E intanto il Verona ci riprova: ‘Siamo noi la soluzione per Vlahovic’

Juric insiste per avere l’attaccante della Fiorentina, protagonista di un avvio di stagione complicato

di Redazione VN

Il Verona non molla Dusan Vlahovic e prova a tornare alla carica. Tuttosport di oggi scrive infatti che l’attaccante serbo resta il primo obiettivo del club gialloblu su richiesta di Juric. Vlahovic gode di grande considerazione da parte della dirigenza e del presidente Commisso (che stamattina lo hanno voluto confortare di persona) ma dopo il brutto avvio di stagione il club gialloblu spera di convincerli che una stagione in prestito possa essere la cosa migliore per Vlahovic. E LA FIORENTINA SONDA (NUOVAMENTE) IL MERCATO DELLE PUNTE

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. vecchio briga - 1 mese fa

    Probabilmente la cura Juric gli farebbe bene, comunque c’è troppo accanimento. Vlahovic ha 20 anni, non si può pretendere che dimostri tutto in mezzora. Deve poter giocare e avere anche il tempo di poter sbagliare senza finire alla gogna. Per me è forte ma è giusto che cambi un po’ aria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-2073653 - 1 mese fa

    Mandarcelo di corsa, in prestito ovviamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. D612V - 1 mese fa

    Dateglielooooo!…in prestito eh!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Kutox - 1 mese fa

    Questa sarebbe la soluzione più intelligente e corretta anche per Vlahovich stesso. Il ragazzo è passato al n prima squadra dalla primavera senza neppure farsi le ossa in un campionato professionista. Se rimane alla Fiorentina, a mio avviso, si rischia di bruciare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. max688 - 1 mese fa

      Direi che ha già cominciato a bruciarsi…..gli errori ci stanno, l’atteggiamento che ha avuto in campo assolutamente no

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Prospero - 1 mese fa

      Anche per me, eppoi è possibile che l’anno prossimo Juric sia da noi

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy