VIA, un “sì” atteso trent’anni che sblocca anche il progetto stadio. Ma restano delle insidie

VIA, un “sì” atteso trent’anni che sblocca anche il progetto stadio. Ma restano delle insidie

L’analisi di Repubblica sulla questione aeroporto-Mercafir-stadio

3 commenti

Aeroporto, il giorno dello sblocco. Dopo trent’anni di tira e molla, la porta del nuovo scalo si spalanca (LEGGI QUI) e per “ effetto domino” si sblocca anche tutto il collegato: il progetto Castello, i nuovi mercati generali, il nuovo stadio alla Mercafir. Il ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti non ha ancora firmato il decreto di Via: le oltre 200 pagine di prescrizioni, cioè di condizioni tecniche che accompagnano l’okay, sono però già sulla sua scrivania. E’ una firma – scrive La Repubblica – che vale quattro progetti. Perché con la Via si definiscono una volta per tutte posizione della nuova pista e vincoli aeroportuali conseguenti. E una volta fissati questi anche il progetto Castello può essere ridisegnato (e dimezzato nelle volumetrie). I nuovi mercati generali troveranno finalmente il loro posto sui terreni di Castello. E, ultima tessera del domino, l’area Mercafir potrà essere liberata per far posto al nuovo stadio. I tempi sono ipotesi, ma la strada è segnata. In teoria almeno, perché il percorso può ancora nascondere delle insidie. Il sindaco di Sesto Falchi, su cui terreni ricade la nuova pista, potrebbe infatti impugnare davanti al Tar il decreto Via. O anche l’okay finale della Conferenza dei servizi. Non sarà facile certo. Ma è sicuro che ci proverà.

 

vnconsiglia1-e1510555251366

Nardella: “Stadio? La Via era l’ostacolo più complicato. C’è ancora molto da lavorare”

Baiesi: “Andrea manca al 99% dei tifosi, tenetevi stretta questa proprietà. Lo stadio…”

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ghibellino viola - 5 giorni fa

    Di fronte ad una modifica così importante è giusto che il sindaco di sesto possa ricorrere, se lo riterrà opportuno. Credo che in tutto questo lo stadio sia l’opera secondaria per importanza, rispetto alla città di Firenze ed al territorio circostante. Abbiamo aspettato tanto possiamo anche aspettare un anno in più. Preferisco che prima sia sciolto per bene il nodo aeroporto. Ps. Io credo che Firenze DEBBA avere un aeroporto decente,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vb - 5 giorni fa

    E certo che impugnerà, e con lui anche il Comitato della Piana. E siccome hanno – anzi abbiamo – ragioni da vendere, l’aeroporto lo faranno nel giardino di Rossi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Up The Violets - 5 giorni fa

      Voi siete destinati a perdere, e lo sapete da diversi mesi, visto quanto vi state agitando.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy