Il mito del calzoncino nero? Nasce da poche gare, ma memorabili

Il mito del calzoncino nero? Nasce da poche gare, ma memorabili

La storia del “panta nero”, uno dei “miti” mai spiegati della storia della Fiorentina

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar

Calzoncini neri correttoLa novantennale storia della Fiorentina, oltre alla miriade di gare disputate e di importanti titoli in bacheca, è intrisa anche di aneddoti e falsi miti. Fra quest’ultimi uno dei più “famosi” è quello del lavaggio sbagliato del 1929 delle maglie biancorosse che diede vita al viola (bufala clamorosa). Un altro “mito” che non trova una grande e diffusa fondatezza è quello legato ai pantaloncini neri indossati dalla Fiorentina nei primi 3 anni di vita con la divisa biancorossa, ma raramente con la maglia viola e, in questo articolo, cercheremo di capirne la genesi.
Partiamo dall’inizio.
Dal settembre 1929 al maggio 1981 (e, successivamente, nel 1989-90 e 1990-91) la divisa ufficiale della Fiorentina è stata la seguente:
– maglia viola
– calzoncini bianchi
– calzettoni neri e, dalla fine degli anni quaranta, viola
Per esigenze legate al regolamento, che, come sapete, non consente alle due squadre che si affrontano di indossare maglia, calzoncini e calzettoni dello stesso colore, la Fiorentina ha dovuto, spesso, variare la propria divisa, sia in casa che, soprattutto, in trasferta.
Uno dei casi più clamorosi sono stati i calzoncini azzurri indossati dalla squadra di Bernardini nella finale di Coppa Campioni a Madrid nel 1957. Il Real Madrid indossava la classica divisa tutta bianca e, in quel caso, l’arbitro obbligò il cambio cromatico alla Fiorentina (che indossò i pantaloncini probabilmente “offerti” dalla squadra di casa, visto che la seconda divisa delle “merengues” era, all’epoca, totalmente azzurra).
Maglie ritirate in ItaliaLa Fiorentina, dal 1931, ha giocato diverse gare in trasferta con la maglia verde, bianca, rossa, ma anche gialla, fino ad arrivare alle assurde sperimentazioni cromatiche degli ultimi anni (vedi grigio, blu navy, salmonato, antracite, etc…).
A questo riguardo, per assurdo, visto che la squadra gigliata ha trionfato in Coppa delle Coppe nel 1961, in Coppa Italia nel 1975 e nel 1996 ed in Supercoppa Italiana sempre nel 1996 con la divisa completamente bianca, sarebbe potuto nascere un “mito della maglia bianca”, cosa che non è mai accaduto.
E allora perché esiste il “mito” del calzoncino nero nonostante la Fiorentina lo abbia indossato per un numero abbastanza ristretto di gare?
In primis, probabilmente, perché le diffusissime foto delle 2 partite “storiche” relative al campionato del secondo scudetto (cioé Juventus-Fiorentina 0-2 e Fiorentina-Varese 3-1, ossia le ultime 2 gare di quel memorabile torneo) ritraggono i viola con il pantaloncino nero. Poi, perché fino al maggio 1981 (ossia prima dell’avvento del pantaloncino viola), in molte gare casalinghe, la Fiorentina ha indossato il “panta” nero in quanto gli arbitri applicavano, in maniera più solerte e diffusa (anche per motivi televisivi), la regola dell’identificazione cromatica anche per quello che concerneva anche il colore dei pantaloncini oltre quello della maglietta. Proprio in quel periodo va ricordato che ci fu la vera “esplosione” del tifo viola, con la formazione dei più importanti gruppi di ultras organizzati in curva Fiesole, ed il ricordo delle gare di quegli anni (soprattutto fra il 1971 al 1980), giocate talvolta col pantaloncino nero anche a Firenze (soprattutto contro la Juventus) ha acquisito, nel corso degli anni, un’impronta unica tra lo storico ed il mitico.
Serie A, B, C

 

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. c.ghilarducc_492 - 1 anno fa

    A mio parere viola e nero non stanno bene insieme. Troppo scuro. Molto meglio pantalone bianco che riprende il colore dei numeri e le scritte con il nome dei giocatori. In alternativa tutto viola. A me piacerebbe anche un ritorno alle origini con i colori bianco e rosso tipo la seconda maglia di qualche anno fa.
    In ogni caso … FVS.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luca-Pisa - 1 anno fa

    Panta nero tutta la vita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rui10 - 1 anno fa

    Sempre brutto è

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. johan14 - 1 anno fa

      Concordo in pieno. Il nero (che di per sé è un colore bellissimo, il mio preferito) con il viola non lega affatto. La divisa del ’68-’69 risale ad un contesto diverso, altri materiali, niente sponsor. Sbagliato riproporla oggi. Senza dimenticare che i colori sociali della Fiorentina non sono né il bianco-viola né il nero-viola, ma soltanto il viola. La divisa completamente viola (e neanche troppo scuro) rimane, a mio avviso, la più elegante. Certo, cambiare il colore dei pantaloncini costa meno che comprare un fuoriclasse. D’altronde i Della Valle non sanno più come arruffianarsi per riconquistare i favori dei tifosi. Prima hanno assunto Antognoni, poi hanno coinvolto i quartieri del calcio storico, ora si sono chinati anche alla richiesta di qualcuno sui pantaloncini. Senza fare l’unica cosa davvero utile a tale scopo, e cioè costruire una squadra da scudetto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Roberto Vinciguerra - 1 anno fa

        Ciao Salvatore “Johan14”, la tua memoria ti ha giocato un brutto scherzo, visto che nel 1968-69 la divisa ufficiale era comunque con la maglia viola ed i calzoncini bianchi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. johan14 - 1 anno fa

          Ciao Roby. La foto al centro accanto al presente articolo risale all’ultima giornata del campionato 1968-69 Fiorentina-Varese-3-1, come tu giustamente hai ricordato. Io avevo nove anni ed ero allo stadio. Tu, per tua fortuna, non eri neanche nato. Mi riferivo a quella gara ed a tante altre della stagione successiva. Non sono alla tua altezza in fatto di statistiche, ma i colori ancora li riconosco. So che il panta nero era un tuo desiderio. Permettimi almeno di dissentire. E comunque per vincere ci vuol ben altro. Coloro che hanno convinto la dirigenza a far mettere il panta nero dovrebbero convincerli anche a triplicare il monte ingaggi di coloro che indosseranno il panta nero. Un abbraccio.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Roberto Vinciguerra - 1 anno fa

            Il “panta nero” non è mai stato un mio desiderio, al punto che io vorrei tanto tornare al tradizionale “panta bianco”.
            Non ho capito, comunque, da cosa stai dissentendo, visto che la divisa ufficiale del 1968-69 era composta dalla maglia viola con il calzoncino bianco, come si vede bene nella foto in alto a destra relativa proprio a quella stagione.

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy