Mezzala o mediano? La duttilità di Veretout nei due tempi di Torino

Mezzala o mediano? La duttilità di Veretout nei due tempi di Torino

La partita dell’Olimpico alimenta il dibattito sul ruolo del francese, che dà una marcia in più come mezzala ma è preziosissimo da mediano

di Simone Torricini, @TorriciniSimone

TORINOA Torino, per la seconda volta consecutiva in gare ufficiali, Jordan Veretout è tornato ad occupare una posizione meno centrale. Contro il Genoa era stato Norgaard a liberare il francese del peso della posizione, ieri invece è toccato a Fernandes, mentre Benassi è stato il più avanzato del centrocampo. Dettagli già facilmente individuabili ad occhio nudo durante la partita, ma che emergono con ancor più precisione dal match report pubblicato dalla Lega Serie A, dove i giocatori sono identificati con i rispettivi numeri di maglia: il 17 dell’ex Saint Etienne è sempre alla sinistra del 26 di Fernandes.

Nel postpartita Pioli ha detto di aver visto Veretout più come secondo mediano che come mezzala, e in un certo senso è stato effettivamente così: nel secondo tempo la sua posizione media si è progressivamente stretta al fianco di quella di Fernandes, anche perché in particolare in avvio di ripresa il Torino è stato particolarmente aggressivo e ha costretto i viola ad un approccio più conservativo. Ma nel primo tempo, e in particolare durante i primi venti/venticinque minuti, il francese ha fatto la mezzala a tutti gli effetti, segno che la scelta iniziale prevedeva il ritorno alle origini. Con il proseguire della gara ha avuto il tempismo giusto per capire in autonomia quando tornare a fare densità in una posizione più centrale.

Primo TempoSecondo Tempo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Norgaard a Genova e Fernandes all’Olimpico hanno dimostrato di essere affidabili, ma non affidabilissimi, ed è probabilmente questo il dubbio che frena Pioli dallo slegare Veretout con continuità. Indubbio, in ogni caso, è che il tecnico ci stia pensando con decisione: lo dimostrano le scelte recenti e lo giustificano le prestazioni del suo centrocampista, che per la verità non ha mai sfigurato neppure in veste di centrale. Riproporlo stabilmente da mezzala potrebbe portare scompensi in fase difensiva, visto che dall’altro lato Benassi è più a suo agio nel portare pressione che nel correre all’indietro. La variabile, insomma, è sempre la stessa: il rischio. Domenica arriveranno risposte utili in merito.

Violanews consiglia

Coppa Italia – Torino-Fiorentina 0-2. Chiesa porta i viola ai quarti

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. vecchio briga - 5 mesi fa

    Mah..per me ogni giocatore dovrebbe giocare nel proprio ruolo, se non in casi di emergenza. La Fiorentina se prendesse un terzino destro e un mediano come si deve, sistemerebbe 4 ruoli alla grande.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy