Calamai: “Montella spieghi l’ultimo mese piuttosto che parlare di pressioni”. Su Chiesa…

Calamai: “Montella spieghi l’ultimo mese piuttosto che parlare di pressioni”. Su Chiesa…

Il parere del giornalista: “Il 3-5-2 del tecnico non mi convince, sembra voler puntare sempre sull’usato sicuro”

di Redazione VN

Luca Calamai, noto giornalista e opinionista, ha parlato ai microfoni del Pentasport di Radio Bruno:

Vedo che non si esce dall’idea del 3-5-2, e ora non mi convince, con il Lecce avrei giocato 4-3-3 con Sottil davanti. Montella è convinto che Ribery giochi meglio a due, mentre tutta la vita ha giocato a tre, sembra voler usare sempre l’usato sicuro. Chiesa? Strano pensare che da due giorni, dal gol e la festa in nazionale, non sia in condizione di giocare. Bisogna riflettere se è andato in nazionale già infortunato o no. Montella? Avrei preferito spiegasse perché questa squadra in un mese non abbia la grinta e la gamba giusta, piuttosto che parlare delle troppe pressioni.

Dusan, è arrivata la tua ora

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lusoviola - 6 mesi fa

    Concordo con il Sr Calamai in toto,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pino.guastell_9534945 - 6 mesi fa

    Speriamo bene. Certo ha ragione Calamai quando manifesta perplessità sul modulo di gioco di Montella e sull’ostinato silenzio dell’allenatore nel non avere spiegare il mese bruttissimo della Fiorentina. Purtroppo le premesse non sono incoraggianti poichè Montella, anzichè recitare il mea culpa, ha detto che questo è il momento delle risposte che debbono dare la società, la squadra e l’allenatore. Lui ritiene che il mese nerissimo sia da attribuire alla squadra e alla società che non gli ha messo a disposizione fior di campioni, ma una serie di brocchi. Con la faccia da pietra miliare lui si è autoassolto, senza voler riconoscere che tutte le responsabilità sono sue che non sa preparare atleticamente la squadra, che non sa leggere le partite, che sbaglia sistematicamente formazione, che non ha correggere gli errori d’inizio partita cambiando gli uomini e il modulo di gioco. Ciò detto bisogna dargli l’ennesima chance, nella speranza che questa sera contro il Lecce si ritorni alla vittoria. Non voglio pensare ad un risultato diverso. Forza Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. damci - 6 mesi fa

    preparazione atletica scarsa,modulo spesso almeno discutibile,ostinazione nel difendere una campagna acquisti sbagliatissima nei concetti,prima che negli uomini,incapacità di gestire i giovani.Inaccettabile sempre di più anche nelle dichiarazioni.Quanto durerà?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. redellamaratona - 6 mesi fa

    Caro Saverio vorrei che tu ti esprimersi finalmente su Chiesa.Non è possibile pensare che un giocatore che si comporta come Icardi(accusa per non giocare un risentimento all’adduttore,sottolineo risentimento,quando Batti giocava con infiltrazioni alla caviglia e il grande Passa con uno strappo di 4 cm,riferito dal Serni),tra l’altro gioca in nazionale e poi si rifiuta di entrare in campo con la Fiorentina in svantaggio, malgrado il suo allenatore gli chieda questo sacrificio,facendo arrabbiare tutti compresi i suoi compagni.Questo bambino viziato,coccolato da tutti voi giornalisti,che lo difendete giurando sul suo impegno,in realtà ha smesso non solo di parlare ai suoi tifosi,ma anche di impegnarsi è giocare per la squadra che lo ha cresciuto,sostenuto,protetto e lanciato.Se Rocco non lo mette in riga(tribuna per 6 mesi) questa società non riuscirà mai a diventare grande.Vedi Inter ha fatto pulito a costo di rimetterci tanti soldi,ma ora gioca da squadra.Chiunque può chiedere di essere venduto, ma quando sei sotto contratto,non puoi usare armi illecite e poco professionali,devi accettare la volontà della società.Se la viola cede, domani anche Castrovilli o chiunque diventi appetibile per un grosso club comincerà a fare le bizze,non c’è più DellaValle questo va fatto capire.Ti chiedo un parere su quanto scritto,cari saluti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy