Conte: “Non c’è tempo. Vietati assembramenti in luogo pubblico e spostamenti in tutta Italia #iorestoacasa”

Conte: “Non c’è tempo. Vietati assembramenti in luogo pubblico e spostamenti in tutta Italia #iorestoacasa”

Le parole del premier Conte sull’emergenza Corona virus

di Redazione VN
Giuseppe Conte

In diretta nazionale, il Premier Conte, ha parlato così riguardo all’emergenza nazionale del Corona Virus:

Cambiare le abitudini è difficile, ma alla luce delle nostre raccomandazioni verranno modificate e adattate alle nostre esigenze, ma purtroppo tempo non ce n’è. Stiamo avendo un aumento esponenziale dei contagi e delle terapie intensive. Adotteremo misura ancora più forti per riuscire a contenere l’avanzata del Corona virus per salvaguardare la salute pubblica dei cittadini. Firmo un provvedimento “io resto a casa” non esiteranno più zone rosse, ma sarà l’intera Italia ad essere interessata dal decreto. Saranno vietati ogni tipo di spostamento e assembramenti in luogo pubblico, non ci possiamo permettere più di queste che sono solo occasioni di contagio.

Da domani mattina, chiunque dovrà spostarsi da un Comune all’altro dovrà avere una giustificazione e presentare una autocertificazione per il controllo. Bar e i ristoranti in tutta Italia dovranno chiudere dopo le ore 18. Chiusi i pub, le discoteche, le sale gioco e tutti i locali ricreativi. Inoltre vietate tutte le celebrazioni pubbliche come matrimoni, messe o funerali.

Spadafora anticipa: “Domani la firma sul decreto per lo sport”

La Serie A si ferma. Ecco come potrebbe finire la stagione

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Labaroviola72 - 4 mesi fa

    Mi congratulo con il governo, la totale mancanza di logica e tempismo, I vari fuggi fuggi, I bar chiusi ma Milano borsa aperta, causeranno il diffondersi del virus e contemporaneamente il disastro economico. In due anni I suicidi saranno dieci volte di piu’ delle vittime del virus.
    Banda di incompetenti o asserviti al Bilderberg?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy