Gerson regista, l’azzardo riuscito. Il primo segnale del vecchio Montella

Gerson regista, l’azzardo riuscito. Il primo segnale del vecchio Montella

Momento di difficoltà per la Fiorentina, ma a Parma ha funzionato l’esperimento Gerson regista davanti alla difesa

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

Che di salvabile ci sia ben poco è evidente anche all’osservatore più distratto. Il momento della Fiorentina è di quelli complicati, i risultati non arrivano più. E nel vortice della negatività finiscono pure gli episodi che avrebbero potuto cambiare tutto. Ma è in questi momenti che, oltre ad analizzare tutto ciò che non funziona, c’è da armarsi di lente di ingrandimento e trovare quel poco di buono finito sotto la polvere. A Parma, per la prima volta in stagione, Gerson ha giocato da regista. Nemmeno male, per la verità. Si è calato in una realtà nuova, soprattutto con l’atteggiamento. In campo dialogava, dava indicazioni ai compagni e provava a fare gioco. E poi ha rubato anche un paio di palloni lì a metà campo. L’intuizione è stata tutta di Montella, forse il primo vero segnale di cambiamento dato alla squadra.

Ai suoi lati hanno agito Benassi e Veretout, entrambi scomparsi per lunghi tratti della partita. Gerson invece, suo malgrado, è finito pure nel tabellino dei marcatori. Del Parma, purtroppo. Lo sfortunato tocco verso la porta di Lafont ha tagliato le gambe alla squadra. E contro il Genoa cosa succederà? Fino a quando è rimasto in campo Mirallas, la Fiorentina ha avuto un’idea di gioco in testa. Poi Dabo sulla fascia, com’è naturale che sia, ha trovato difficoltà. Ma l’esperimento riuscito potrebbe anche continuare. Sì, perché Montella ai piedi buoni in mezzo al campo proprio non rinuncia mai.

A fine stagione, con ottime probabilità, Gerson andrà via. Arriverà un centrale che lo sia già di mestiere. Quello che conta è che, pur avendo fatto un azzardo, Montella ha avuto un’intuizione giusta. In questo periodo di mille difficoltà è un piccolo segnale. Di lucidità tattica, ma anche di polso su qualcuno all’interno dello spogliatoio. Che l’addio di Pioli non sia stato gradito alla squadra ormai è noto. Ma da buoni professionisti adesso i giocatori devono portare la barca in porto raggiungendo la salvezza. Poi arriverà il tempo della rivoluzione. Per adesso fa sorridere un po’ che tra i migliori in campo nell’ennesima sconfitta ci sia stato Gerson, il giocatore per cui il fischiometro ha fatto sempre fatto registrare toni alti.

Violanews consiglia

Dalla Serbia: “Terzic è della Fiorentina“. La scheda

Sarà un’estate di rivoluzione: i Della Valle preparano la Fiorentina che verrà

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CippoViola - 4 settimane fa

    Io non ho mai difeso Gerson e continuo ad essere di questa idea. Mai detto però che non abbia i piedi buoni, i passaggi col Parma li ha fatti bene a tratti sembrava anche ricordarsi da quale parte fosse la porta.
    Il problema è l’indolenza nel gioco e la sua discontinuità è capace di scomparire dopo 20′ e ridursi al compitino trotterellando.. un pò come Norgaard.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Schicchi - 4 settimane fa

    Fare un esperimento del genere, ma provato in precedenza, in una partita così delicata, quando avevi a disposizione Veretout e ti bastava un punto. Fate voi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ivo - 4 settimane fa

    Ma davvero vi è piaciuto? A me è sembrato il solito inutile Gerson. Sicuramente tenerlo più indietro è meno dannoso, poichè lui gioca a ritmi da calcio brasiliano, e in effetti il regista può in certi casi giocare a un ritmo abbastanza blando (tipo Pirlo insomma), mentre la mezz’ala deve essere molto più dinamica. Per me ha giocato come sempre, solo che ha fatto meno danni per via della posizione diversa.
    Il tutto considerando che dall’altra parte c’era il Parma. Quando ti trovi davanti avversari di un certo livello, che ti attaccano per gran parte della partita, Gerson regista verrebbe triturato dagli avversari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cosimo de' Medici - 4 settimane fa

    Dice il Real stia gi à pensando a Gerson come erede di Modric.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bati - 4 settimane fa

    Se Gerson rimanesse sarebbe una jattura. Il brasiliano è stato un perfetto rappresentante di questa armata Brancaleone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13889043 - 4 settimane fa

    In effetti ha funzionato, ma che partita avete visto!!??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. alesquart_3563070 - 4 settimane fa

    Una rondine non fa primavera, ma tecnicamente è sicuramente superiore a Benassi e Veeretout, solo che è uno scansafatiche e con la velocità di un bradipo. E ci aggiunge un’indolenza che spesso è associata alla presunzione. Se dobbiamo sperare in lui stiamo freschi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13664476 - 4 settimane fa

    ARTICOLO CHE DEFINIRE BIZZARRO È EUFEMISTICO ::SAI QUANTI PALLONI PERDEREBBE GERSON IN QUELLA POSIZIONE E QUANTI GOALS IN RIPARTENZA PRENDERE MIO?FORZA VIOLA SEMPRE E AD MAIORA!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. nisci - 4 settimane fa

    un’intuizione che è stata causa dell’uno a zero del Parma non c’è mai la riprova ma quel gol pesa come un macigno su tutta la stagione… e a dire il vero peggio non poteva andare dato che perdere 1-0 0 4-0 cambia poco o niente adesso…
    Pertanto per cortesia poche intuizioni e vediamo di fare almeno un punto se 3 meglio almeno non si soffre fino alla fine… che sofferenza essere Fiorentini!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. LupoAlberto - 4 settimane fa

    Lucidità tattica negata dall’inserimento di un inguardabile Simeone titolare e dal cambio Mirallas-Dabo.
    Finiamo questo campionato e speriamo che le scelte future si dimostrino più assennate…
    SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lk - 4 settimane fa

      Simeone non segna, è oggettivo, ma cè anche da notare un fattore, Simeone è il primo difensore, è l unico che rientra subito a prender palli o a forzare la manovra avversaria, facendo riprendere subito la palla a noi, non è un caso che appena esce, iniziamo a subire e poi si prende il goal, anche cn il Parma. Secondo me è questo l interrogativo che ha Montella ed è per questo che s è visto titolare domenica. L’ideale è mettere subito Chiesa, Simeone e Muriel

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. LupoAlberto - 4 settimane fa

        Concordo fino ad un certo punto. Nel primo tempo abbiamo subito 2 pali, mentre il gol è arrivato su una deviazione. Se metti Simeone perché “difende” e Dabo ancora non ho capito perché, chi dovrebbe fare gol? Chiesa ha perso lucidità, quindi con una formazione così guai te li cerchi. Sono l’unico a pensare che se Vlahovic fosse stato messo titolare nelle ultime 5 partite, dandogli il tempo di ambientarsi e dimostrare cosa vale, ora non saremmo a sperare che l’Inter non permetta all’Empoli di vincere? SFV

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Lk - 4 settimane fa

    Per carità, potrebbe esser una coincidenza, una sola partita, vediamo la prox in regia (se lo farà) come giocherà, certo è che se veramente Gerson da il meglio come vertice basso, è una barzelletta, cè voluto un anno per capirlo?! Per giunta dove si metteva giocava male….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. i'campigiano - 4 settimane fa

    Se non ci aiuta Sant’Eupalla, altro che discorsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Ammazzalavecchiacolgas - 4 settimane fa

    Mi pare che anche Pioli l’abbia schierato in quel ruolo in qualche partita all’inizio del torneo, con risultati altalenanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pierre Du Monde - 4 settimane fa

      No.
      Principalmente mezzala, a volte trequartista, poi ha fatto l’ala solo un paio di volte.
      Era Veretout a giocare sempre da “regista” con Pioli.

      Col Parma è stata la prima volta che Gerson ha giocato in quella posizione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy