Caso Suarez, legali Juve ascoltati a Perugia. Presto verrà convocato anche Paratici

Nuovi dettagli dal caso Suarez: 12 minuti di test per avere il B1, risposte concordate tramite pdf

di Redazione VN

Spuntano nuovi particolari dell’indagine sull’esame d’italiano sostenuto a Perugia da Luis Suarez il 17 settembre. Come riporta Gazzetta.it, oggi lo storico avvocato della Juve Luigi Chiappero, insieme alla collega Maria Turco verranno ascoltati come persone informate sui fatti. La Turco – si scrive – è l’avvocato che ha materialmente seguito la pratica con il direttore generale dell’università Olivieri, che è invece indagato. Chiappero, dal canto suo, ha assistito ad una delle telefonate tra la collega e Olivieri.

Intanto sul Corriere della Sera viene ricostruito l’esame “privilegiato” per Suarez: 12 minuti di test, le cui domande erano state inviate con un pdf direttamente al calciatore uruguaiano e avevano come obiettivo di far imparare a memoria le risposte all’attaccante del Barcellona (ora passato all’Atletico Madrid).  Nelle mani degli inquirenti, oltre alle intercettazioni telefoniche già pubblicate, ci sono i tabulatie i video delle riunioni via Teams dei docenti.

Nonostante la Juve avesse in seguito rinunciato al Pistolero, nell’indagine coordinata dalla Procura di Perugia guidata Raffaele Cantone emerge che i dirigenti bianconeri all’inizio presero contatti per far affrontare e superare l’esame a Suarez e poterlo ingaggiare in tempo per inserirlo nelle liste Champions. La prima telefonata con il rettore Maurizio Oliviero arrivò da parte del neo d.s. della società, Federico Cherubini. Altre furono effettuate da Fabio Paratici. I due potrebbero essere sentiti nei prossimi giorni sia dalla procura perugina che da quella della Figc.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tato - 1 mese fa

    Se ci sono video e intercettazioni, che fanno emergere accordi tra la Juve e l’Università, legalmente potranno avere la, mano leggera, ma la reputazione dei disonesti, alla Juve resterà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. magicdolc_8322107 - 1 mese fa

    Ce l’hanno proprio nel DNA di rubare,di fregare gli altri con tutti i loro sotterfugi…Il problema è che,come al solito,a questi strisciati non gli faranno nulla o forse una multa…Ma ci rendiamo conto della gravità del gesto?E non mi dite che non c’è dietro la società se il loro avvocato ha telefonato al rettore dell’università…Qui si parla di truffa….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy