Centro sportivo a Bagno a Ripoli? I Verdi insorgono: “Il Comune blocchi il progetto”

Centro sportivo a Bagno a Ripoli? I Verdi insorgono: “Il Comune blocchi il progetto”

Ferma presa di posizione del gruppo politico dei Verdi: “Area rurale da preservare, la Fiorentina vada altrove”

di Redazione VN

Il progetto del nuovo centro sportivo della Fiorentina a Bagno a Ripoli, nei terreni appena acquistati, non è visto di buon occhio dal gruppo dei Verdi Firenze. Che attraverso un comunicato lanciano un vero e proprio appello al sindaco e alle amministrazioni:

Contrariamente a quanto riportato da alcuni giornali, non si tratta di una zona a rischio degrado da “riqualificare”, bensì di un territorio rurale in grado di fornire importanti “servizi” alla città, alle sue comunità e alle sue attività economiche. Si pensi alla mitigazione dei cambiamenti climatici, alla qualità di un paesaggio a fini turistici, alla mitigazione del rischio idraulico, e alla qualità dell’aria e della vita dei cittadini.

Negli ultimi mesi assistiamo ad amministratori e imprenditori sempre più predisposti, a parole, a ridurre l’impatto delle nostre città e a favorire soluzioni che non prevedono consumo di suolo. Nei fatti però un approccio ecologista allo sviluppo delle città sembra ancora molto lontano. Anche nel caso del centro sportivo della Fiorentina è difficile capire perché non si possano trovare soluzioni per un progetto di questo tipo, soluzioni che vadano davvero a ripristinare aree già artificializzate del comprensorio fiorentino, o a meglio utilizzare aree già destinate a tale funzioni piuttosto che andare ad urbanizzare e cementificare aree verdi residue. L’area di Bagno a Ripoli appare anche abbastanza incomprensibile nel momento in cui la società viola sembra orientata a costruire un nuovo stadio in una zona a nord ovest della Città metropolitana di Firenze.

Siamo in un periodo di grandi cambiamenti climatici e di enormi problemi ambientali, che incidono direttamente sulla qualità della vita dei cittadini, soprattutto nelle città, dove occorre invertire l’approccio ai problemi: ogni residuale area rurale attorno alle città non deve essere considerata come terreno di conquista per nuove infrastrutture ma come bene comune da preservare individuando soluzioni nuove nel migliore utilizzo delle aree già trasformate e urbanizzate.

Chiediamo al Comune di Bagno a Ripoli di invertire la rotta e non approvare varianti al Piano Strutturale che andrebbero a cancellare dei valori del territorio che non torneranno mai più.

Chiediamo nello stesso tempo alla Regione e alla Soprintendenza di perseguire gli importanti obiettivi individuati in questa direzione dal PIT e dalla stessa normativa urbanistica regionale, opponendosi ad un ulteriore consumo di suolo nelle periferie delle nostre città, e in particolare alla trasformazione di 25 ettari di territorio rurale come previsto per il nuovo centro sportivo a Bagno a Ripoli.

Nello stesso tempo chiediamo a tutti i Comuni dell’area metropolitana fiorentina di individuare aree più idonee ad un progetto di centro sportivo della Fiorentina, che non vogliamo che sia cancellato bensì localizzato in luogo più adeguato.

Quella dei Verdi è forse una voce fuori dal coro, ma riteniamo che la voce ‘stonata’ sia non la nostra ma quella di chi dichiara una cosa (consumo zero del territorio) e poi ne fa un’altra.

Sind. Bagno a Ripoli sul centro sportivo: “Tempi per la prima pietra e iter, serve una variante”

37 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dal greto dell'Arno - 2 mesi fa

    io ho ancora da vederlo un verde che non abbia la macchina a motore termico (cioè che inquina), e conosco diversi ambientalisti che la domenica vanno a giro con macchine, che da quanto son vecchie, non sono nemmeno euro zero, avete mai sentito di una 500 d’epoca quanto inquina?
    Vaia vaia verde

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. DeepPurple - 2 mesi fa

    “Nello stesso tempo chiediamo a tutti i Comuni dell’area metropolitana fiorentina di individuare aree più idonee ad un progetto di centro sportivo della Fiorentina, che non vogliamo che sia cancellato bensì localizzato in luogo più adeguato”, fantastico succo di italianità allo stato puro al pari di molte dichiarazione dilatorie teoriche a fronte di problemi presenti e pratici. Nel merito però mi domando per dei campi da calcio e strutture sportive dove sia l’area più idonea se non un area rurale, ma forse mi sbaglio e potremmo fare un centro sportivo all’interno di un area industriale magari alla Pignone o su una piattaforma al largo di Livorno senza disturbare troppo il gas

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Gasgas - 2 mesi fa

    Il classico ambientalismo da quattro soldi. Gente ottusa che ha paura di andare avanti e non si rende conto che l’inquinamento, le deturpazioni sono il vecchio… Svegliaaaaaaa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Random - 2 mesi fa

    Cmq su terreni privati edificabili hanno voce in capitolo pari a ZERO, se ne facciano una ragione sti fenomeni dll’ultimo minuto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 2 mesi fa

      Il problema è che il Comune deve modificare la destinazione d’uso dei terreni e questa cosa passa dalla politica. Non so quanto pesino i Verdi nel consiglio comunale di Bagno a Ripoli, ma ci puoi scommettere che nasceranno comitati, raccolte firme, ricorsi. Come vederli

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Up The Violets - 2 mesi fa

        Contano meno di zero, come ovunque del resto. Questo comunque è un comunicato dei Verdi Firenze.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Daniele C. - 2 mesi fa

    Ma per favore, ora non mettetevi voi a rompere i maroni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. vecchio briga - 2 mesi fa

    Io sono un ambientalista convinto, per questo non voterò mai i Verdi che si ricordano dell’ambiente solo quando gli offre la possibilità di farsi sentire per aumentare un po’ di consenso. Ma poi il terreno di Bagno a Ripoli è stato comprato ormai, vogliono bloccare tutto e fare un danno clamoroso alla Fiorentina?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. batigol222 - 2 mesi fa

    Io sono d’accordo con le politiche ambientaliste, ma sono anche dell’idea che è sbagliato concentrare tutte le funzioni all’interno delle città: diventano sempre più invivibili e sempre più indispensabili. L’ideale è utilizzare al meglio tutto il territorio metropolitano, aumentando il verde anche dentro le città e riducendolo a zone fuori. Ben venga portare fuori funzioni che non è obbligatorio tenere dentro i confini cittadini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. runner - 2 mesi fa

    Mi pareva strano che fossero stati zitti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. fff055 - 2 mesi fa

    Insomma ai verdi di bagnaripoli importaS del cambiamento climatico se il centro sportivo lo fanno a campi a fucecchio o a pontassieve. Basta che non si faccia a casa loro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. fff055 - 2 mesi fa

    Insomma ai verdi di bagnaripoli importaS del cambiamento climatico se il centro sportivo lo fanno a campi a fucecchio o a pontassieve. Basta che non si faccia a casa loro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. bertanza - 2 mesi fa

    invece di perdere tempo con queste cose dovrebbero passare le giornate a chiedersi perchè in germania i verdi hanno preso il 20% e qui l’1

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Johan Ingvarson - 2 mesi fa

      Perché i Verdi da anni in Italia sono rinomati per essere il partito del NO a tutto e dell’essere legati a doppio filo con l’estrema sinistra. In Germania invece sono un partito indipendente che propone alternative ecologiche (e soprattutto concrete) agli attuali modelli di vita.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. vecchio briga - 2 mesi fa

        Per una volta condivido in toto il tuo pensiero.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Up The Violets - 2 mesi fa

    Civilmente, ma con tutta la nostra forza, noi tifosi difendiamo la nostra Fiorentina da questi incommentabili tentativi dei soliti noti. Siamo tanti, facciamo capire loro che, se anche soltanto ci proveranno, alle prossime elezioni ci vorranno i millesimi di punto percentuale per commentare i risultati di questa gente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Staffa - 2 mesi fa

    ma che lo sanno che i campi di calcio so fatti di erba…vera?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. i'campigiano - 2 mesi fa

    I Verdi? Ma esistono ancora?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Sitrombapoho - 2 mesi fa

    … magari se poi gli chiedi se aeropprto e inceneritore va bene a sesto … ti dicono che sì, che non si può vedere solo il proprio orticello e si deve pensare alla “grande Firenze”. Io sono di sesto, se commisso vyuol fare il suo centro sportivo parallelo all’autostrada e impedendo così aero e ince da noi, io son più che favorevole…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. aurelianodamacondo - 2 mesi fa

    Sono Verdi. E mi paiono marziani

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. MAU - 2 mesi fa

    E ci risiamo, a Firenze e dintorni non vogliono (vorrebbero) fare niente che sia privato. Oramai è lampante. L’unico maniera è di avere una societa forte come la Fiorentina, adesso, e perseguire i propri obiettivi senza indugio alcuno. Si fa o non si fa sto stadio! Lì si fa e li si deve fare, basta con tutte queste cazzate. Ma avete visto il Parco della Piana dove doveva sorgere lo stadio con annessi e connessi?; no? andate a vedere quella grande area prima di tutto e nella quale non ci stanno neppure i grilli; l’importante e NON FAR FARE AI PRIVATI; Evviva per i nostri amministratori, lungimiranti e sempre dalla parte del popolo. Ma vaia vaia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. CIRANO - 2 mesi fa

    Quarto d’ora di notorietà, come auspicato dal grande Andy. Però al 16° minuto che si levassero.
    Il centro sportivo prevede campi da calcio. Campi, erba, natura. Certo che bisogna considerare che quella zona produce sostentamento per tutta la città. Che dico città, provincia. Che dico provincia, regione. Chi siamo noi per mettere alla fame un intera comunità?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Violante - 2 mesi fa

    Cito ” Si pensi alla mitigazione dei cambiamenti climatici, alla qualità di un paesaggio a fini turistici, alla mitigazione del rischio idraulico, e alla qualità dell’aria e della vita dei cittadini.”

    Questa gente va rinchiusa. Un ci fanno mica un inceneritore… Ma vaiaaiaiaiaiaia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Giglioviola - 2 mesi fa

    I Verdi ah i Verdi fonte eterna di pura e costante saggezza. Ricordo ancora che nel tempo di costruzione della terza corsia della A1 da Firenze sud a Firenze nord erano contrari all’opera con il seguente principio: “ no alla costruzione della terza corsia perché è una strada e sulla strada ci vanno le auto e poiché queste inquinano da ciò discende che aumenta l’inquinamento”. Questo facendo finta di non sapere che il traffico autostradale era quotidianamente bloccato e la percorrenza tra i due caselli era di otre 1 ora mentre oggi il tempo è ridotto a meno della metà. Se un motore rimane acceso per 1 ora inquina più di uno di uno che percorre lo stretto tratto in 25 minuti. E poi sanno tutti che un’auto ferma in coda inquina più di una in movimento. Grandi Verdi !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Nicco - 2 mesi fa

    Nn ci provate nemmeno perché vi si asfalta e siamo tanti ve lo dico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. bianco - 2 mesi fa

    E ti pareva

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. gibstudi_9758289 - 2 mesi fa

    Poi proveranno col solito ricorso al TAR etc. etc.
    Che paese di m….!
    Nemmeno si parlasse di un’area faunistica o di rilievo archeologico.
    Ma che vadano a lavorare per davvero invece che cercarne sempre una per mettere i bastoni fra le ruote!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Tagliagobbi - 2 mesi fa

    Ma questi un c’hanno da andà a lavorare???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. iG - 2 mesi fa

    Sono VERDI dentri e ROSSI Dentro
    si troveranno d’ accordo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Tofa67 - 2 mesi fa

    Ribomba…il paesello dove tutto viene bloccato a prescindere….mamma mia che Italia è questa….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Gerber - 2 mesi fa

    I Verdi!
    Utili come una colica renale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Valdemaro - 2 mesi fa

    Eccoli! Mancavano loro! Spariti dal panorama politico italiano fanno di tutto per mangiarsi l 1% di consensi che ancora hanno.
    Nome e cognome del genio che ha scritto questo comunicato. I fiorentini devono sapere chi rema contro.
    Una campo pressoché abbandonato diventa per cotanto genio il fulcro dell ambiente.
    Andate a lavorare davvero ridicoli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. damci - 2 mesi fa

    ridicoli,come se si trattasse di un cementificio o di un impianto siderurgico,o anche un’iniziativa da palazzinari.Doppiamente ridicoli,perchè travisano impegno e lotte ambientali ben più necessari e condivisibili

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. simuan - 2 mesi fa

    …e io che mi chiedevo: ma i verdi??…come mai non si sono sentiti???…detto fatto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Xela - 2 mesi fa

    io mi considererei un ambientalista, ecologista e quant’altro ma mi chiedo come mai questa gente non interviene mai negli ambiti meno d’attualità e che non passano dai giornali? perchè si fanno vedere solo in questi casi? eppure di centri commerciali senza tetti verdi e quant’altro nascono nelle piane rurali come funghi. il problema sono campi di calcio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. ViolaLuke - 2 mesi fa

    Personaggi insignificanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. il tromba - 2 mesi fa

    vai…stavo in pensiero

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy