Montella e le tre lettere magiche. La strategia: giovani sì, ma con moderazione

Montella e le tre lettere magiche. La strategia: giovani sì, ma con moderazione

La Fiorentina cerca sul mercato un altro esterno d’attacco e una punta. Servono certezze, a costo di togliere spazio a Vlahovic, Sottil e Montiel

di Simone Bargellini, @SimBarg

G. O. L. Sono le tre lettere magiche che Vincenzo Montella ha citato più volte oggi in conferenza stampa. Del resto lui della materia se ne intende, essendo stato un bomber da calciatore. Quel che ad oggi manca alla Fiorentina che davanti ha a disposizione un potenziale cannoniere, ma ancora a quota 0 in Serie A (Vlahovic) e un falso nove come Boateng che nei primi sei mesi della scorsa stagione al Sassuolo aveva segnato 3 reti. C’è anche Simeone, finito però palesemente ai margini del progetto viola. E la cui partenza determinerà l’arrivo di un nuovo centravanti. Llorente? E’ un’ipotesi anche se pure lui nelle ultime stagioni ha segnato ben poco. Occhio anche al brasiliano Pedro del Fluminense (SCHEDA).

Tra il serio e il faceto il tecnico ha poi chiarito che la Fiorentina vorrebbe rinforzarsi in tutti i reparti. Caccia dunque ad un centrocampista e anche ad un esterno, nonostante l’arrivo di Ribery (I NOMI). Segnali importanti di ambizione per una squadra che punta sui suoi giovani, ma vuole anche delle certezze. E’ chiaro infatti che un altro innesto di spessore sulla trequarti toglierebbe spazio a Sottil e Montiel e lo stesso accadrebbe per Vlahovic se arrivasse un bomber affermato. LEGGI LE PAROLE DI MONTELLA

 

D. Lippi: “Ribery ha rinunciato a offerte strabilianti. Sarà grande Fiorentina. Caceres e Politano…”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CippoViola - 4 settimane fa

    Con l’eventuale arrivo di un altro esterno uno tra Sottil e Montiel finirà in tribuna e questo è un peccato.
    Vlahovic semplicemente non può realisticamente fare tutto il campionato + coppa italia (speriamo più a lungo possibile).
    Montella non è scemo, potrebbe scommettere sui giovani ma lui è sotto esame da mesi più di tutti, la sua riconferma dopo il cambio di proprietà non è stata cosa da poco.
    Se con i giovani facesse bene sarebbe un eroe se gli andasse male sarebbero tutti li ad accusarlo di essere stato troppo spavaldo coi giovani e non penso che butterebbero giù dalla torre Vlahovic o Sottil…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. g.deblasiodipalizz_1243183 - 4 settimane fa

    Spero che venga dato spazio ad almeno uno tra Vlahovic e Sottil che hanno dimostrato di poter crescere molto rapidamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy