oggi quello che sarà domani per esempio non sappiamo se muterà, acquisendo o perdendo forza. Inoltre se il SSN va sotto stress dopo non tutti potranno essere curati con la conseguenza che la mortalità aumenterà. Mettiamoci anche il fatto che ad oggi non sappiamo le conseguenze che ci saranno in futuro per chi ha contratto il virus. Queste cose non le dico io ma la stragrande maggioranza di medici ed infermieri fatta eccezione per qualche “guru” in cerca di notorietà su facebook. A ognuno il proprio compito, ai filosofi quello di fare i filosofi, sdoganare il concetto di morte in una società come quella moderna è giusto e saggio. Ai medici e agli infermieri il compito di curarci. Sempre ai politici, ai virologi, agli immunologi, agli statistici, agli economisti ecc… il compito di tracciare le regole da seguire in questa situazione con il duplice compito di tutelare la vita umana (compito primario) e di tutelare l’economia (compito secondario). A noi cittadini il compito di seguire le regole e non fare gli stronzi inventandosi o credendo a teorie fantasiose pur di non comportarsi responsabilmente. Finisco col calcio perché questo è un sito che parla di pallone. Se vogliamo continuare in questo campionato penso che sia inevitabile pensare a qualcosa in stile nba. La cosiddetta bolla. Per un lasso di tempo di qualche mese questi professionisti iperpagati possono anche sopportare di stare in un permanente ritiro, esclusi dall’esterno, in modo da limitare al massimo i contagi. ALtrimenti non ne veniamo fuori, il campionato non finisce secondo me.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. ottone - 2 settimane fa

    Il flash di cosa hanno nella zucca molti degli “idoli” del pallone, a cui non dovrebbero mancare “sane” indicazioni sanitarie e di senso civico, è nella foto diffusa da Ronaldo a capo della tavolata di teste di c…suoi simili: sorridenti, senza mascherina, appiccicati come acciughe. Giovani, forti, miliardari e …fondamentalmente idioti. Il succo del dilagare del Covid è in questa immagine. E poi si sta a discutere delle misure del governo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. andrea - 2 settimane fa

    L’Italia è il paese con la più bassa comprensione di un testo scritto rispetto al resto d Europa. E lo si capisce dai commenti qui sotto, che non avendo capito una benemerita di quanto da me scritto riguardo alla notizia dei sei morti pluri ottantenni, io avevo opportunamente evidenziato il fatto che chi muore a una età prossima ai 90 non dovrebbe essere inserita nel conteggio statistico, in quanto a quell’età si muore non per una data malattia ma per l’età stessa. Ecco subito il popolo scurrile e pecoreccio che con la bava alla bocca mi accusa di cose che assolutamente non ho scritto, ma dall’alto della propria ignoranza stanno impettite sul podio del vincitore a impartire lezioni. Poveri noi. Ah! A chi mi ha dato dell’ignorante consiglio delle letture giornaliere, con l’applicazione si riesce a comprendere il mistero di un segno grafico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lukkka - 2 settimane fa

      “chi muore a una età prossima ai 90 non dovrebbe essere inserita nel conteggio statistico, in quanto a quell’età si muore non per una data malattia ma per l’età stessa”.. ti avevamo capito benissimo, una frase imbarazzante.. torna alla comprensione del testo e lascia queste cose a medici, virologi, statistici ecc.. e visto che ti piace tanto fare il fenomeno prova a chiederti se è statisticamente rilevante non contare i morti con/per coronavirus con almeno 80 anni..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. andrea333 - 2 settimane fa

      Dai hai scritto una sciocchezza e probabilmente te ne rendi conto. Facevi meglio ad ammettere di aver scritto una C*** , invece di tirare fuori la comprensione del testo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. andrea - 3 settimane fa

    A 82 anni si muore. Come scrisse Freud “Non si muore perché ci si ammala, ma ci si ammala perché fondamentalmente bisogna morire.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lukkka - 2 settimane fa

      Grandissimo.. poi quando inizieranno a morire quelli della tua età mi raccomando mettiti a piangere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. andrea - 2 settimane fa

        Siete patetici. Uno aveva quasi 90 anni. Siamo mortali. I greci al tempo in cui arrivarono all’apice della loro e della nostra cultura, avevano due parole per dire uomo: antrhopos e amer ma non le usavano mai. Prima Omero e successivamente Platone usarono brotos e thnetos: colui che è destinato a morire e il mortale. Loro avevano coscienza di cosa fossimo e nella tragedia espressero pienamente tutta la realtà della finitudine dell’esistenza umana. Poi arrivò il cristianesimo che assorbì e plasmò l’immensa cultura greca, aggiungendo una cosa sarebbe stata assolutamente inaccettabile per qualsiasi uomo vissuto di cultura: l’idea dell’immortalità oltre il corpo. Oggi tutti noi abbiamo subito il processo di secolarizzazione del cristianesimo e in qualche modo ne siamo culturalmente figli. La non accettazione della morte è una conseguenza. Nessuno vorrebbe morire ma questo siamo e quando arriviamo a una età che per comodità indichiamo verso gli 80 anni, ogni giorno in più è guadagnato. Purtroppo l’immensità e la difficoltà di fare nostro un pensiero che non lo è più da millenni, prevederebbe l’attento studio della filosofia. Materia oggi ritenuta inutile.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. mcweb - 2 settimane fa

          Propio non ti entra in testa eh cefalo? Ma quelli con patologie pregresse piu giovani? Cosa dici di quelli? Non rischiano? Ma fai festa ignorante della prima ora…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. andrea - 2 settimane fa

        E comunque io non ho scritto che la malattia non esiste ma che non si può realmente dire che sia stata una data malattia a provocarla quando si parla di quasi novantenni

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. lukkka - 2 settimane fa

          Oggi sono morte 41 persone, sicuramente stanche della vita come dici tu.. un mese fa ci lasciavano per cause ignote appena 4 o 5 anziani, ora, come pensi andrà a finire fra un paio di mesi? E’ un problema molto semplice sai, nonlo risolvi con Platone qua serve fare i conti.. chissà dov’eri fra marzo e aprile quando Bergamo ha visto la sua mortalità rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti aumentare del 600%? che dici sti 90enni s’erano tutti messi d’accordo? mha..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. andrea - 2 settimane fa

            Io dico che non hai capito cosa ho scritto. E non c’è da aggiungere altro

            Mi piace Non mi piace
          2. lukkka - 2 settimane fa

            quello che ti sfugge e che a 80 anni ne puoi fare anche una questione filosofica se ti va.. ma se la diffusione è incontrollata inizieranno a morire 60 enni 50 enni 40 enni e via.. allora le tue parole saranno sempre le stesse? sopratutto per una pandemia la cui diffusione dipende dalle nostre azioni?

            Mi piace Non mi piace
    2. el_sup - 2 settimane fa

      come disse Arturino Schopenouer, tanto per rispondetti a tono:
      “Di fronte agli sciocchi e agli imbecilli esiste un modo solo per rivelare la propria intelligenza: quello di non parlare con loro.”
      aiutaci.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. andrea - 3 settimane fa

    Più decessi: 6, di età media 81,5 anni. Mi dispiace ma a me sembra che si stia creando un’attenzione e un allarmismo immotivato. Nessuno vorremmo che morisse, ma a 82 anni l’idea alternativa sarebbe l’immortalità. Torniamo alla consapevolezza della nostra esistenza come ineluttabile finitudine, e tutto tornerà ad apparirci com’è, nell’ordine delle cose. Buona serata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianluca - 2 settimane fa

      Ti auguro di arrivare a 80 anni ma allora vorrò vedere se avrai voglia di morire e male. Ho parenti ultra ottantenni con patologie ma che possono andare avanti e vivere tranquillamente. Chi sei tu per decidere che devono morire perché tu non vuoi portare una mascherina o perché non vuoi che vengano adottate le misure sanitarie?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. andrea - 2 settimane fa

        Mi sa che sei talmente preso dalla tua presa di posizione che non riesci neppure a capire un testo scritto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. mcweb - 2 settimane fa

      Allora anche tu non.hai capito, ma siete duri. Ci sono moltissime persone di 55,60,65 anni con patologie pregresse e queste persone SONO A RISCHIO MORTE se beccano il Covid ti e chiaro ignorante oppure no? Ma ci vuole tanto a capirlo? Mamma.mia che cefali…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. andrea - 2 settimane fa

        Avevo fatto bene a risponderti. Il mio subconscio ti aveva già individuato. Non hai capito una benemerita e te ne stai lì a offendere dando dell’ignorante a l’altro? Dimmi:quanto tempo è passato da quando hai letto un libro che non avesse le figure? Te lo spiego io non ho detto niente di quanto tu mi accusi, ho soltanto fatto notare che chi muore a 90 anni non dovrebbe essere conteggiato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Saverio Pestuggia - 2 settimane fa

      A parte il fatto che per trovare 6 decessi in un giorno dobbiamo risalire a marzo aprile, stanno aumentando molto i ricoveri cosa che non avveniva fino a una settimana fa. Nessuno vuole fare allarmismo, noi vogliamo dare la giusta informazione a chi ci segue. Poi ognuno è libero di farsi la sua idea in merito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. andrea - 2 settimane fa

        Vero. Ma come si può dire che una morte è stata provocata da una data malattia quando sopraggiunge a quell’età?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. ben hur - 2 settimane fa

        Saverio,non vale la pena rispondere ai negazionisti ignoranti.
        Per come la vedo ,non dovrebbero avere diritto di parola,questi analfabeti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. andrea - 2 settimane fa

          Ma quale negazionista? Ma hai capito cosa ho scritto? Oppure ti hanno messo in bocca una parolina che te ora ripeti a nastro non comprendendo una benemerita di cosa si stia parlando? Ma smettila e rileggi cosa ho scritto e soprattutto sforzarti di capirlo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ben hur - 2 settimane fa

            Non parlo con quelli come te.Ripetete a pappagallo,le quattro parole in croce che vi hanno inculcato certi ***

            Mi piace Non mi piace
  20. dal greto dell'Arno - 3 settimane fa

    Nardella stamani veramente esaltava il fatto che la regione toscana era quella con meno casi e più basso tasso di crescita del covid-19, denigrando le altre regioni, mi sa che se l’è e ce l’ha gufata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Bottegaio - 3 settimane fa

    Non lo so, mi chiedo cosa aspettano i club a creare la loro bolla.
    Che problemi ci sono? I giocatori protestano perchè non vogliono diventare ciechi dalle pugnette? Se la porteranno nella bolla la loro preziosa gringhella. La vista e i polsi slogati sono da evitare così pure la sanità mentale e sessuale. Ora il pubblico lo puoi gestire nel numero e in sicurezza, gli spazi per farlo ci sono, ma i club devono prendere provvedimenti e i giocatori fare un piccolo sacrificio di un periodo di vita monastica. Ne va del loro stipendio dopotutto. Non è che salta un club, salta il sistema intero!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. woyzeck - 3 settimane fa

    Sta per arrivare l’influenza stagionale: mi aspetto quindi che venga usato lo stesso trattamento a livello mediatico e governativo, ovvero: numero di contagiati giornaliero, ricoveri, decessi, mascherine, blocchi, limitazioni, allarmi scriteriati, beoti che parlano da esperti etc etc… Altrimenti ci dovrete spiegare perchè si può morire di influenza ma non di Covid, e tutto questo mentre l’Italia corre veloce verso il baratro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. L'Omino di Ferro - 3 settimane fa

      Influenza 205 morti, 812 terapie intensive (vedi link)

      Covid19 36.000 morti (ad oggi) nonostante: lockdown, mascherine, distanziamento sociale, stadi e concerti banditi …

      Qulli come te dicono … ma muore solo il 2%, che vuoi che sia. Se lo prendesse tutta Italia, morirebbero 1.200.000 persone. Circa 3 volte Firenze.

      https://www.epicentro.iss.it/ben/2019/luglio-agosto/sorveglianza-integrata-influenza-2018-19

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. mcweb - 3 settimane fa

      Ti suguro con tutto il cuore che tu segua le regole e presti attenzione, nonostante la tua patetica, fuorviante e demenziale teoria. Auguri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. andrea - 2 settimane fa

        Di demenziale c’è soltanto la tua stupida considerazione. La tua repressa voglia di sovrastare l’altro non ti ha dato il tempo di riflettere su quanto da me scritto. Siete patetici vi dovete porre ideologicamente anche su un problema sanitario. Ho scritto quello di cui tu mi accusi? No! Leggi e comprendi se ne sei capace

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. andrea - 2 settimane fa

        Scusami era la risposta per un altro commento. Non era per te

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. lukkka - 1 mese fa

    Woyzeck finiti i commenti illuminanti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. benetti.giusepp_2843737 - 1 mese fa

    negozi e aziende chiudono? è ormai da giugno che le uniche attività chiuse sono le disco i cinema ed i teatri . la maggioranza del pubblico lavora da casa le scuole aperte , le fabbriche aperte . certamente 500000 persone hanno perso il lavoro . erano già precari e chi ha potutop sbarazzarsene lo ha fatto volentieri . io non vedo tutta questa negatività . bisogna imparare a convivere con questo virus ed aspettare un vaccino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. woyzeck - 2 mesi fa

    0,00016%, ovvero 8 ricoverati in terapia intensiva rispetto alla popolazione totale della Toscana. Questo è l’unico dato che descrive realmente l’attuale gravità dell’epidemia. Avete una qualche idea di quanti virus esistono in natura per i quali, se noi facessimo il mitico tampone, risulteremmo positivi? E quanti di questi poi sono in grado di causare una qualche patologia, anche grave, anche letale? Molti, moltissimi…. Questa è la prima epidemia della storia dove si contano i positivi asintomatici e non i malati (l’influenza annuale ad esempio è di gran lunga più rischiosa, e ogni anno causa centinaia di migliaia di morti in tutto il mondo, ma nessuno, pare, se ne era mai reso conto…)… intanto stiamo procedendo spediti verso la catastrofe (quella sì reale e concreta) economica che causerà una tale quantità di danni, (enormemente superiori a quelli che questo virus ormai depotenziato e sotto controllo, perchè trattabile a livello terapeutico, potrà mai causare) che ci segnerà per decenni, e che lascerà sul campo molte più vittime, magari invisibili, di quante ne abbia fatte il Covid-19… E adesso, via ai beoti del pollicino verso, che tutta questa follia se la meritano tutta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. strato57 - 2 mesi fa

      Mi piace il tuo approccio. Prima ti arrabbi con quelli che dissentono dal tuo pensiero, poi però ti arroghi il diritto di dare di “beoti”. Ma bravo, davvero una perla. Chi sei tu, il nuovo pontificatore in materia? Io non condivido neanche una parola della tua presa di posizione, ma non per questo ti appello come un beota e ne avrei il diritto se scendessi sul tuo stesso piano: ma me ne guardo bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. MATTEO1926 - 2 mesi fa

      Dobbiamo solo sperare che il virus non torni con la potenza che aveva a febbraio….poche chiacchiere e ricorda i camion che portavano via le bare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. andrea333 - 2 mesi fa

      Classici discorsi da negazionisti da facebook è grazie a queste persone che il virus si è diffuso di nuovo e chi non la pensa come loro è beota vaiavaia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Hatuey - 3 settimane fa

      È vero! I dati dei malati di covid sono bassi perché portiamo mascherine e osserviamo il distanziamento. Sapresti dire quanti morirebbero senza queste misure? L’influenza fa diversi morti, ma nessuno ha mai portato la mascherina per evitarla eppure non dilaga. Mi sembri un po’ arrogante e soprattutto senza basi scientifiche.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. MDG - 2 mesi fa

    Non potreste limitarvi a dare dei semplici numeri invece di inserire parole come “boom” o “vistoso aumento”? Che senso hanno. Non fate finta anche voi di cadere dal pero. Siete giornalisti. Sapete come usare le parole per fare più visualizzazioni.
    L’informazione la potete fare dando appunto solo i numeri. Grazie a questi stratagemmi giornalistici le aziende stanno chiudendo. Smettiamola. La
    Realtà e dura, non c’è bisogno di aumentarla per avere più lettori. Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 2 mesi fa

      Guardi che per fortuna non abbiamo bisogno del sensazionalismo per avere lettori. Se lei non riesce a vedere un numero esageratamente alto nei dati Di oggi forse vuole fare come gli struzzi che per paura Mettono la testa sotto terra. La realtà è questa, i rientri dalle vacanze ci stanno creando una situazione non piacevole che per fortuna fino ad ora si limita ad un aumento dei positivi asintomatici, ma non dobbiamo far finta di niente come forse vorrebbe lei. Buona serata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. D612V - 2 mesi fa

        tutto vero direttore ma bisognerebbe riportare,in generale senza riferirmi a lei, il numero dei tamponi. invece vedo che ultimamente viene fatto notare dai media solo quando ne vengono fatti meno perchè magari i casi diminuiscono, oggi ne sono stati fatti a fronte dei 160 positivi,più del doppio rispetto al solito ma non viene detto.mentre a livello nazionale ne sono stati fatti 93.000(non pochi) a fronte dei 1300 positivi al covid. con questo spero che con gli ultimi rientri dalle vacanze, si ricominci poi pian piano a ritornare a livelli di casi più bassi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Saverio Pestuggia - 2 mesi fa

          Ovviamente è la speranza di tutti. Oggi i tamponi in Toscana sono stati più di 6000, quindi tanti ma io casi sono in effetti tanti anche in percentuale. Probabilmente è lo scotto dei rientri dalle vacanze dove in troppi si sono lasciati un po’ andare e questo è il risultato. Per fortuna almeno in Toscana stanno facendo un buon lavoro di controllo per evitare il diffondersi tra i meno giovani che potrebbe complicare le cose. saluti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. lukkka - 2 mesi fa

          Dubito dato che presto inizieranno le scuole e torneremo a lavoro cosa che aumenterà e di molto la rete di contatti giornalieri.. sinceramente questa fase andava da una parte gestita meglio dalle istituzioni (se aprite le discoteche controllatele) e dall’altra dal buon senso civico che ci manca perchè quest’anno non serviva proprio farsi le vacanze a Formentera e simili

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. vecchio briga - 2 mesi fa

    La maggior parte dei nuovi casi sono rientri dall’estero, o da zone molto affollate in estate come la Sardegna e altre mete classiche. Capisco che dopo 3 mesi chiusi in casa ci fosse una forte voglia di evasione, ma siamo al limite dell’idiozia. Si sta andando incontro a nuove chiusure, ma soprattutto ci saranno problemi con le scuole è ovvio, non ci vuole una laurea in medicina per capirlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. woyzeck - 3 mesi fa

    Non ho veramente più parole… tredici casi… un netto rialzo… non si sa se piangere o ridere a tali idiozie… il livello di contagi è talmente basso che qualsiasi rialzo, se visto in percentuale, porta a mirabolici incrementi che in realtà restano quello che sono, numeri risibili da diversi mesi a questa parte! Con questo perverso giochino, possiamo andare avanti per anni, con un effetto devastante sulla mente delle persone e sull’economia del Paese! Secondo punto: quanti di questi contagi si trasformano poi in patologie reali? Questo infatti è l’unico valore che conta, il resto è pura e semplice fuffa… Terzo punto: ormai sembra che si muoia solo per il Covid-19, anzi sembra che la morte sia stata introdotta nel mondo a causa del Covid-19! Ma lo sapete vero che ogni anno muoiono migliaia di persone per una “banale” influenza?! Nessuno però fornisce dati quotidiani su contagi e decessi! Per non parlare di centinaia di altre patologie, virali, batteriche e non solo… E non vale nemmeno più il fatto che si rischiasse il collasso del SSN per via delle terapie intensive sovraccaricate, sia perchè ormai sappiamo come trattare la patologia e addirittura come prevenirla, visto che la pericolosità di questo virus risiede esclusivamente nella sua esagerata reazione immunitaria, sia perchè il virus in Italia non è più in grado di generare la malattia, a causa delle sue basse carica virale e virulenza… Se volete fare qualcosa per questo povero mondo alla deriva, smettete (oltretutto siete un sito di tifoseria calcistica…) di contribuire all’incremento del panico globale, visto che ci sono già i media nazionali ad impegnarsi attivamente ed efficacemente in questo senso… grazie mille… W la Vita!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lukkka - 2 mesi fa

      Parla di calcio ci fai una figura migliore..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. woyzeck - 2 mesi fa

      Mi piacerebbe sapere da quei geni che hanno messo il pollicino verso, se sanno di cosa stiamo parlando e se sono in grado di confutare il ragionamento con una qualche logica che stia in piedi o se hanno semplicemente reagito di pancia a causa del terrore che i media hanno instillato loro, o magari solo in maniera ideologica… Vorrei sapere se sanno cosa sia la carica virale, la virulenza, il tasso di mortalità rispetto a quello di letalità, se hanno la minima idea di come funzioni un infezione virale, di cosa sia un virus, di come agisca, di quali leggi governino un’epidemia etc etc… Perchè francamente l’impressione è che non sappiano minimamente di cosa stiamo parlando, vittime della disinformazione mediatica e del terrore che questa è in grado di provocare… Vi stanno rovinando la vita per i prossimi decenni e non ve ne rendete nemmeno conto… l’importante è dissentire da chi dissente, vero?…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lukkka - 2 mesi fa

        Fantastico.. illuminaci con le nuove linee guida, immagino basta mascherine e distanziamento sociale perchè queste fanno parte del panico globale.. poi? Possiamo ballare tutti appiccicati? immagino di sì, in Sardegna 20 giorni fa sarà stato un attacco di prostatite acuta.. altro? No perchè se non proponi alternative logiche più che beota sei ridicolo.. invia pure il CV al CTS per fare finalmente chiarezza e grazie per averci salvato tutti!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. lukkka - 3 mesi fa

    iG dove passi le vacanza quest’anno?
    Dato il tuo orientamento in Brasile con Bolsonaro ti troveresti alla grande..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. fla - 4 mesi fa

    iG in usa i morti ad oggi sono 135.582 in Brasile 70.000. in Italia 34.967, vallo a raccontare a loro che sono false new e che sono morti per permettere alla sinistra di governare da despoti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. iG - 4 mesi fa

    Ma basta con queste false new sul CORONAVIRUS!Buttate via tutte el mascherine
    Tornate a vivere e lavorare e mandate a quel paese chi ancora vi minaccia con ste stronzate. Non e’ vero nulal non state a sentire el TV, in USA e BRASILE 1/4 dei ns problemi e virus solo negli stati democratici, meditate.

    Il Virus non esiste e’ morto serve solo per far tenere il consenso alle sinistre mondiali che si augurerebbero milioni di morti per governare da despoti il mondo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fla - 4 mesi fa

      in usa i morti ad oggi sono 135.582 in Brasile 70.000. in Italia 34.967, vallo a raccontare a loro che sono false new e che sono morti per permettere alla sinistra di governare da despoti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. MixViola - 4 mesi fa

    L’importante è preparare il terreno per il prossimo lockdown autunnale, tenendo le persone prive dei requisiti minimi costituzionali, e ben contente di esserlo dato il terrore sparso a piene mani dai media.
    C’è da riflettere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. woyzeck - 4 mesi fa

    Ma basta con questi dati senza senso! Nuova fiammata: 19 positivi su cinque milioni di persone!!! Ma lo capite che se fate il tampone per qualsiasi virus presente sulla faccia della terra troverete dei positivi?! L’unico dato che ora ha senso è la virulenza dell’infezione, ovvero quanti di questi “positivi” poi sviluppano effettivamente la malattia! E siamo praticamente a zero! Così invece si contribuisce soltanto ad una falsa informazione e ad instillare la paura nella testa della gente che non capisce più come stanno effettivamente le cose! Ciò di cui aver veramente paura adesso è la catastrofe economico-sociale che sta per abbattersi sulla testa di noi tutti se non facciamo ripartire il Paese il più presto possibile!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. dal greto dell'Arno - 4 mesi fa

    andate andate a fare la movida senza mascherina e distanziamento sociale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. lukkka - 4 mesi fa

    La domanda è: quali regioni ammetteranno candidamente la presenza di piccoli focolai rischiando la chiusura di determinate zone che potrebbero scatenare il dissenso verso le varie amministrazioni? in aggiunta qua in Toscana a pochi mesi dalle regionali? credo nessuna.. una scelta discutibile da parte del governo..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Alessio - 4 mesi fa

    Buonasera Redazione, grazie per il quotidiano aggiornamento.
    Una domanda: come mai, nonostante che i dati appaiano da diversi giorni particolarmente positivi, su molti siti nazionali, anche autorevoli, viene spesso individuato tra i focolai, tra i Mondragone e Bartolini (BO), anche quello (ipotetico? reale?) xche pare presente nelle provincie di Pistoia e Prato?
    Ci sono cose che davvero tornano poco in tutta questa vicenda, che conosceremo solo (forse) tra molto tempo, credo. In troppi dicono tutto ed il contrario di tutto, e si dà pochissimo risalto ai passi che la medicina parrebbe aver fatto.
    Che ci vogliano davvero far fare il vaccino a forza? Ed io, premetto, non sono un no vax, anzi.
    Ringrazio in anticipo per la delucidazione.
    Alessio

    RISPOSTA
    La regione ha smentito l’esistenza di questo focolaio a Pistoia anche se i dati apparsi ieri a Pistoia e Prato fanno pensare che qualcosa sia avvenuto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. Aristarco - 4 mesi fa

    O non aveva rialzato la testa ieri? Il conto della serva giorno per giorno non ha alcun senso…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. andrea333 - 5 mesi fa

    Buonasera, è chiaro che abbiano fatto meno tamponi e che da ora in poi ne facciano meno tamponi visto che da quello che ho letto li fanno solamente a chi ha sintomi simili al covid 19 e a giugno ci sono meno casi di problemi polmonari febbre etc.. che a Marzo . si c’è anche lo screening regionale ma viene fatto solo alle persone a rischio (inoltre ieri era domenica quindi ne hanno fatti meno anche di quelli ) .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. VIKINGO - 5 mesi fa

    il numero che e’ il più importante non e’il totale degli attualmente positivi , ma i nuovi casi positivi per quanti test unici ovvero
    NUOVE PERSONE e TAMPONI A NUOVE PERSONE
    grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. woyzeck - 5 mesi fa

    34 tamponi positivi in più non vogliono dire assolutamente nulla, sono numeri bassissimi, senza contare le normali fluttuazioni che ci possono sempre essere, quello che ci interessa adesso invece sono la virulenza e la carica virale, ovvero la patogenicità del virus (cioè la sua capacità di provocare la malattia), e questa ormai è evidentemente molto bassa, e infatti anche il grafico dei pazienti in cura è comunque sempre in costante discesa. L’epidemia quindi va chiaramente verso la propria spontanea estinzione, come d’altronde è destino di tutte le epidemie (si tratta infatti di una legge valida per tutte le epidemie virali, anche se molti lo ignorano….), grazie anche al costante aumento dei soggetti immuni, sia per costituzione che per guarigione, a meno che ovviamente non sopraggiungano cause esterne in grado di far ripartire una nuova epidemia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. batigol222 - 5 mesi fa

      Commento molto ben fatto e utile per capire che cosa abbiamo di fronte

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. leo70 - 6 mesi fa

    Mi sembra di intuire che si deve per forza provare il ritorno alla normalità, che non sarà per niente normale, cioè come prima, serve che gli italiani e tutti gli altri europei riprendano a lavorare per produrre reddito per finanziare i rispettivi stati , che guarda caso in mancanza di tasse sono i più principali malati. Certo è che tutti incrociano le dita perchè il numero dei contagi non salga paurosamente come a Marzo, molti dei nostri amministratori saranno contenti se il sistema sanitario si “stabilizzi” con numero di contagi equivalenti al numero dei dimessi, per considerare che tutto sia sotto controllo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. L'Omino di Ferro - 6 mesi fa

      Vedi Leo, bisognerebbe che gli italiani (tutti) tenessero i comportamenti suggeriti: distanza sociale e mascherine in presenza di altre persone. Purtroppo però mi sembra che si cominci mooolto male con questa riapertura.

      Io sono di Cecina, oggi nei pressi di casa mia visto con i miei occhi: gruppo di 9 ragazzi senza mascherina tutti insieme, altro gruppo di 6 (tre maschi e tre femmine) tutti senza mascherine. Tre famiglie diverse con 4 figli totali che hanno strappato i nastri dei parco giochi (chiuso dal sindaco) e li hanno mandati a fare scivoli e girelli insieme mentre loro parlavano ravvicinati … A questo aggiungo le opinioni di due amici che si lamentano del fatto che sul posto di lavoro (ufficio) solo un 20/30% porta la mascherina.

      Giappone, Cina, Corea, Vietnam altri stati orientali sono riusciti a contenere l’epidemia in maniera eccellente … io in Giappone ci sono stato e ti assicuro che si mettono la mascherina anche per non attaccarti un raffreddore. Infatti non la mettono per difendersi, ma per non fare ammalare gli altri. Il rispetto del prossimo che qui si è perso da tempo in tutti gli ambiti. Purtroppo qui in occidente (ed in particolare in Italia), prima veniamo noi e poi gli altri. Il senso di comunità viene dopo quello egoistico del proprio orticello ed in fasi come queste diventa davvero un bel problema. Speriamo bene …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Antonino - 5 mesi fa

        sono stato diverse volte in Giappone . Vivo la realtà nostrale che par dire dobbiamo porci diversi a ciò che le istituzioni scientifiche chiedono..forse perché Fiorentini ci sentiamo superiori alle direttive. Condivido in toto la tua analisi e aggiungo ai concittadini, ricordatevi che il virus non vi tocca per virtù divina…proteggete e proteggetevi. SFV

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. MixViola - 4 mesi fa

        Avete perso il capo, questo è il problema, di fronte a un virus gonfiato ad arte. E ormai fanno di voi, e di noi tutti purtroppo, quello che vogliono. Siete diventati dei burattini manovrati dal virus.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. lukkka - 7 mesi fa

    Non capisco a che gioco si sta giocando.. negli ultimi giorni il numero dei tamponi è crollato vistosamente, quindi parlare di un rallentamento è del tutto sbagliato e fuorviante considerando anche le percetuali di positivi sul numero complessivo di test (oggi ben 11 per cento). Questa tendenza oltretutto non sembra solo toscana ma in generale diffusa in italia, non vorrei si cercasse di sottostimare il numero dei contagi per arrivare al 4 maggio e riaprire molte attività. Su molti giornali non si trovano più neppure i bollettini locali bho.. di certo non credo che firenze sia passata in due giorni da 100 casi a poche decine in due giorni. Ripeto un gioco molto pericoloso che rischiamo di pagare tutti fra una ventina di giorni..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lukkka - 7 mesi fa

      poi sinceramente giustificare adesso il calo con le festività mi sembra una doppia presa in giro da chi si occupa di queste cose.. non credo che nelle terapie intensive si sia pensato alle feste e fare i tamponi ha molta importanza anche per loro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Up The Violets - 7 mesi fa

        Eviterei francamente le dietrologie, dato che a fare i test sono le Asl e non certo quella parte di politica che vorrebbe riaprire tutto. Da quel che ho capito, al di là della Pasqua è cambiata la policy dei controlli e si è cominciato a fare un maggior numero di test sierologici. Posso aver capito male ma, in ogni caso, è sicuro che dietro non c’è nessun complotto. Ripeto che i test li fanno i medici e i tecnici di laboratorio, non i politici e gli industriali.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. lukkka - 7 mesi fa

          stavo parlando di una tendenza nazionale.. i sierologici saranno limitati al personale sanitario ed rsa ma è un’ inizaitiva di Rossi quindi come può capire la politica centra e come, indipendentemente da chi esegue i test, proprio perchè definisce come scrive lei le politiche (vedi zaia) e i materiali a disposizione

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Up The Violets - 7 mesi fa

            No, i test sierologici saranno estesi entro pochi giorni a numerose altre categorie regionali. Qua per ulteriori delucidazioni in merito: https://www.violanews.com/altre-news/coronavirus-in-toscana-via-a-test-sierologici-su-400-000-persone/

            E, ripeto, a decidere chi abbia la priorità in ogni caso sono le autorità sanitarie, che dettano le decisioni da prendere alla stessa politica.

            Mi piace Non mi piace
      2. Saverio Pestuggia - 7 mesi fa

        Vede i tamponi possono essere fatti ma poi devono essere esaminati e in effetti negli ultimi giorni ne sono stati ESAMINATI di meno e di questo si occupano le microbiologie non le terapie intensive

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. lukkka - 7 mesi fa

          in verità ho scritto che il lavoro di tamponamento è importante per prevenire e quindi per le terapie intensive di riflesso.. non che sono queste a fare gli esami

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Saverio Pestuggia - 7 mesi fa

      Vorrei sapere dove ha trovato che le percentuali di positivi ai tamponi sono dell’11%

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lukkka - 7 mesi fa

        leggo 1380 tamponi e 137 positivi.. ha ragione sono un po’ meno 9.93% fonte il sole 24 ore

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Saverio Pestuggia - 7 mesi fa

          Il Sole24ore ha sbagliato confondendo i 1308 tamponi eseguiti con quelli analizzati che ieri erano 2404 (ne erano rimasti del giorno precedente). Spero convenga che la percentuale giusta è un’altra, ovvero quella dei positivi sui tamponi analizzati

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. lukkka - 7 mesi fa

            in questo caso le do pienamente ragione..

            Mi piace Non mi piace
          2. viola1946 - 5 mesi fa

            Credo che l’aumento dei positivi sia di 13 (ho riletto la tabella per regione) e non di 137, per cui il tasso di positivi diventa 1,2%.

            Mi piace Non mi piace
    3. vecchio briga - 7 mesi fa

      Veramente fanno sempre più tamponi. Sul fatto di riaprire bisogna rendersi conto che è una necessità. Solo un dipendente pubblico (o uno studente che passerà col 6 politico) può permettersi di stare a casa, almeno fino a quando lo stato, le regioni, i comuni e tutti gli altri enti avranno entrate fiscali a sufficienza per pagare gli stipendi (e le pensioni…). La riapertura, graduale, a seconda dei rischi delle varie attività è fondamentale. Negarlo è ipocrita. Ps prima che arrivino commenti di un certo tipo, per me quelli della Lega andrebbero cancellati dalla faccia della terra per la stupidità e l’incoerenza che dimostrano ogni giorno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. Up The Violets - 7 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 7 mesi fa

      Veramente e lo stesso comunicato pubblicato da noi in forma ridotta. Non capisco cosa spieghi meglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Up The Violets - 7 mesi fa

        Che pur nella forma ridotta, forse, si sarebbe potuto spiegare meglio l’elevato numero di decessi. Nel comunicato si chiarisce un po’ più nel dettaglio il ritardo nella comunicazione che ha gonfiato il numero odierno. Sia ben chiaro, ventisette deceduti sono egualmente una tragedia senza senso e che lacera il cuore, ma quasi la metà di quei quarantasei risale ai giorni scorsi.

        Inoltre, la curva sarà anche troppo piatta, ma i plateaux, per definizione etimologica, non possono mai condurre alla discesa in maniera troppo repentina, altrimenti la curva risulterebbe molto più “appuntita” anziché della sua classica forma “collinosa” che è frutto della diluizione temporale dei contagi prodotta dal lockdown. Ricordando, come avete fatto, che oggi è stato effettuato il record di tamponi, la variazione percentuale regionale rispetto a ieri risulta sempre in ribasso, pari al 2,7%. Siamo ancora lontani dalla meta, diciamo a metà del percorso di discesa, ma appunto siamo in discesa. E ci sono città come ad esempio Arezzo, che da giorni registra un incremento percentuale bassissimo (oggi 1%), nelle quali forse si potrebbe anticipare di qualche giorno la fine del lockdown, anche per capire come ciò possa influire sulla curva e con ciò modulare meglio la riapertura su più vasta scala.

        Di questi tempi, credo che ogni rialzo nei numeri vada spiegato nel dettaglio, perché un lettore superficiale, non leggendo quella parentesi, potrebbe preoccuparsi ancora di più. Mia personale opinione, beninteso. Fate comunque un ottimo lavoro, soprattutto per le percentuali locali che altrove sono difficilmente reperibili.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Saverio Pestuggia - 7 mesi fa

          Di queste cose mi occupo io in prima persona. Abbiamo scritto “46 i nuovi decessi (19 di questi risalgono ai giorni passati)” e mi sembra abbastanza chiaro. Sui tamponi purtroppo non è un dato importante perché diversi non sono stati processati, ovvero sono stati fatti ma non abbiamo il risultato di tutti e non sappiamo di quanti.
          Sulle curve i numeri sono troppo bassi per avere tendenze statisticamente apprezzabili, certo che tutta l’asl sud est ha numeri da sempre più bassi delle altre. Grazie comunque per l apprezzamento del lavoro fatto che cerchiamo di esemplificare con Una quantità di grafici che non trova altrove.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Up The Violets - 7 mesi fa

            Sì, la parentesi l’ho letta ma, come le dicevo, rispetto al livello di dettaglio fornito dalla Regione su un dato di tale importanza resta sempre un po’ troppo sintetica. Consideri sempre che c’è una parte di lettori che si ferma al titolo o poco più, quindi il titolo stesso dev’essere più informativo possibile, in questi casi.

            Non concordo invece per nulla sulla valutazione relativa alle tendenze statistiche. Le consiglio le analisi giornaliere che il professor Roberto Pancrazi, grande esperto in materia, fornisce sulla sua pagina Facebook. Vedrà che i suoi modelli statistici stanno prevedendo da giorni con notevole precisione l’andamento dell’epidemia nei suoi vari aspetti salienti. Le consiglio di consultarli, sono utilissimi per orientarsi in una materia molto difficile anche per gli addetti ai lavori. Le lascio qua il link all’analisi statistica dei dati di oggi 10 aprile, ma semplicemente accedendo alla pagina Facebook del professore potrà trovare i dati relativi anche ai giorni precedenti. Un caro saluto.

            https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10158003208873476&id=663493475

            Mi piace Non mi piace
          2. Saverio Pestuggia - 7 mesi fa

            Gli darò senz’altro un occhiata, grazie mille

            Mi piace Non mi piace
          3. Up The Violets - 7 mesi fa

            Di niente, ci mancherebbe. La materia è talmente complessa e volatile che più informazioni si hanno, più campane (ovviamente, affidabili) si sentono e meglio è. Cosa che, peraltro, in ambito scientifico è buona prassi a priori. Un saluto!

            Mi piace Non mi piace
  44. andrea_fi - 7 mesi fa

    Stanno facendo tamponi in tutte le RSA e a tutti i sintomatici che ancora non l’avevano ricevuto. Se la linea del contagio non sale è positivo. Cerchiamo di essere ottimisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. viola1946 - 7 mesi fa

      Ho letto i dati nazionali e cosa molto positiva la percentuale tra nuovi positivi e tamponi e’ scesa. Oggi i tamponi hanno superato quota 51 mila, quindi, non avendo altri elementi, possiamo ritenere che l’aumento per Toscana e eventualmente Firenze, non sia da collegare ad una ripresa ma solo ad un notevole aumento dei tamponi. Quindi i dati confermano che i segnali di avvicinamento al picco sono positivi anche oggi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. Staffa - 7 mesi fa

    In toscana calano..ma a firenze aumentano..preoccupante.
    90 anche oggi…

    Ps. Nardella sveglia..a giro e c’è un monte di gente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. BVLGARO - 7 mesi fa

    chi ha spinto a fare gli aperitivi deve rispondere penalmente delle sue responsabilità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Up The Violets - 7 mesi fa

      Ma smettila di buttarla in politica perfino su tragedie come questa, che poi oltretutto se si ragiona in questo modo la prima a finire sotto esame dev’essere la mitica sanità privata lombarda, gestita da tutt’altra parte politica!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BVLGARO - 7 mesi fa

        e poi caro facile puntare il dito sull’ottima sanità lombarda. il controllo della profilassi epidemiologica è di competenza dello Stato.leggi la costituzione. ci sono gli estremi per Epidemia Colposa

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Up The Violets - 7 mesi fa

          Io la costituzione la leggo e leggo pure i giornali, che già in gennaio parlavano di casi sospetti da quelle parti, caro (https://www.google.com/amp/s/www.ilfattoquotidiano.it/2020/02/25/coronavirus-medico-di-castiglione-dadda-troppe-polmoniti-strane-gia-prima-del-paziente-1-il-virus-circola-da-settimane/5717060/amp/). La sanità è competenza degli organi regionali. Forse all’epoca si era troppo concentrati a fare polemica con Rossi… Evita di parlare di cose che non conosci e se vuoi fare caciara politica vai sul twitter dei tuoi idoli, che qua l’unica cosa che interessa è abbassare le percentuali dei contagiati e dei ricoverati, non aumentare quelle dei voti a taluni partiti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. bati2017 - 7 mesi fa

          Vi sara’ anche un’ottima sanità Lombarda ma i fatti hanno dimostrato il contrario, e non mi riferisco ai medici e personale infermieristico che sono eccezionali ma a chi ha impostato la sanità regionale in quel modo tagliando il pubblico e riducendo molto i medici di famiglia ma questo non sono io a dirlo ma quel bellissimo servizio che ieri è andato in onda sul 3 canale Rai alle 21.20, e questo non è un fatto politico perché il Veneto e il Piemonte che sono amministrati regionalmente come la Lombardia ma hanno fatto scelte diverse e si è visto i risultati, quando tutto sarà finito va’ riportato tutta la sanità sotto lo Stato.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. BVLGARO - 7 mesi fa

            facile sparare su chi non puo difendersi. siete dei v…

            Mi piace Non mi piace
          2. Up The Violets - 7 mesi fa

            Eh, proprio indifesi! Non sbagli mai VN commento, te!

            Mi piace Non mi piace
          3. Up The Violets - 7 mesi fa

            E comVnqVue io non sparo sV nessVno, a differenza tVa che vorresti processare tVtti (magari solo qVelli di Vna certa parte politica… ) a epidemia in corso (grande idea, potevi averla solo te). Riporto articoli di giornale per ripristinare la verità dei fatti rispetto alla tVa cagnara politica. In ogni caso, se qValche politico ha sbagliato lo vedremo poi. Non è adesso il momento. Ora c’è solo da stare al fianco di medici e infermieri e rispettare qVello che ci è stato detto di fare, per contribVire alla salVte di tutti. Se te invece pensi ad altro, vai pVre a twittare contro l’EVropa sVi social network del tVo kappitanoh o della sVa sodale. QVa si parla d’altro.

            Mi piace Non mi piace
      2. BVLGARO - 7 mesi fa

        siete ridicoli. ossessionati da salvini. non ti rendi conto che il problema di fondo è che l’europa se ne frega delle vite umane. solo i vaini contano… un pò come nel calcio. e voi che difendete il sistema fate piu schifo del sistema stesso

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Up The Violets - 7 mesi fa

          A me, BVlgarotyo caro, del tVo Salvini interessa meno di zero, come di Conte o di Zingaretti. QVello che ti sto dicendo, e che tV ancora fatichi tremendamente a capire, è che QVi si parla di VITE UMANE. OgnVno di qVei nVmeri sono famiglie che soffrono, medici e infermieri che si ammazzano (letteralmente) per evitare che qVelle famiglie soffrano ancora di piV’. QVindi l’Vnica cosa che ora ci deve interessare di qVei nVmeri è che DOBBIAMO FARE DI TUTTO PER ABBASSARLI, e di qVesto, SOLO DI QUESTO si deve parlare, qVa dentro. ContinVare a rispettare qVello che ci hanno detto di fare, finché il contagio non si sarà azzerato.

          Il resto, la politica e le percentVali del tVo amico, NON DEVE ENTRARE QUA DENTRO. I tVuoi idoli politici sono già molto attivi su Twitter e social network affini: vai lì e passaci la giornata, invece di star qVi ad approfittare di questa tragedia.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Up The Violets - 7 mesi fa

          Ah, e poi abbi un po’ di decenza, basta con questo abuso di termini come “sistema”… Prima cerca di scrivere una frase in italiano corretto, e POI arrischiati a usare termini che, sono sicuro, non hai la benché minima idea di cosa significhino.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. BVLGARO - 7 mesi fa

            tu lo conosci il MES? o è troppo per gli ungulati?

            Mi piace Non mi piace
          2. Up The Violets - 7 mesi fa

            Proprio perché so che cos’è il Mes (che peraltro, contrariamente a ciò che vi stanno rimbombando nelle vostre teste vuote, sarà utilizzabile solo per spese sanitarie), ti chiedo: COSA C’ENTRA LA MACROECONOMIA CON LA GESTIONE SANITARIA DELL’EPIDEMIA, CHE È CIÒ DI CUI SI DEVE PARLARE QUA DENTRO?

            Dai semplici otto, vai sul twitter di Borghi o Bagnai! Qua si parla di problemi veri, non si fa disinformazione e propaganda politica da due lire!

            Mi piace Non mi piace
  47. lukkka - 7 mesi fa

    Quindi quale sarebbe la motivazione per l’aumento notevole qua a Firenze? Numero di tamponi? Di solito è positivo mantenere un numero stabile di infetti di fronte ad un aumento dei tamponi non un incremento.. anzi questo è preoccupante perchè vuol dire aver sottostimato di molto la diffusione del virus ed aver incentivato magari comportamenti sbagliati da parte delle persone.. speriamo che molti casi siano rsa o conventi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 7 mesi fa

      Non lo sappiamo, conosciamo solo che quasi la metà dei tamponi positivi oggi sono nella provincia di Firenze forse perché sono stati fatti degli esami a delle residenze per anziani, ma non ci è stato specificato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. Zinigata - 7 mesi fa

    Grazie mille redazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. vecchio briga - 7 mesi fa

    La vera tragedia è in Lombardia, i cui numeri sballano totalmente quelli a livello nazionale. È assurdo, perché le stesse regioni confinanti dove l’epidemia è partita in contemporanea, hanno numeri nemmeno paragonabili al caso lombardo. Dalla Toscana in giù è presumibile che le restrizioni abbiano anticipato l’esplosione della pandemia. Sicuramente sarà prolungato il periodo di quarantena, poi sarà giusto iniziare ad allentare la presa gradualmente, magari con misure diverse regione per regione, magari continuando a proteggere le categorie più a rischio (anziani o affetti da altre patologie). Secondo molti virologi è necessario che – gradualmente!! – ci si facciano gli anticorpi. Bisogna pensare anche a rimettere in moto l’economia, non si può tenere tutto chiuso per mesi e mesi altrimenti non riapre più nulla. Nel frattempo stiamo a casina. Forza eh!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 7 mesi fa

      La verità è che i morti in Italia nel 1° trimestre del 2019 sono stati 185.967 mentre nel 1° trimestre del 2020 (compreso Covid19) sono stati 165.367. (http://demo.istat.it/bilmens2019gen/index.html o http://www.italiaora.org/) Sono 20.000 morti in meno dello scorso anno (Chiaro che la circolazione è stata ridotta e quindi una prima spiegazione può essere questa ma non spiega i 20.000 morti in meno del 2019). A questo proposito c’è da rilevare che se i dati sulla mortalità per Corona Virus della Regione Lombardia fossero stati riscontrati in qualche Regione meridionale, si sarebbe, del tutto giustamente, invocato ed attuato il commissariamento della Sanità di quella Regione per stabilire le cause di una tale anomalia.
      Al contrario, la Regione Lombardia non solo non è diventata oggetto di indagine da parte del governo, ma addirittura ha acquisito una posizione di privilegio, per cui può dettare la linea di condotta all’intero Paese. È stata infatti la Giunta regionale lombarda ad annunciare lo stato di emergenza e ad imporlo al governo. Tra l’altro negli ambienti scientifici si comincia a sospettare che proprio l’ospedalizzazione massiccia abbia determinato un “effetto lazzaretto”, cioè la creazione di aree in cui i degenti potessero scambiarsi le rispettive patologie.
      La Lega ha ovviamente sponsorizzato la linea della Regione Lombardia ed al diktat si è adeguata anche la Meloni, a dimostrazione di quanto diceva Benedetto Croce, cioè che i fascisti fanno un’ambigua retorica nazionale ma, nei fatti come nello stile comunicativo, sono degli anti-italiani.
      Bisogna stare a casa ma è anche vero che vivere sopraffatti dalla paura significa essere morti dentro, per questo occorre isolare gli ansiosi e i sopraffatti dai media, essi abbassano il sistema immunitario sociale!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BVLGARO - 7 mesi fa

        I morti in Lombardia sono cosi tanti per la vergognosa campagna di insabbiamento e di criminale sottovalutazione del problema Coronavirus. Le reti televisive ed il governo hanno sminuito la pericolosità del viris causando migliaia di morti innocenti. Peggio hanno fatto i governi socialisti in spagna e quello democratici di germania e francia. Qualcuno dovrà pagare per quello che è successo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. giorgio - 7 mesi fa

          Leggiti la lezione che ti ha dato Up the Violets il 6 aprile, e cerca di capirla, ma credo che non tu sia in grado.
          Buona fortuna

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. BVLGARO - 7 mesi fa

            complimenti i vostri eroi sono riusciti nell’incredibile impresa di venderci alla germania. ma di un po tu riesci a pagare le bollette? mio fratello no e non sa con che mangiare. ti saluto borghese buonista benestante

            Mi piace Non mi piace
          2. Up The Violets - 7 mesi fa

            Buonista, benestante… Siore e siori, ecco a voi il legaiolo medio che, non sapendo più cosa rispondere, tira fuori i suoi due o tre luoghi comuni presi dai tweet del suo Capitone senza nemmeno sapere con chi stia parlando. Da’ retta Ciccio, a ogni post che tu scrivi tu ti ridicolizzi. Smetti: lo dico per te, non è dignitoso.

            Mi piace Non mi piace
      2. BVLGARO - 7 mesi fa

        guarda che il fascismo è finito nel 1945

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. 29agosto1926 - 7 mesi fa

    Brutto segnale questo aumento dei contagiati mentre a livello nazionale sono tre giorni che diminuiscono. Probabilmente dobbiamo cercare di rimanere tutti più a casa di quanto facciamo. Speriamo che nei prossimi giorni ci siano segnali diversi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 7 mesi fa

      I numeri in Toscana non sono elevati e hanno quindi una valenza statistica inferiore. La curva meglio identificata della media mobile ci dice che negli ultimi 5 giorni c’è un appiattimento che di solito precede una discesa. Comunque è vitale restare a casa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. barbutoviola - 7 mesi fa

        Grande prof!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. viola1946 - 7 mesi fa

        Lei ha ragione,normalmente le curve statistiche rappresentative di un fenomeno non hanno un andamento continuo, ma tendono ad avere oscillazioni brevi e casuali, anche per questo si usano le medie mobili, che ritengo approssimativamente, nel nostro caso dovrebbero essere su tre giorni. Poi, più piccoli sono i numeri e più facilmente si alzano le percentuali, questo genera una forte distorsione nel confronto tra aree con numeri diversi. Sono molto d’accordo anche sul consiglio di restare a casa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  51. MixViola - 7 mesi fa

    Probabile che i contagiati siano moltissimi di più. Il tasso di mortalità di questo virus risulterà più basso, con il tempo. Il tasso di letalità delle misure prese si misurerà anch’esso nel tempo. Imprese chiuse, lavoratori autonomi sul lastrico, democrazia: scordatevela e chissà per quanto tempo. Fatelo voi il bilancio.
    Mediterei un attimino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 7 mesi fa

      Purtroppo tante attività legate al settore turistico hanno il destino segnato indipendentemente dalle restrizioni in Italia. Per farla breve, l’Italia può anche uscire dall’emergenza, ma finché nel mondo proseguirà il turismo non si muove, non c’è verso. Ho sentito stime che prevedono un ritorno alla normalità turistica non prima di un anno e mezzo. Firenze potrebbe soffrirne più di tutti, essendo la sua economia per lo più legata al turismo internazionale. Hotel, ristoranti del centro, negozi, taxi, locali, guide turistiche sono destinati a chiudere in gran parte. Sopravviverà chi saprà reinventarsi in modo differente, questo deve essere chiaro a tutti. È proprio lo stile di vita che cambierà e chi si adatta bene, gli altri non possono pensare a un sussidio eterno. Ci sarà un’economia più locale e uno stile di vita molto più sobrio, può darsi pure che sia un bene. Il governo farà bene invece a pensare a riaprire gradualmente i settori della produzione che sono stati chiusi per evitare che il collasso sia totale, altrimenti le tue fosche previsioni si realizzeranno con disordini sociali e dunque rischio per la democrazia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. viola1946 - 7 mesi fa

        Le stime da te lette non tengono conto dei processi di adeguamento, ma tendono a proiettare nel tempo in modo statico la situazione odierna. La creazione di un vaccino, misure di controllo negli aeroporti e negli alberghi e altre ancora potranno accorciare quei tempi. Ovviamente le cose potrebbero anche peggiorare, ma io sono moderatamente ottimista. Ho letto oggi, molto velocemente, il progetto per terminare il campionato di Serie A. Al di là di eventuali giudizi morali, quel progetto tende a superare il problema, creando gruppo chiusi (le squadre), che vivono in ambienti asettici e separati. Calciatori sottoposti a controllo permanente. Stadi chiusi e si gioca solo nei campi di Roma. In teoria questo potrebbe consentire la fine del campionato, in assenza di spettatori e con più partite settimanali. Ecco un esempio di come si possono superare certi problemi. Comunque in bocca al lupo a tutti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  52. user-14719110 - 7 mesi fa

    Credo che nei dati debba essere specificato se i nuovi casi siano di persone già quarantenizzate altrimenti si crea ulteriore panico e allarmismo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 7 mesi fa

      Non è specificato dalla Regione Toscana, ma se le persone sono già in quarantena forse sono già positive

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  53. vecchio briga - 7 mesi fa

    4000 morti in Italia e c’è ancora chi pensa a far ripartire il campionato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  54. Lusoviola - 7 mesi fa

    Grazie alla redazione x il servizio, aiuta anche chi vive all’estero come nel mio caso
    Forza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 7 mesi fa

      Ci sembra doveroso dare anche informazioni di questo tipo in un momento come questo. Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bianco - 7 mesi fa

        Grazie direttore

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  55. el_sup - 8 mesi fa

    brava redazione! bel lavoro.
    aggiornatelo se potete e mettetelo sempre in evidenza.
    i duri sono in agguato.
    grazie, saluti e salute.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  56. wolwerit - 8 mesi fa

    per fortuna da noi ci sono ancora posti in terapia intensiva de la gente sta a casa e non si riempie gli ospedali il rischio di morte anche per i più deboli diminuisce

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  57. BVLGARO - 8 mesi fa

    state a casa amici! dai che ce la faremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy