Commisso a squadra e tecnico: tutti sotto osservazione. Anche Pradè e Barone

Ora il presidente vuole delle risposte, il lavoro di tutti è sotto osservazione da parte del presidente. Vale per Iachini, ma anche per Pradè e Barone

di Redazione VN
Commisso

Come sottolinea Il Corriere Fiorentino, dopo il brutto ko rimediato con la Sampdoria, Rocco Commisso ha voluto mettere un bel carico di pressione sul resto della famiglia viola (CLICCA QUI per leggere le sue parole a Rtv38). Il messaggio è chiaro. E nasce proprio da quella voce di spesa, gli stipendi, che dopo anni di spending review è tornata a crescere. Soltanto per i giocatori della prima squadra (senza contare quindi lo staff tecnico e i dirigenti) la Fiorentina oggi spende 55 milioni di euro, il settimo monte ingaggi della Serie A. Ovvio, quindi, che Commisso si aspetti prestazioni e risultati migliori rispetto a quello che si è visto contro la Sampdoria.

Una partita che ha lasciato il segno. Non a caso, prima delle dichiarazioni dell’altra sera, Rocco si era fatto sentire anche col gruppo. Nessuna sfuriata, sia chiaro, ma un richiamo alle responsabilità sì. Lo stesso recapitato a chi ha costruito la squadra (Pradè e Barone) e a chi la deve guidare (Iachini). Per farla breve: sono tutti sotto esame. L’allenatore, la cui conferma è stata una scelta precisa del presidente, non può sentirsi garantito da un rapporto ancora oggi, comunque, molto forte col tycoon americano. Ora servono risposte, il lavoro di tutti è sotto osservazione da parte del presidente. Vale per Iachini, ma anche per Pradè e Barone.

GERMOGLI PH: 24 SETTEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI CONFERENZA STAMPA DEL PRESIDENTE DELLA FIORENTINA ROCCO COMMISSO
GERMOGLI PH: 24 SETTEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI CONFERENZA STAMPA DEL PRESIDENTE DELLA FIORENTINA ROCCO COMMISSO
10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iG - 2 settimane fa

    i punti deboli di questa proprieta’ sono
    PRADE’ e ANTOGNONI non certo BARONE
    mandare via PRADE’ e ANTOGNONI e sostituirli da 2 Dirigenti con i fiocchi e con le PALLE da affiancare a BARONE ceh le P. ce l’ ha

    Caro JOE, Fino a che la Fiorentina non taglia completamente con i Braccini Marchigiani e le loro scelte e si tiene rimasugli del loro disastro, non si fara’ mai bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eziogòl - 2 settimane fa

      verissimo. Già un’altra grande, vecchia bandiera,sarebbe migliore di Antonio: Daniel Bertoni, per esempio. Antonio grande icona ma inadeguato. Barone? Boh.. non saprei. Sicuramente via per sempre Pradè

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paolo - 2 settimane fa

    Non voglio certo fare il difensore di Joe Barone, però lui (più che un uomo mercato) a me sembrerebbe più un General Manager, dedito più che altro a seguire e a verificare lo stato di avanzamento dei progetti in atto come il centro sportivo e il nuovo stadio, mentre per quanto riguarda il mercato non penso che lui abbia delle competenze specifiche, come invece deve averle Pradè.

    Questo, comunque, non vuol dire che Joe Barone (come uomo di fiducia di Rocco Commisso) non possa e non debba dire la sua, soprattutto in presenza di eventuali scelte sbagliate da parte di Pradè.

    Pradè, invece, è stato scelto come Direttore Sportivo con ampia possibilità decisionale sia per le entrate sia per le uscite dei giocatori; con questo, non voglio certo dire che tutte le scelte di mercato che Pradè ha fatto finora siano sbagliate, però in quest’ultimo mercato estivo io mi sarei aspettato qualcosa in più da lui, soprattutto un vero regista di qualità come Torreira, che invece alla fine è andato in prestito all’Atletico Madrid (non è stato quindi ceduto a titolo definitivo).

    A fronte di tutto ciò, io credo che Rocco Commisso faccia più che bene a monitorare i suoi uomini più rappresentativi, anche perché con un monte ingaggi che è il 7° della serie A (addirittura più elevato di quello dell’Atalanta), lui ha tutto il diritto di pretendere dalla squadra qualcosa in più dell’8°-9° posto, considerando che anche il Sassuolo (anch’esso con un monte ingaggi inferiore a quello della Fiorentina) può dire la sua nella corsa per un posto in Europa League.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bottegaio - 2 settimane fa

    Ma non vi dice nulla che Commisso & C hanno e stanno liquidando tutta la vecchia gestione,no? C’è rimasto solo Pezzella e Mile che, vi rimando alla conferenza stampa Pradè, ad offerta congrua sarebbero stati venduti subito e per subito si intende subito! Alla faccia delle trattative di rinnovo.
    Commisso e C stanno già costruendo la base della LORO Viola con un mister scelto da LORO.
    Un consiglio, lasciate perdere Sarri. Sapete come si dice quando si fanno i nomi certi per un Papa al conclave: Entra Papa ed esce Cardinale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Masai - 2 settimane fa

      …a me pare che pradé abbia rivenduto parecchi dei bidoni che lui stesso aveva preso tra giugno e gennaio scorsi…mi sbaglierò!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Eziogòl - 2 settimane fa

    Ha assoldato ben tre 3 Civette per far osservare tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Midi - 2 settimane fa

    Va bene pretendere dai propri collaboratori, ma si deve lasciarli liberi di lavorare e non imporre le proprie scelte ( Montella e Iachini ).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 2 settimane fa

      Si, forse è vero che lui ha sbagliato su Iachini, anzi ha sbagliato certamente ma per quanto riguarda Montella per forza deve essersi fidato di qualche dirigente della vecchia guardia che ha consigliato una persona che arrivava fresco fresco dagli Stati Uniti ad andare vanti con un allenatore scelto da altri. Se queste sono le sue colpe, quelle dei dirigenti tecnici sono enormi e non vale la pen elencare ancora una volta le cappellate che hanno messo insieme Pradè e Barone.
      Come tanti, credo, mi auguro che Commisso cambi totalmente la parte della dirigenza tecncia con gente che sa cos’è il calcio moderno e spenda, invece che in giocatori, in tecnici all’altezza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ilRegistrato - 2 settimane fa

      Che c’entrano Montella e Iachini col fatto che Prade’ ha rimandato via la maggior parte dei calciatori che egli stesso aveva preso nelle due sessioni di mercato precedenti? Prade’ ha in questo modo certificato i molti errori e con l’aumento del monte ingaggi che e’ risultato dalle sue compravendite non puo’ dare la colpa esclusivamente a Iachini se la squadra non va. La squadra deve rendere in campo e non puo’ fare prestazioni come quella contro la Sampdoria. Rocco Commisso fa bene a farsi sentire da calciatori, staff tecnico, e dirigenza e dovrebbe anche dare degli obiettivi di punti e classifica al mancato raggiungimento dei quali qualche testa deve rotolare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Axel - 2 settimane fa

      Quindi dato che Commisso “avrebbe” sbagliato confermando Iachini tu gli prendi un esterno alto? Io proprietario ho deciso di confermare Iachini? Bene, prendi i giocatori adatti. A che serve prendere 10 mezzali e zero registi? A che serve andare a prendere un esterno alto? Gli sbagli del DS non c’entrano nulla con la scelta dell’allenatore (considera pure che tenere 10 allenatori a busta paga ti manda in rosso)? Tu DS hai come compito quello di scegliere i giocatori adatti all’allenatore che hai.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy