Serie A femm. – Primo KO della Juve. La Fiorentina ne segna 6 in trasferta. La classifica aggiornata

Serie A femm. – Primo KO della Juve. La Fiorentina ne segna 6 in trasferta. La classifica aggiornata

I risultati e la classifica aggiornata del campionato femminile di Serie A

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar

Grazie ad un inaspettato successo a Torino per 2-1 in casa della capolista Juventus (reduce da 17 vittorie in altrettante gare) il Brescia ha agganciato ieri la Juventus al vertice della classifica. Nel posticipo odierno la Fiorentina WS ha regolato con un netto 6-1 in trasferta il Chievo.
CLICCA PER LEGGERE I RISULTATI E LA CLASSIFICA AGGIORNATA DEL CAMPIONATO DI SERIE A FEMMINILE
***************************************************
LEGGI ANCHE:
– Da Baresi ad Astori, venti anni di maglie ritirate in Italia
– Primavera 1 – La classifica aggiornata
***************************************************

Violanews consiglia

Primavera 1 – L’Atalanta ipoteca la “final four” e la Fiorentina prova a rincorrere il 2° posto

 

 

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Up The Violets - 3 mesi fa

    Fattori è sicuramente il primo a dover saltare, ma cambiare l’allenatore da sé non serve a nulla. Il problema è infatti sempre lo stesso, che si parli di uomini e donne: l’anno scorso la Fiorentina ha vinto a mani basse più che altro grazie all’assenza di avversarie e d’impegni europei, mentre quest’anno, incredibilmente, dato che si trattava di rafforzare la squadra Campione d’Italia e detentrice della Coppa Italia, non si è tenuto conto di nessuno di questi due fattori problematici in più. È stato fatto un mercatino conservativo, andando a prendere delle ragazzotte straniere più di prospettiva che altro e che, come ha ammesso la stessa Linari recentemente, ci hanno messo un bel po’ a inserirsi. Solo in autunno si è provato a prendere due calciatrici “serie” come le nazionali norvegesi Schjelderup (che poi è clamorosamente tornata a casa dopo poche settimane) e Spord, ma ormai era troppo tardi per chiudere la stalla, come suol dirsi.
    La Juve invece ha investito e l’ha fatto seguendo lo stesso principio usato per la prima squadra maschile: così come tra gli uomini hanno tolto Higuain al Napoli e Pjanic alla Roma, tra le donne hanno provato a saccheggiare Brescia e Fiorentina, ovvero le due principali avversarie: con le leonesse ci sono riuscite mentre le giocatrici della Fiorentina sono rimaste, non per merito della società ma semplicemente perché qua c’era la Champions e a Torino no. A fine stagione il discorso s’invertirà e, così come per gli uomini, ho paura a pensare a come possa uscire dal prossimo mercato anche la Fiorentina femminile, dato che la voglia d’investire mi sembra essersi esaurita perfino tra quele donne per le quali pure circolano cifre sideralmente inferiori a quelle degli uomini, peraltro a loro volta lontane da quelle del grande calcio europeo come si è visto nell’ultimo e poverissimo mercato. L’anno prossimo la Fiorentina non avrà le coppe neppure tra le donne (ormai sono quasi certamente fuori), rischia di perdere molte giocatrici importanti e nel frattempo anche un’altra big di A, l’Inter, si prepara ad aggiungersi alla concorrenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fiorentinovero - 4 mesi fa

    INIZIO A NUTRIRE DUBBI ANCHE SU mister Fattori………la Juventus si sa le spese che ha fatto ma BRESCIA che ha venduto mezza squadra alle gobbe e Tavagnacco che non ha preso nessuno di clamoroso, non dovevano essere superiori a noi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. violaebasta - 5 mesi fa

    Dice addio non solo al bis tricolore ma ora che sono entrate le strisciate a qualunque tipo di trofeo nazionale; praticamente un copia/incolla della squadra maschile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Up The Violets - 5 mesi fa

    Il problema non è tanto lo scudetto, che ormai era già bello che andato da diverse settimane. Considerando che in campo femminile non esiste l’Europa League e che in Champions vanno solo le prime due, l’anno prossimo questa squadra rischia concretamente di rimanere fuori dall’Europa e di venire smantellata non solo dalla Juve, che crescerà ancora, ma anche dall’Inter.

    Un altro clamoroso errore di gestione e di valutazione di questa società, che neppure tra le donne (dove i costi di gestione sono clamorosamente più bassi rispetto agli uomini) è riuscita a capire questa semplice cosa e in estate ha fatto un mercato da barzelletta.
    Ultimamente sono arrivati due acquisti di peso come Schjelderup e Spord, titolari di quella Nazionale norvegese che in ambito femminile è tra le migliori del mondo, e probabilmente qualcosa servirebbe anche in attacco, dove Mauro e Caccamo non vanno per niente; ma ormai si tratta del classico chiudere la stalla a buoi già ampiamente scappati…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Up The Violets - 5 mesi fa

    Recuperare almeno il secondo posto è l’unico obiettivo possibile, ed anche questo sarà una mezza impresa. Dopodiché l’anno prossimo serviranno acquisti importanti fin da subito, per mettere su una squadra che tenga botta sul triplice fronte. Acquisti come Schjelderup, insomma: titolare della Nazionale norvegese (una delle migliori del mondo a livello femminile), giocatrice di passo, piede ed esperienza, tatticamente duttile. Assurdo che si sia aspettato l’inverno per fare acquisti del genere, che peraltro non dovrebbero essere finiti perché i problemi di questa squadra sono più dietro che davanti. Queste ragazze, per l’impresa che hanno compiuto l’anno scorso, avrebbero meritato un maggior sostegno economico da parte della società. Ma questa è una vecchia storia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Up The Violets - 5 mesi fa

    Servono innesti un po’ ovunque, in difesa ma anche a centrocampo (Spord potrebbe essere un buon inizio per dare più sostanza ad entrambi i reparti, dato che può fare sia il mediano sia il difensore centrale) e in attacco, dove le brave ma giovanissime Brazil e Zazzera non possono bastare quando Mauro, Bonetti e Caccamo non girano. Una prima punta capace anche di fare la seconda (o viceversa) e dotata di maggior esperienza servirebbe.
    Sopratutto serve ritrovare mentalità e tranquillità. In questo senso la sosta e l’uscita dalla Champions possono aiutare Fattori e Cincotta. Dopodiché viene da chiedersi con sconcerto come sia possibile che neanche in ambito femminile, dove pure i costi di gestione sono enormemente ridotti rispetto al maschile, questa società non abbia avuto la volontà e la capacità di costruire un organico capace non dico di vincere la Champions, dove girano corazzate come il Wolfsburg, ma almeno di reggere l’impegno europeo senza rischiare di pregiudicare il campionato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. pitto - 5 mesi fa

    Fattori disse: siamo noi la squadra da battere…..t’hanno preso in parola!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy