Nardella a 360°: “Dalla messa in sicurezza al restyling, il percorso per il nuovo Franchi”

Il sindaco: “Il 18/02 sopralluogo con i rappresentanti di ACF e tifosi, poi via alla messa in sicurezza, al restyling e alla riqualificazione di Campo di Marte”

di Redazione VN

Dario Nardella, sindaco di Firenze, durante il Consiglio Comunale di oggi ha illustrato il percorso che porterà alla restaurazione del Franchi. Queste le sue parole:

Intervengo per condividere con i Consiglieri Comunali il percorso che abbiamo immaginato per il profondo restyling dello stadio Franchi e per la riqualificazione complessiva dell’area di Campo di Marte. Sebbene potessimo avere le nostre ragioni per avanzare osservazioni e critiche al decreto del ministero, ci siamo messi a lavoro mettendo da parte le polemiche. Abbiamo preso atto della decisione da parte della proprietà della Fiorentina di non investire sul nuovo stadio Franchi, quindi porteremo in avanti autonomamente il nostro percorso. La Fiorentina è un privato libero di fare le proprie scelte.

Come sindaco della città metropolitana, però, sono disponibile alla costruzione di uno stadio nuovo a Campi Bisenzio e a valutare lo studio di fattibilità se e quando sarà proposto, perché la decisione spetta alla proprietà. Lo stadio, eventualmente, andrebbe inserito in una zona di infrastrutture con rete ferroviaria e tramviaria, con dei parcheggi adeguati. Tornando al Franchi, dobbiamo partire dai concetti positivi del decreto. Abbiamo un perimetro delineato e chiaro in cui operare in modo trasparente e veloce, perché è scritto cosa si può e cosa non si può fare.

Useremo le aperture a nostro favore contenute nel documento: 1) possibilità di una copertura dell’intero stadio e costruzione di curve parallele; 2) tamponare le curve esistenti per nuovi servizi anche commerciali; 3) volumi esterni e interrati sempre per finalità commerciale. Lo stadio è di proprietà del Comune, è un simbolo del calcio italiano e della storia della Fiorentina in cui hanno pianto e gioito intere generazioni. Ma ora c’è l’obiettivo di onorare la storia di Firenze e della Fiorentina con uno stadio all’altezza dei loro sogni e adeguato a standard europei. Mai avremmo permesso di tenere un impianto abbandonato, anche in caso di un nuovo stadio.

Ora siamo determinati a impegnarci su Campo di Marte. Il progetto è ambizioso e coinvolge tutti gli assessorati competenti, lo coordinerà l’ingegner Parenti e ci sarà bisogno di tutti, consiglio e quartiere. L’obiettivo è di realizzare un nuovo Franchi che preservi le sue qualità fondamentali ma sia adeguato al calcio moderno. Stadio innovativo e funzionale. Mettendo in sicurezza il bene architettonico con interventi ad hoc e dotando la Toscana di uno spazio iconico. Ricorderete l’incontro con Papa Francesco nel novembre 2015 e i grandi concerti e le grandi competizioni europee di calcio o rugby: la vocazione di un grande luogo di eventi rimane al centro del progetto.

Metteremo nel bando anche un polo museale del calcio, della Fiorentina ma anche della Nazionale e del calcio in costume in collegamento con quello di parte guelfa. Vogliamo inoltre decongestionare il quartiere con i problemi di viabilità e di parcheggio. E’ una sfida che sono sicuro anche la Fiorentina sarà in grado di raccogliere. Perciò siamo disponibili a collaborare con la società, con una distinzione dei ruoli: il Comune ha l’interesse pubblico di rivalutare l’area, mentre la società persegue un fine di lucro. Daremo un impianto innovativo e starà all’imprenditore farlo funzionare.

La prima tappa sono gli interventi di sicurezza statica, con un primo lotto da 300.000 euro: il 18 febbraio faremo un sopralluogo con i rappresentanti di Fiorentina e tifosi, entro settembre completeremo il tutto, per un milione totale, permettendo un ritorno al Franchi senza limitazioni. In queste settimane sono allo studio le analisi per la progettazione dei lavori per la sicurezza sismica per 7 milioni di euro, risorse già individuate. Quando al Consiglio verrà sottoposta la DUP dalla giunta, vedrete che saranno coinvolte tante aree: la riqualificazione, il centro sportivo, viale Malta e giardini, via Toti, area ferroviaria tra le due passerelle, la linea definitiva della linea che porterà la tramvia, con il parcheggio che realizzeremo alla fermata. L’obiettivo sono 4.000 posti complessivamente a disposizione di spettatori e residenti. Poi nuove funzioni private con nuove volumetrie dentro e fuori lo stadio.

La terza tappa sarà il concorso internazionale, come lo vinse Nervi a suo tempo per impatto a vista, contenimento costi e velocità. Con lo stesso principio vogliamo lanciare il concorso tenendo conto della sostenibilità ambientale e dell’innovazione. Trattandosi di un bene pubblico non possiamo scegliere una strada diversa. Pensiamo ad uno stadio con polo museale, un centro congressi, ristoranti, area commerciale, palestre e altri servizi che ne garantiscano fruibilità sette giorni su sette, raggiungibili anche con tramvia e treno oltre che dall’autostrada grazie al casello di Firenze Sud.

Cari architetti, partecipate al concorso, chi si è battuto per salvare il Franchi dia una mano concreta. Entro due mesi definiremo il concorso con tutti i documenti necessari, sarà aperto solo a soggetti con determinate esperienze. Due fasi: ci sarà una prima selezione che porterà ad individuare i finalisti, mentre nella seconda fase verrà prodotto uno studio di fattibilità che sarà giudicato da persone competenti. Al vincitore verrà affidata progettazione anche esecutiva per non perdere tempo. Entro il 2023 la partenza dei lavori, entro la fine del mio mandato. Insomma, non ci fermeremo mai con i lavori: prima la messa in sicurezza statica e sismica, poi il restyling.

Ma ci impegniamo anche a disegnare una nuova viabilità per campo di Marte: abbiamo già il finanziamento di 249.000 euro per la tramvia, un’occasione per riqualificare tutta quella zona. Poi c’è il tema della pedonalizzazione di viale Paoli, il completamento della galleria pedonale e la riqualificazione della stazione. Non dirotteremo qui un euro dai servizi ai cittadini né dall’impiantistica sportiva di tutta la città. Anche se il restyling è pubblico, non graveremo sulle tasche dei cittadini. Ci siamo già attivati con il Governo e con l’Europa. Poi ci sarà l’adeguamento del canone sportivo e degli spazi privati. L’investimento sarà di 500 milioni di euro con mille posti di lavoro in un momento difficile, vogliamo andare avanti in questa sfida con coraggio. L’investimento aumenterà l’attrattività di tutta l’area e non solo, comporterà anche il recupero dei flussi turistici anche per lunghi periodi. Consegneremo alla società un impianto innovativo, funzionale e sicuramente più redditizio.

36 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ForzaViolaSempre - 3 settimane fa

    polo museale del calcio con gli oggetti di proprietà della ACFFiorentina la vedo dura, come ti permetti di voler fare un museo con le cose della Fiorentina e della nazionale? Megalomane. COn le tue cose ci fai quello che vuoi ma te sei un rappresentante del popolo non un re. Te sei fori di testa….E’ come se il proprietario di casa mia volesse fare un autosalone con la mia macchina e quelle dei miei familiari…..fori di testa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alex9000 - 3 settimane fa

    Avete coperto i DV per 10 anni tra un plastico ed un rinvio, tra Castello e la Mercafir, ben consci che non avevano nè la voglia nè i mezzi per farlo, e già dal 2010 quando Diego si distaccò completamente lasciando tutto in mano al fratello ed al duo Co-Co !

    Adesso che Rocco vi ha detto CHIARO che se il Franchi è un monumento lui se ne tira fuori e forse va a Campi, dopo aver PERSO il Centro Sportivo, la possibilità di PERDERE anche lo Stadio, vi siete …. svegliati di brutto, ed avete paura, tanta paura di perdere, oltre la squadra di calcio, soprattutto, ANCHE le prossime …. elezioni !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tato - 3 settimane fa

    I soldi che arriveranno dall’Europa, una parte saranno a, fondo perduto, gli altri saranno prestiti. I prestiti si chiamano così, perché vanno restituiti. Quelli che da lo Stato Italiano, sono frutto delle tasse di tutti i contribuenti. Quindi dire che , fondi pubblici non graveranno sui cittadini, è come dire che esiste un ladro onesto. La verità è che dopo le scemenze dette su Mercafir, stanno cercando di salvare la faccia con il restauro del Franchi. Oltretutto come detto da Nardella lo stadio dovrebbe essere raggiunto da, autostrada, treni, avere parcheggi comodi. Ad oggi al Franchi esiste tutto questo?. Solo la ferrovia. L’A1 è distante km, i parcheggi dove sarebbero?. Dice tutto e si contraddice, perché Campi rappresenterebbe la sua Caporetto. La consigliera Giachi, ieri asseriva che usare altra terra per costruire un nuovo stadio, sarebbe inutile, uno spreco di risorse. Invece spendere centinaia di milioni pubblici, non è spreco, quando avresti un privato, che li metterebbe di tasca propria. Il punto è che, con gli appalti pubblici, si sa come funziona… Con il privato, non puoi fare lo stesso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. - - 3 settimane fa

    Non riesco più a leggerlo, non ce la faccio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tagliagobbi - 3 settimane fa

    Faremo, diremo, progetteremo… solite chiacchiere all’italiana. Voglio vedere quanti archistar presenteranno il progetto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toscoamericano - 3 settimane fa

    Fossi Commisso me ne sarei già andato. Magari a fare una bella squadra e un bello stadio per il Pisa, tanto per far dispetto ai fiorentini. Te lo immagini la Fiorentina in serie B e il Pisa in Champions’ league?

    Ma d’altra parte Firenze si meriterebbe questo e altro. Ma si potrà essere peggio di uno come questo che fa andare via chiunque voglia investire a Firenze? Ma come se non bastasse ha voluto pure candidare Firenze per le olimpiadi del 2032. Non c’è neanche un aeroporto che si possa chiamare tale in questa città e questo vuole le olimpiadi. Ma come si fa ad eleggere sindaco uno come Nardella?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Lio - 3 settimane fa

    La vera vergogna è che la maggior parte di voi l’ha votato….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Giglio - 3 settimane fa

    L’assidua ripetizione di: “entro”, “non più trdi del”, “faremo a breve” mi fa venire la pelle d’oca….
    Poi, quando ho letto “studio di fattibilità” allora mi soo ricreduto… adesso ho la certezza che anche mio figlio ahce mio figlio entrerà da maggiorenne nel franchi restaurato (che, per inciso, oggi ha 2 anni e mezzo)…………………………..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-2073653 - 3 settimane fa

    Vergognoso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Barsineee - 3 settimane fa

    “Come sindaco della città metropolitana, però, sono disponibile alla costruzione di uno stadio nuovo a Campi Bisenzio e a valutare lo studio di fattibilità se e quando sarà proposto, perché la decisione spetta alla proprietà. Lo stadio, eventualmente, andrebbe inserito in una zona di infrastrutture con rete ferroviaria e tramviaria, con dei parcheggi adeguati”. Della serie, se non cacciate il lesso e parecchio lesso con cavolo che vi diamo il permesso a costruire per duspicci!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. massimopr_744052 - 3 settimane fa

    Bene , quando cominciano i lavori? Perché a chiacchierare son bravi tutti, i fatti sono un’altra cosa. Ci deve dire quando iniziano i lavori e quando finiscono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Gasgas - 3 settimane fa

    Non sa più che pesci prendere…
    Mi sa che il sindaco di Firenze è il soprintendente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Conte Uguccione - 3 settimane fa

    Questo sta delirando, ha perso il contatto con la realtà.
    “Anche se il restyling è pubblico, non graveremo sulle tasche dei cittadini. Ci siamo già attivati con il Governo e con l’Europa”…
    Io sono senza parole! Come se i soldi eventualmente stanziati dal governo italiano o europeo non venissero fuori dalle nostre tasche tramite le tasse! Quanto imbarazzo in una persona sola!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Barsineee - 3 settimane fa

      ma scusami Conte Uguccione io non capisco. Se un privato anticipa i soldi per dare lavoro ai cittadini con un investimento va bene, se invece li anticipa il comune non va bene. Non capisco una cosa. Al di là di Keynes contro Friedman su cui ormai penso tutti sappiano che avevano torto entrambi, ti farebbe così schifo che utilizzassero i fondi destinati a Firenze per sistemare un quartiere di Firenze? Rendendolo moderno come hanno fatto a Siviglia ad esempio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Conte Uguccione - 3 settimane fa

        Vedi, a me va bene tutto o quasi tutto quando si tratta di fare, di costruire, di migliorare una società. Converrai però con me, senza scomodare i vari monetaristi, che sua maestà è decisamente in confusione e contraddice se stesso senza rendersene conto. Se il restyling è pubblico, gioco forza grava sulle casse pubbliche, qualunque esse siano, altrimenti sarebbe privato. Diciamo che nella mia valutazione mi sono principalmente soffermato sulla contraddizione nei termini, accettabile ovunque tranne che in chi riveste un ruolo così importante. Ma forse dovrei evitare di indignarmi nel vedere un politico di alto livello palesare senza remore ignoranza, saccenza, arroganza ed altro ma mai competenza, saggezza, concretezza.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Eziogòl - 3 settimane fa

      Stùdi, conte, studi. Poi parli/scriva

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. simorosi197_14297066 - 3 settimane fa

        Cioè? Illuminaci dai…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Conte Uguccione - 3 settimane fa

        Se chi studia diventa come te, mi vanto della mia ignoranza.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. jackfi1 - 3 settimane fa

    Intanto facciamo i lavori imminenti altrimenti a Firenze oltre al libretto vaccinale servirà anche il caschetto da cantiere per entrare allo stadio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. federic_3552710 - 3 settimane fa

    Siamo alla follia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. viola1926 - 3 settimane fa

    Delirio totale..fuffa completa i lavori che farà subito e che vendera come sua efficienza sono funzionali all’agibilita della struttura dopo la relazione della facoltà di ingegneria dell’Università.il resto lo rimanda al 2023 lui nn c’è più.. alla fine non si fa nulla nel pieno rispetto dell’immobilismo del partito che rappresenta..dall’altra parte bisogna farcene una ragione mica abbiamo chiesto un supermercato della coop altrimenti era già fatto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eziogòl - 3 settimane fa

      Stùdi, prima l’italiano, poi la logica, poi politica ed economia. Quindi venga a scrivere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. I' Mastica - 3 settimane fa

    Grande Dario! Oh vediamo i chiacchieroni, rosiconi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Superviola - 3 settimane fa

    ….il percorso che abbiamo immaginato per il restyling del Franchi….
    Immaginato capite? Non deciso…
    Ma di che parliamo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. I' Mastica - 3 settimane fa

      …sono forme retoriche via… sveglia!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Angel - 3 settimane fa

    Inizio nel 2023….Bona Ugo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. SPIRITO VIOLA - 3 settimane fa

    Bene fa tutte queste cose, e mettiamo che alla fine Commisso rimanga al Franchi a pagare l’affitto, la Fiorentina non potrà comunque fare quello step che necessita per poter lottare stabilmente per i primi 7 posti.
    Ma se 200 di quei 500 Milioni/249 Mln per la tranvia del Campo di Marte e 51 per una ristrutturazione minima del Franchi) venissero utilizzati per la costruzione della Tranvia che va a Campi( la parte del comune di Firenze) che nel futuro dovrà comunque essere servita perché sarà li l’espansione per Firenze e tutta la piana?
    In questo modo Firenze e la piana avrebbero 1 Miliardo di investimenti 500 pubblici e 500 privati.
    Ci fanno proprio schifo?
    SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. dottgerardobregli_13904243 - 3 settimane fa

    Ragazzi, il problema é che per fare lo stadio nuovo, da qualsiasi parte, ci vogliono minimo più di cinque anni . Intanto la Fiorentina dove giocherà ? E Commisso avrà la stessa voglia e energia per aspettare tutto questo tempo ? Secondo me, fra cinque anni non ci sarà neppure Commisso a Firenze; o sarà andato via in America oppure la Fiorentina si sarà estinta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Eziogolgobbo - 3 settimane fa

    Abbiamo già trovato i fondi… ahahahahah…. che comico! Vai con i vigili appostati per fare le multe ai poeri lavoratori se vanno a 55 all’ora….io son sempre più convinto che dentro è proprio gobbo, si vede… solo perché è sindaco fa finta… ma quel ghigno alla agnelli… mah!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Unsenepoppiu - 3 settimane fa

      Dopo la sconfitta col Napoli faceva i caroselli nel salotto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Eziogolgobbo - 3 settimane fa

    Che anghingonghi!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. apan - 3 settimane fa

    Bravo Sindaco, se ci pensavi prima della Mercafir non era meglio?
    Ora rimettilo a posto e facci fare tutti i concerti che vuoi!
    La fiorentina per me deve avere uno stadio nuovo di proprietà in un altro posto!
    FORZA ROCCO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Eziogolgobbo - 3 settimane fa

    Ahahahah! È troppo forte….basta vedere la foto!!! Quanta pazienza ci vuole…. avanti a campi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. ginox - 3 settimane fa

    Praticamente un delirio di onnipotenza. Farà la messa in sicurezza e poi una serie infinite di supercazzole per arrivare a fine mandato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. bpaolo6_13576411 - 3 settimane fa

    assurdo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. bianco - 3 settimane fa

    Boooooooooooom…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy