L’aneddoto sull’incontro Batistuta-Della Valle: “Quando Gabriel sbiancò… Lui mai in società, vi spiego”

Il giornalista ricorda: “Ero presente all’incontro tra Batistuta e A. Della Valle, ma i proprietari della Fiorentina non gradiscono inserire in società le bandiere viola”

di Redazione VN

Nel corso del match di ieri pomeriggio fra Fiorentina e Torino, Enzo Bucchioni, intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva, ha raccontato un piccolo aneddoto sul rapporto tra i Della Valle e Gabriel Omar Batistuta: “Non credo che Batistuta potrà mai entrare nella società viola, e vi spiego perché con un aneddoto. Ero presente a un incontro fra lui e il presidente della Fiorentina Andrea Della Valle, che non si conoscevano: all’inizio baci e abbracci, poi si cominciò a parlare di calcio, fra presente e futuro.

Della Valle però non gli propose un ruolo in dirigenza, ma gli chiese: ‘faresti il testimonial in Sudamerica per le nostre aziende?’, e ovviamente Batistuta sbiancò. Anche se parliamo di cinque o sei anni fa, la cosa non è proponibile: i Della Valle non hanno mai voluto inserire in società le bandiere viola, per proporre un ruolo a Antognoni ci hanno messo undici anni e solo dopo una grande pressione popolare”. E IL RE LEONE CONFERMA: “I DELLA VALLE NON CONTANO SU DI ME”

Violanews consiglia

Batistuta: “Porto sempre con me Firenze. Obiettivi oggi? Credo che nessuno si aspettasse lo scudetto…”

In seimila per Batistuta: il gladiatore doma lo stadio e piazza Signoria

 

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-2073653 - 2 anni fa

    Infatti, per farsene che di uno che ha sacrificato due gambe per la causa viola? Meglio Cognigni e Corvino che fanno tornare i conti, tanto il risultato sportivo mica è la mission di questa società…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Sblinda - 2 anni fa

    Sono indeciso se questa sia una dichiarazione da giornalista o da spione. Ammesso che sia successo veramente.
    Forza viola!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user - 2 anni fa

    Speriamo se ne vadano presto!!
    Prosit…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. woyzeck - 2 anni fa

    Ormai Bucchioni è diventato il mio idolo, uno dei pochissimi a dire come stanno le cose in modo chiaro e tondo. Ha ragione, c’è una parte di tifosi che sono totalmente narcotizzati. Bisogna però anche dire che si tratta solo di una parte estremamente minoritaria, la chiamerei la borghesia da stadio, poche migliaia di persone (a fronte di oltre un milione di tifosi) che in maniera ideologica continuano imperterriti a sostenere questa miserrima proprietà e società di incapaci e perdenti qualunque cosa faccia, a loro andrebbe bene anche se al posto dei giocatori viola scendessero in campo undici clown del circo… roba da strafatti perenni: “Ehiii vaaa tuuutto beeene… così ci diveertiaamoo….”…. Ormai il nostro solo obiettivo deve essere abbattere il tiranno (in maniera non violenta ovviamente….)…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Up The Violets - 2 anni fa

    Ma non disperate, potete sempre chiedere al più grande bomber argentino della vostra gestione, il Tanque Silva.

    O se no anche a Osvaldo, per quanto sia argentino solo per metà. Ora che s’è messo a ballonzolare da Milly Carlucci è perfetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. gianni69 - 2 anni fa

    Io ho goduto tanto con il bati lo vidi al suo arrivo in sede a quei tempi eravamo più giovani entrambi classe 69.lui più bello e più bravo di me. Però tutto questo puzzo per lui.. Ricordiamoci come se ne andò… Di pedina senza salutare. Non il perché ma il modo non mi piacque. Punto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Up The Violets - 2 anni fa

      – DUECENTOTRÉ GOL SU TRECENTOTRENTUNO PRESENZE, contando anche le coppe. Ripeto, 203 su 331.

      – Miglior marcatore nella storia della Fiorentina in Serie A.

      – Capocannoniere della Serie A nel 1995.

      – Battuto dopo più di trent’anni il record di gol consecutivi che apparteneva a Pascutti, record eguagliato solo quest’anno da Quagliarella. Nella stessa occasione stabilì anche il primato di giornate consecutive con almeno un gol segnato, e questo record Quagliarella non l’ha nemmeno sfiorato.

      – Una Coppa Italia e una Supercoppa vinte quasi da solo, cui si sarebbero aggiunti anche uno scudetto, se i vertici di allora non avessero abusato dello zafferano, e una Coppa delle Coppe se un arbitro svedese con il parrucchino, tale Frisk, non avesse preferito vederci il Barcellona, in finale. E chissà quant’altro, con un presidente più avveduto del Cotonato.

      – Rimase qua e ci riportò praticamente da solo in Serie A dopo che il suddetto Cotonato ci aveva fatti sprofondare in B per la prima volta.

      – Non disse nulla al momento della cessione perché era quella un palese modo di salvarci dal baratro nel quale il Cotonato medesimo ci stava facendo (ri)sprofondare. Se non ci fosse stato bisogno di soldi per evitare il fallimento, sarebbe rimasto a vita. Lo ha detto più volte e lo ha ripetuto anche l’altro ieri.

      – Ah, quasi dimenticavo: due caviglie distrutte per giocare sempre e comunque per la Fiorentina. Anche ieri faceva fatica a calciare un Super Tele.

      –> Serve altro? Io, fossi in te, mi ricorderei un po’ anche di tutto quello che c’è stato tra la presentazione e il momento della cessione, dopodiché sei ovviamente libero di fare quello che vuoi, anche di star lì a vedere la garra di Simeone o i destri in curva del c.d. “nuovo Ibra”… Così come io e gli altri quasi settemila di ieri siamo liberi di fare tutto il “puzzo” che ci pare per una delle più grandi leggende nella storia del calcio mondiale, non solo della Fiorentina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user - 2 anni fa

      Ti doveva telefonare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Matt - 2 anni fa

    Non è che gli avevano chiesto di tirare testate al muro. Non mi pare una cosa proprio assurda, sinceramente. Da cosa nasce cosa poi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. batigol222 - 2 anni fa

      E’ umiliante nei confronti di una bandiera della fiorentina. Ridotto a fare da pupazzetto per dei signorotti (chiunque siano). Ti pare che a Nedved abbiano proposto una cosa simile?
      Stiamo parlando di grandi professionisti e persone integerrime (oltre che amate da un popolo intero), lasciamo fare che sono comunque dei privilegiati strapagati. In questi casi sono persone di un certo spessore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. vecchio briga - 2 anni fa

    Non capiranno mai che il motore dell’azienda calcio è la passione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Il Viola di Gallipoli - 2 anni fa

    Bhe, questo si era capito da tempo.
    Ancora non so come fanno impresa i DV, a volte penso che abbiano avuto solo una botta di fortuna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy