De Sisti a VN: “Sfida quasi impossibile per i viola, ma hanno un vantaggio. Tra Pioli e Di Francesco…”

Il doppio ex per antonomasia di Fiorentina-Roma parla in esclusiva ai nostri microfoni

di Simone Bargellini, @SimBarg

Dici Fiorentina-Roma e non puoi non pensare a Picchio De Sisti. Quasi 300 presenze da giocatore della Roma, la squadra della sua città, intervallate dai 9 anni straordinari di Firenze dove ha vinto lo storico scudetto del 68/69 per poi sfiorare il bis da allenatore nella stagione 1981/82. Violanews.com gli ha chiesto un parere sulla gara di domenica al Franchi.

“Sulla carta sembra una sfida impossibile per la Fiorentina, anche se il bello del calcio è che non c’è mai niente di scontato. I valori delle due squadre sono diverse e la Fiorentina dovrà fare la classica partita perfetta per riuscire a fare risultato. L’unico vantaggio per i viola, se così vogliamo chiamarlo, è avere meno da perdere perchè questa squadra giovane e rivoluzionata è stata accettata dai tifosi e deve sfruttare l’arma della spensieratezza, ma anche lo spirito di sacrificio da formazione operaia” dice De Sisti ai nostri microfoni.

Questa Roma è da scudetto? 
“E’ davvero una bella Roma, che si sta accreditando forte. In una stagione in cui la Juventus non sembra fare una corsa a parte, la Roma può dire la sua e giocarsela con i bianconeri, con il Napoli e l’Inter. Qualcuno cita pure la Lazio, per cui la Roma c’è, poi da qui a vincere lo scudetto ce ne passa. Attenzione però alla troppa euforia, che può essere un’arma a doppio taglio. Noi romani siamo pronti a gonfiare subito il petto per qualche bella vittoria e poi a ripiombare nella depressione al primo passo falso, dovrà essere bravo Di Francesco a gestire lo spogliatoio al meglio”.

Di Francesco sarebbe potuto arrivare anche alla Fiorentina, invece adesso c’è Pioli…
“Alla Roma Di Francesco sta dimostrando grande capacità di leggere le partite, non sempre dando spettacolo, ma con molta concretezza e organizzazione. Già al Sassuolo aveva fatto vedere di essere un tecnico giovane e capace, la Roma ha fatto la scelta giusta. Questo senza nulla togliere a Pioli che è un buon allenatore, non dimentichiamo che molto dipende dalla qualità dei giocatori che hai a disposizione”.

Da grande ex centrocampista, rimpiange Borja Valero?
“E’ normale rimpiangerlo vedendolo protagonista nell’Inter, ma non so se sia stata la società a cederlo oppure il giocatore a voler andare via. In nerazzurro è tornato a brillare grazie anche ai nuovi stimoli e soprattutto ad un ambiente importante in cui tutto sta funzionando benissimo grazie al lavoro di Spalletti, questo agevola anche Borja Valero” conclude De Sisti a Violanews.com.

LEGGI ANCHE:
Borja Valero: “Tutta colpa di Corvino. Avevo i brividi a pensare di andarmene”
– Né zemaniano, né spallettiano: così Di Francesco ha conquistato Roma

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bernard - 3 anni fa

    Caro Giancarlo , la tua , del 1965 / 66 era la Fiorentina baby , questa non lo è affatto perche’ , eccetto Chiesa e Simeone , gli altri non sono affatto ragazzini come Merlo , Brugnera , Chiarugi , Ferrante , oppure under 23 come tu stesso e Bertini . Milenkovic e Hagi il campo non l ‘ hanno mai visto , una manciata di minuti per Lo Faso . Altro che arma della spensieratezza !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. frigo - 3 anni fa

      È la età media più bassa dopo il Milan

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy