Fiorentina, patto squadra-società: soglia minima di punti nello stress-test di 5 sfide

Dal match contro lo Spezia alla partita di Parma e nel mezzo il debutto in coppa Italia. Obiettivo minimo 7/8 punti e il passaggio del turno

di Redazione VN

L’edizione odierna de La Nazione si concentra anche sulla serie di gare che attende la Fiorentina dopo la sosta per le Nazionali. Quattro gare prima della prossima pausa, fondamentali per dare una spinta in avanti significativa ai risultati viola. Nello spogliatoio ma anche nelle idee di Commisso c’è una soglia minima dalla quale, prima che la Nazionale si riprenda la scena, Iachini non può scendere ed evitare così di far scattare allarmi di vario tipo. Il patto squadra-società deve garantire questo: almeno sette, otto punti, nelle prossime quattro partite e il passaggio del turno in coppa Italia. Traguardo minimo, si è detto, giudicando infatti il grado di pericolosità che hanno le partite della Fiorentina in arrivo.

Si parte dalla gara con lo Spezia, a Cesena, nella quale la Fiorentina è praticamente obbligata a vincere per cancellare subito le scorie della doppia sconfitta contro Inter e Sampdoria. Ma i tre punti dovranno arrivare nella cassaforte viola anche la settimana successiva quando a Firenze ci sarà l’Udinese. Queste due partite faranno da apri strada all’altro obiettivo che la Fiorentina non può fallire fra una sosta di campionato e l’altra: il superamento del terzo turno di coppa Italia, gara in programma mercoledì 28, al Franchi, contro il Padova. Quattro giorni dopo il campionato propone la sfida (la prima trasferta di due consecutive) a casa dell’avversario più duro in questo mini tour de force: la Roma. Infine, nell’anticipo del sabato (7 novembre) prima appunto della nuova sosta per la Nazionale ecco la trasferta a Parma.

FLORENCE, ITALY – OCTOBER 07: President Rocco Commisso of ACF Fiorentina during the international friendly match between Italy and Moldova at Artemio Franchi on October 7, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco pennaviola - 2 settimane fa

    ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mwalimu - 2 settimane fa

    Non credo proprio, se fosse stato un fenomeno non sarebbe stato sonoramente bocciato da chi l’ha allenato

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy