Torreira, l’esperienza in Spagna non decolla. Chiederà il trasferimento a gennaio, il Torino è pronto

Il centrocampista è stato a lungo nel mirino dei viola la scorsa estate

di Redazione VN
Torreira

In Champions non ha quasi mai giocato: 11 minuti contro il Bayern, 8 col Salisburgo e 12 contro la Lokomotiv Mosca. Totale: 31 minuti in campo, mai da titolare. E non è che in Liga spagnola le cose siano andate molto meglio, visto che finora è stato impiegato solo per 168 minuti e nell’ultima gara col Malaga è entrato solo a risultato acquisito. Questo quanto riporta Tuttosport sul momento vissuto dal centrocampista uruguaiano, accostato con insistenza quest’estate alla Fiorentina. Il ventiquattrenne non è ben visto da Simeone, e questo scarso minutaggio potrebbe costargli la maglia della nazionale. Stessa motivazione che lo aveva spinto ad allontanarsi dall’Arsenal nella scorsa sessione. Torreira non è soddisfatto di come stanno procedendo le cose nella capitale spagnola, e per questo non è escluso, anzi è probabile, che chieda di essere nuovamente ceduto a gennaio. E per il quotidiano, è proprio il Torino ad entrare in scena, con Vagnati che aveva già corteggiato a lungo l’ex Samp la scorsa estate. Forte di avere come tecnico Giampaolo, per il quale il nativo di Fray Bentos stravede. La possibilità di giocare la Champions aveva poi scongiurato un suo trasferimento in Italia, ma adesso pur di giocare e riprendersi con sicurezza la maglia della Nazionale, Torreira potrebbe spingere per andarsene a gennaio e recuperare il tempo perduto.

Col nuovo ciclo, tutti ripartono da zero. Ecco come cambiano le gerarchie in casa Fiorentina

Torreira
Photo by Rui Vieira/Pool via Getty Images
4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gianni69 - 2 settimane fa

    Si vede che per il cholo è un tu 6 Bono morino che hai ‘nteso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. MAXgobbomai - 2 settimane fa

    Ridicolo fantamercato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sblinda - 2 settimane fa

    Ma in realtà nella Liga gioca abbastanza ed ha pure segnato. Sembra sia l’unico regista al mondo, direi che si può cercare anche altro, no?
    Poi la priorità sono esterni e punta al momento, soprattutto se giochiamo a due in mezzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mario - 2 settimane fa

    Invece del centravanti è su questo che punterei, Pulgar in panchina con Duncan e avremmo un centrocampo equilibrato e completo nei titolari e nei sostituti… che è la base per costruire una squadra solida. A giugno se nessuno degli attaccanti gira, si prende una punta importante e si sceglie l’allenatore adeguato alle ambizioni della società

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy