Prandelli/3: “Ribery campione e uomo vero. Kouamé resta. Castrovilli? Quel pallonetto…”

Il tecnico viola commenta anche l’acquisto di Kokorin: “Sono contento, ma avrà bisogno di un periodo di ambientamento. Ha grande qualità”

di Redazione VN

Arrivano altre dichiarazioni – questa volta Sky Sport – di mister Cesare Prandelli nel dopo gara di Fiorentina-Crotone: “Questa vittoria è importante perché i tre punti ti portano autostima e la consapevolezza che puoi giocare da squadra, ma anche i singoli ne beneficiano. Le gare non sono mai chiuse, dovevamo volere con più cattiveria e convinzione il terzo gol. Nel finale di gara abbiamo un po’ sofferto, non tanto ma un po’ sì perché il Crotone è una buona squadra. Dopo il 2-1 ci siamo abbassati ed è normale che in una situazione del genere tu possa soffrire. Ribery? E’ un campione. Quando ha orgoglio ed è un uomo vero come lui, in campo riesce a mettere tutta la sua qualità”.

Poi il tecnico viola ha parlato anche di altri singoli: “Castrovilli? Ha fatto sicuramente un’ottima partita ma in un tre contro tre non può tentare un pallonetto da fuori area. Ha uno spunto notevole, ora sta lavorando anche da un punto di vista tattico. Vlahovic? Mi sembra che in Europa ci siano pochi giocatori di 20 anni che hanno una maglia da titolare. Dobbiamo perdonargli qualche errore, la sua voglia di arrivare è straordinaria. Deve migliorare ancora in tante cose, soprattutto negli smarcamenti e nei tempi sotto porta. Troppi in attacco con Kokorin? Meglio essere in tanti giocatori di qualità. Poi il campionato è lungo e lui avrà bisogno di un periodo di ambientamento. Sono contento perché Kokorin è un giocatore di grande qualità. Kouamé parte? No. Martinez Quarta? Lo considero titolare così come Igor, Caceres e gli altri. Ha serenità e determinazione, è giovane ma ha un grande futuro”.

Prandelli (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)
1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Claudio50 - 1 mese fa

    A me sembra che castrovilli abbia giocato in un ruolo diverso del solito e si sono visti i risultati. Meno dipendente da Ribery più portato verso la sua fantasia e il suo dinamismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy