Stadio, lotta continua tra capoluogo e provincia. Il progetto della Grande Firenze che fine ha fatto?

Stadio, lotta continua tra capoluogo e provincia. Il progetto della Grande Firenze che fine ha fatto?

Il progetto della “Grande Firenze” è finito in soffitta. E nel frattempo Nardella continua a guardare a Campi Bisenzio come un toro osserva il drappo rosso

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3
Firenze-Stadio

I fiorentini, popolo di Guelfi e Ghibellini. Diviso, storicamente, su tutto. Ma non adesso. Non sulla questione stadio. I numeri del nostro sondaggio parlano chiaro. I voti sono stati più di cinquemila, il 92% (percentuale bulgara) dei tifosi è favorevole all’idea di poter costruire il nuovo impianto fuori dal Comune di Firenze. La piazza viola sta con Rocco Commisso, ora più che mai. Il presidente è arrabbiato e spazientito e, alla scadenza del bando per l’area Mercafir, potrebbe parlare tramite un comunicato. Nel frattempo non tramonta l’ipotesi Campi Bisenzio. Il sindaco Emiliano Fossi preferisce, per il momento, restare in silenzio, ma tornerà a dire la sua su questo tema delicato. 

Inutile girarci intorno: Dario Nardella sembra guardare al territorio campigiano come un toro guarda il drappo rosso. Nel suo intervento a Lady Radio, il primo cittadino ha parlato di “coerenza” perché “la storia della Fiorentina è legata a Firenze”. Vero, ma per la maggioranza dei tifosi non sarebbe un problema se lo stadio dovesse sorgere al di fuori dei confini fiorentini. La nuova casa gigliata porterebbe posti di lavoro e farebbe aumentare il fatturato del club. 

Nardella, però, sembra voler mantenere divise le parrocchie. E pensare che nel 2016, non un secolo fa, portava avanti il progetto della “Grande Firenze”, definito “obiettivo di straordinario fascino, che permette di recuperare la storia del territorio e di guardare al futuro”. E ancora: “Questa è la via per portare benefici a cittadini e imprese. La Grande Firenze può dare una spinta sulle infrastrutture, creare un piano economico unico, semplificare e unificare gli uffici e le regole” (le dichiarazioni sono riportate da Repubblica, ndr). Parole belle, dal sapore progressista avremmo detto una volta, rimaste, però, in un cassetto. 

Sono passati quattro anni, ma della Grande Firenze neanche l’ombra. Anzi, il progetto sembra essere finito in soffitta. Rocco, a New York, racconterebbe che lo stadio si trova nell’area metropolitana anziché nel capoluogo toscano? Non scherziamo. Non è importante il dove, ma il se e il quando.

 

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Enzo2 - 1 mese fa

    AVANTI ROCCO!! Avanti a Campi !! (spallata finale)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14097343 - 1 mese fa

    Nardella cura solo il suo particulare perché Firenze è un brand che paga. Della »provincia metropoloitana non gliene importa nulla perché non porta voti. Non ne ha rispetto né sensibilità. Ve lo dico da fiorentino doc che adesso abita a Sesto. Altra cittadina dell’interland assolutamente trascurata dal sig Nardella

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bernie78 - 1 mese fa

    Articolo che condivido al 100%. Niente da aggiungere, bravo Stefano!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Valter - 1 mese fa

    Non si capiscono proprio questi comportamenti del sindaco a insistere sulle divisioni tra comuni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. liberty - 1 mese fa

    Giornalisti (tutti) ora basta difendere questo personaggio anche dovesse essere della vostra parte politica
    Qui si tratta del bene della Fiorentina!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bobbe.. - 1 mese fa

    Nardella fa rima con Montella…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Tato - 1 mese fa

    Per la coerenza Nardelliana, non avrebbero dovuto eleggerlo sindaco, non è nato a Firenze. Se lo stadio della Fiorentina deve rimanere a Firenze per storia, allora anche il primo cittadino dovrebbe essere un Fiorentino DOC

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-14144728 - 1 mese fa

    Caro Presidente Commisso. La prego di non farsi “fregare” una seconda volta da questo politicante (mi riferisco alla gestione dello stadio) cresciuto all’ombra don un altro grande genio. Faccia di testa sua, si fidi delle sue intuizioni che, salvo smentite, le hanno permesso di arrivare ad essere un imprenditore di assoluto livello internazionale. Auguri Presidente e Forza Viola. SEMPRE !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy