Caceres come… il The Infrè. Superato anche l’esame da esterno a tutta fascia

L’uruguaiano a Torino ha panchinato tre esterni in un colpo solo, dimostrandosi affidabile e polivalente

di Pier F. Montalbano, @____MONTY____
Caceres

Un vecchio spot di una nota marca di tè recitava: “E’ buono qui… è buono qui”. Un po’ come Martin Caceres. Dove lo metti, l’uruguaiano sta. E bene. Centrale, che la difesa sia indistintamente a tre o a quattro, terzino destro o sinistro, e da qualche giorno anche esterno a lunga percorrenza. Ok, manca la controprova, ma quella giocata contro la Juventus è stata una signora partita, da giocatore navigato in grado di adattarsi a ogni situazione e non soffrire alcun tipo di avversario. D’altronde, quando giochi oltre cento gare con la Celeste (molto spesso da tezrzino), a venti anni ti acquista il Barcellona e successivamente la Juve punta su di te in tre diversi periodi, cos’altro aggiungere? Qualche problema fisico di troppo, eccessi fuori dal campo e la propensione agli incidenti con le sue supercar hanno forse limitato una carriera comunque di primissimo piano. E la Fiorentina da 18 mesi a questa parte si è assicurata un difensore polivalente e affidabile praticamente ovunque.

Nonostante i 33 anni, a Torino ha messo a sedere in un colpo solo Lirola, Callejon e Venuti, tutti e tre esterni di ruolo – con caratteristiche diverse – ha contenuto Ronaldo e ha cercato di sfidare Alex Sandro nella metà sua campo debole. Punto fermo in campo e fuori di una Fiorentina alla ricerca della sua identità, anche per l’uruguaiano la prima parte di stagione non è stata all’altezza delle sue prestazioni, ma la sua presenza è stata imprescindibile per chiunque si sia seduto sulla panchina viola nell’ultimo anno e mezzo. Anche Prandelli. Dopo averlo risparmiato contro il Benevento e schierato nella difesa a quattro (per poi abbandonarla) con risultati non proprio scintillanti, la scelta di schierarlo esterno a tutta fascia contro i bianconeri aveva fatto storcere il naso, salvo poi far ricredere tutti dopo pochi minuti. E la rete nel finale è stata la ciliegina sulla torta: taglio, anticipo, palla in fondo al sacco. E’ proprio il caso di dirlo, “è buono qui… è buono qui”, come il The Infrè.

Dalla Juve alla Juve: un Igor sotto l’albero. E Caceres può tornare ai vecchi tempi

Caceres

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Aliseo - 3 settimane fa

    Hai dimenticato di inserire anche il ruolo di centravanti bomber.
    Alla faccia di chi qualche giorno fa lo ha fortemente criticato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy