L’oscuro Pulgar, il mediano che crea e distrugge ma non ruba l’occhio

L’oscuro Pulgar, il mediano che crea e distrugge ma non ruba l’occhio

Pulgar, in campo non ruba l’occhio ma i numeri dicono che il suo apporto alla Fiorentina è decisivo

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

Se qualcuno si aspettava di rivedere in lui David Pizarro ha sbagliato approccio. Sì, perché Pulgar e l’ex viola in comune hanno soltanto la cittadinanza cilena. Erick è un giocatore diverse, forse la definizione migliore per lui non è quella di regista ma di mediano dai piedi buoni. E’ un giocatore che in mezzo al campo sa far girare il pallone ma allo stesso tempo morde le caviglie agli avversari per recuperarlo. I numeri della stagione che si è conclusa da poco raccontano bene la sua identità. Su tutti i gol e gli assist. Sette rigori realizzati su otto battuti, una freddezza che la dice lunga anche sul suo carattere. Schivo, ritroso ad esporsi e alle dichiarazioni. Qualcuno ricorda sue interviste oltre le parole nel giorno della sua presentazione? Appunto. Poi, dicevamo, ci sono gli assist. Sono sei quelli vincenti per i compagni di squadra. Ha una buona capacità di verticalizzazione che ha portato ad azioni da gol. Anche i dati della Lega Serie A raccontano l’utilità di questo giocatore che, non ruba l’occhio, ma incide più di quanto non sembri. Nell’ultima stagione ha realizzato 23 passaggi chiave, collocandosi al dodicesimo posto in questa speciale classifica di statistiche. Il cileno spicca anche per la copertura del campo: con 11.405 metri di media in 3.210 minuti giocati è il quinto in Serie A per chilometri percorsi in una gara.

Nelle ultime settimana sono circolate voci su una sua partenza, con il Betis Siviglia pronto a puntare su di lui (CLICCA QUI). Salvo clamorose novità, Pulgar resterà alla Fiorentina. Piace a Beppe Iachini e, come raccontato, ha dimostrato di incidere. E’ chiaro che la prossima stagione dovrà essere quella della consacrazione, il momento in cui risultare anche più appariscente e magari determinante anche dalle punizioni che a Bologna in più di una circostanza ha trasformato in gol. Proprio i rossoblù si augurano il suo addio poiché vantano una percentuale sulla futura rivendita, ma la società viola ha le idee chiare. Semmai arriverà un altro centrocampista, magari stavolta davvero con qualità di regista. Quelle che Pulgar non ha e che è sbagliato aspettarsi quando lo si osserva col pallone fra i piedi.

A CENTROCAMPO PUO’ ARRIVARE IL RINFORZO TORREIRA

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Burlamacchi - 4 settimane fa

    Pulgar infatti non ha fatto male. Come riserva ci sta tranquillamente.

    Se qualcuno si aspettava tutt’altra cosa, forse non lo aveva mai visto al Bologna.
    Io mi tengo anche i gol che ha segnato. Su rigore, certo, ma ne ha sbagliato solo uno e non è così scontato.

    Secondo me è molto semplice: se arriva un’offerta importante, che più o meno pareggi quanto speso per lui, può anche partire.

    Altrimenti rimane perchè in una squadra di serie A servono anche delle riserve.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Filo - 4 settimane fa

    Torreira è molto simile a Pulgar
    Sono due giocatori di rottura è corsa.
    Se devono spendere trenta milioni è meglio guardare un altro tipo di giocatore.
    Per me a noi serve un giocatore di classe, uno come era Pizarro.
    Torreira non ha né lancio ne visione di gioco. Molto meglio quel Marc Roca

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bati - 4 settimane fa

    In una città che solo pochi anni fa ha visto esibirsi un grande e raffinato regista come Pizarro, come possono esserci tifosi che non si rendono conto delle varie ed enormi lacune di Pulgar? E’ fermo come un piolo, fa la giocata e si ferma, non corre senza palla, salta con difficoltà l’uomo, non è veloce di esecuzione, lo prendono spesso di infilata ed è costretto al fallo, tecnicamente niente di che, invece che accorciare i reparti li allunga. Il fatto che ne stiano cercando disperatamente un altro conferma la presa d’atto dell’errore fatto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filo - 4 settimane fa

      Se prendono Torreira continuano a fare lo stesso errore.
      Rispetto a Pulgar è molto più dinamico ma ha meno lancio e visione di gioco.
      Io non so come giocheremo il prossimo anno ma so come non giocavamo quest’anno.
      Questa squadra ha necessità di giocatori di classe nei due centri di regia: centrale di centrocampo e centrale di difesa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gummarith - 4 settimane fa

      lo insegnano alle elementari che non si paragonano le mele con le arance.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CippoViola - 4 settimane fa

    Come detto nell’articolo, l’errore più grave è stato ritenerlo quello che non era, un regista. Non a caso Montella lo teneva insieme a Badelj, dovendo pure pure spiegare alla gente che i due potevano coesistere, perché tutti insistevano a ritenerli due doppioni; peccato che uno fosse un ex regista già lento prima di andare alla Lazio, tornato bollito, l’altro è solo un mediano col piede un attimo più gentile della norma.
    Quello che più rinfaccio a Pulgar è che non abbia segnato nemmeno un gol su punizione, certe volte non ha nemmeno preso lo specchio della porta (i rigori ok ma non li possiamo contare).
    Sulla questione dei passaggi posso solo chiedermi cosa dovrebbe aver illuminato, forse le zone della nostra area mentre la percorrevamo tutti in difesa?
    Comunque siamo schiavi dell’eredità di Pizarro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. MATTEO1926 - 4 settimane fa

    Grande Pulgar…professionista serio e ottimo giocatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. plcapi - 4 settimane fa

    Avendo visto tutte le partite della Fiorentina dell’ultimo campionato, mi domando quali siano questi 23 passaggi illuminanti, se escludiamo i calci d’angolo e le punizioni (che ogni tanto azzecca ma spesso sbaglia di brutto).
    Le sue verticalizzazioni finiscono spesso sul fondo, o sui piedi avversari, ogni volta che costruisce dal basso, di solito manda in porta gli attaccanti, ma quelli avversari perché perde palla sulla tre quarti. Su punizione da noi non ha mai segnato. Magari fa come Marcos Alonso che al secondo anno migliora tantissimo e diventa un valore, ma se si deve giudicare da quest’anno è stata una delle delusioni più forti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gummarith - 4 settimane fa

      nonostante la descrizione è dodicesimo in campionato… pensa quanto incidono di meno i restanti giocatori di serie A. Vaia vaia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ilRegistrato - 4 settimane fa

        Ha fatto ridere tutto l’anno basta andarsi a rivedere i tabellini delle partite e i mugugni di tutti che quando giocava si voleva Badelj per chiudere la questione. I rigori non se li è procurati lui, quando batteva punizione era palla persa e quanto agli assist saranno venuti su calcio d’angolo e visto che era l’unico che batteva gli angoli devono risultare per forza. Via Pulgar e chi l’ha portato alla Fiorentina.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Gummarith - 4 settimane fa

          I numeri dicono una cosa, stop.
          Per quanto riguarda i voti dei giornalisti o i mugugni sono un altra cosa che a mio avviso dipendono molto dall’idea del giocatore che uno ha in testa, mi spiego meglio: se uno credeva che Pulgar fosse un nuovo pec ed a lui lo paragonava certamente ne è rimasto deluso.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ilRegistrato - 4 settimane fa

            I numeri sono quelli che ti ho detto. A parte i rigori (era il rigorista della Fiorentina) il resto fa abbastanza ridere. Se mettono il conto della palle perse, ovviamente questo e’ un articolo a favore di Pulgar e non ce lo mettono, c’e’ da buttarsi alla disperazione. I primi a non credere in lui erano Montella e Iachini che hanno ripetutamente provato a sostituirlo con Badelji ma visto che l’alternativa era anche peggio e’ rimasto in campo Pulgar. Se rimane alla Fiorentina sono sicuro che il posto per Pulgar e’ in panchina, ditemi voi se la Fiorentina puo’ spendere 12 milioni per un panchinaro e giudicate l’operato di chi ha portato Pulgar alla Fiorentina.

            Mi piace Non mi piace
  7. Lallero - 4 settimane fa

    SARA’ IL SUO ANNO, E’ FORTE ERIK

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filo - 4 settimane fa

      Se prendono o seguono Torreira lo vogliono vendere.
      Se però dobbiamo prendere Torreira e pagarlo 30 milioni allora per me é meglio lavorare su Pulgar. Sono due giocatori di rottura per non dire mediani con i piedi un po’ meglio ma non registi di classe. Possiamo risparmiare i soldi e prendere un centravanti forte.
      Io dovessi spendere tanti soldi proverei a prendere Sensi dell’Inter.
      Potrebbe essere chiuso e giocare poco e quest’anno c’è l’europeo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy