Viola Park, capienza ridotta nel mini-stadio. Si attende la tramvia, ma i tempi…

Capienza dimezzata in attesa della linea che collegherà Bagno a Ripoli a piazza della Libertà

di Redazione VN

Il nuovo centro sportivo della Fiorentina a Bagno a Ripoli nascerà con una limitazione: nel mini-stadio da 3.000 posti (capienza ridotta rispetto ai 5.000 posti previsti nel progetto iniziale) non potranno entrare più di 1.500 spettatori. Questo tetto alle presenze sarà mantenuto fino a quando non entrerà  in funzione la tramvia che collegherà Bagno a Ripoli (il capolinea di via Granacci è praticamente di fronte all’ingresso del Viola Park) a piazza della Libertà. Questo quanto scritto sul portale quiantella.it. Proseguendo nell’articolo leggiamo quanto però questi due progetti non vadano di pari passo. Se la nascita del centro sportivo viola è prevista nell’inizio del 2022. La tramvia ha tempi molto più incerti, ma quello che è sicuro è che non vedrà la luce prima della fine del 2023. Ecco quanto troviamo scritto sul documento di sintesi del Comune di Bagno a Ripoli:

In assenza della tramvia, una volta realizzato e collaudato il centro sportivo, potrà essere ottenuta l’autorizzazione di pubblico spettacolo ai sensi del Tulps (Testo unico leggi pubblica sicurezza) per un massimo di 1.500 spettatori, alle seguenti condizioni: dovrà essere prodotta una adeguata documentazione in relazione alla gestione della mobilità atta a soddisfare le esigenze di parcheggio, nonché l’adozione concreta tramite convezioni o altre forme di assicurazione sulla possibilità di utilizzo dei servizi di car sharing/car pooling prospettati”.

Verso l’Udinese: i convocati per domani

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. LupoAlberto - 1 mese fa

    Precedente interessante: nonostante la prevista realizzazione di ampi parcheggi, la posizione esterna al centro abitato e su una direttrice che conduce direttamente all’autostrada, si limita a 1.500 persone l’accesso al mini stadio dove non ci saranno eventi di grande richiamo.
    Nessuno ha mai limitato l’accesso a un nuovo centro commerciale nonostante nei fine settimana si formassero code infinite, eppure il problema è uguale.
    Covid a parte la Fiorentina gioca regolarmente in uno stadio senza viabilità e parcheggi, ma nessuno ci fa caso nonostante le proteste di parte degli abitanti di Campo di Marte.
    Se verrà modificato il Franchi che tipo di viabilità deve essere assicurata perché possa accedervi un numero di spettatori che potrebbe superare 40.000? La “prevista” tramvia quando sarà pronta? E sarà sufficiente (non può certo prevedere di fare fronte a 20.000 transiti nel giro di 30 minuti in entrata ed a uscita) perchè sia accordato il Tulsp o verranno posti limiti di accesso?
    E l’autostrada vicino non ci sarà mai, particolare nonostante il quale a Bagno a Ripoli si bloccano 1.500 accessi al ministadio, ma non 40.000 al futuro “Franchi”?.
    Rocco pensaci ora…
    SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vecchio briga - 1 mese fa

    Ma questa è una novità dell’ultimo minuto, o Commisso ne era già a conoscenza? Perché sennò davvero volete farlo scappare

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy