Coppa Italia, Milan come la Fiorentina a Udine. Il Prefetto: “Impossibile identificare tutti in base a provenienza”

Coppa Italia, Milan come la Fiorentina a Udine. Il Prefetto: “Impossibile identificare tutti in base a provenienza”

Prima le porte chiuse, poi il rinvio

di Redazione VN

Juve-Milan di Coppa Italia a porte chiuse? Probabilmente no. Le porte dell’Allianz Stadium per la sfida valida per la semifinale di Coppa Italia di domani sera tra Juventus e Milan non si apriranno. Come riferisce La Stampa, la partita di domani sarà rinviata a data da destinarsi. Si tratta di un contrordine rispetto alle indicazioni degli ultimi giorni e quelle delle ultime ore, dove sembrava che la partita si dovesse giocare con le porte aperte, seppur con limitazioni di pubblico. Una decisione dell’ultim’ora quindi come accaduto nella scorsa giornata di campionato, quando proprio la Fiorentina viaggiò verso Udine per essere rimandata a casa senza giocare.

AGGIORNAMENTO ORE 21:51: La partita è stata rinviata. Il prefetto di Torino ha disposto il rinvio di Juventus-Milan, semifinale di ritorno di Coppa Italia, in programma domani sera a Torino. A riportarlo è l’ANSA.

AGGIORNAMENTO ORE 23:17: Arriva il commento del Prefetto di Torino, Claudio Palomba: “Questa decisione nasce un po’ da alcune risultanze che sono emerse dall’unità di crisi. Abbiamo fatto comitato fino a poco fa, e abbiamo visto che non è sempre possibile andare a identificare le persone a prescindere dalla residenza e quindi i tifosi e le persone possono provenire anche da regioni ad alto contagio. Quindi, sentiti anche il ministero della Salute, dell’Interno e dello Sport, si è concordato la necessità di un intervento urgente che il prefetto può fare in base alla legge. Si è ritenuto, vista la situazione di differire la partita.”

Marotta alla Lega: “Prima il recupero con la Samp, poi la Juve. Altrimenti…”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. biancorossoviola - 4 mesi fa

    Il decreto del Governo stabiliva che in Piemonte si può giocare a porte aperte (con esclusione dei tifosi provenienti dalle zone a rischio). La Lega, per maggior prudenza, stava stabilendo di giocare a porte chiuse. Mi chiedo, che senso ha che il prefetto di Torino non faccia giocare la partita, neanche a porte chiuse? Non ci sarebbe stato nessun assembramento di persone potenzialmente rischioso per la diffusione del virus. La Premier League ha già deciso che in caso di diffusione del virus in Inghilterra si giocherà a porte chiuse. E noi stiamo ancora a giocare a rimpiattino, con i calendari che non sono già più recuperabili nei tempi normali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. curra. - 4 mesi fa

      Semplice. Perché la Juve a porte chiuse non vuol giocare. Vuole l’incasso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bobbe.. - 4 mesi fa

    Altra buffonata annunciata… Ma come si poteva credere di poter giocare a porte aperte in questa situazione e a un tiro di schioppo dalla Lombardia. Dio benedica Zhang.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy