Il futuro di Fede, tra cuore e ragione. La Fiorentina può resistere? Una via ci sarebbe…

Il futuro di Fede, tra cuore e ragione. La Fiorentina può resistere? Una via ci sarebbe…

Fare di Chiesa una bandiera sarà quasi impossibile, ma se la Fiorentina diventasse il “nuovo Arsenal” lo scenario potrebbero cambiare

di Simone Bargellini, @SimBarg

Federico Chiesa e la Fiorentina, una storia bellissima, quasi una favola destinata però ad avere una fine. Prima o dopo. Il dibattito è già partito, non da oggi: “Andrà via a fine stagione”, “Al massimo, forse, potrà rimanere un altro anno”. E tra addetti ai lavori (ma pure tra molti tifosi) il motivo di maggiore interesse è la cifra che si potrà incassare: 60? 70? 100? E’ il calcio moderno, bellezza. Quello del fair play finanziario, delle bandiere che non esistono più e del monte ingaggi che fa la differenza. Il romanticismo che fu ha lasciato spazio al freddo realismo e così il tifoso del Genoa che si ritrova in squadra bomber Piatek sa che non perderlo a gennaio sarebbe già un successo. La Fiorentina è un gradino più in alto, ma se mai arrivasse a Firenze l’erede di Batistuta, beh sarebbe improbabile – per non dire impossibile – goderselo per 9 stagioni.

Certo ci sono anche le vie di mezzo, quei club (non di primissima fascia) che hanno la forza di trattenere i propri gioielli per più stagioni, sacrificandone uno ogni tanto, ma reinvestendo poi il ricavato in altri grandi talenti da far crescere e maturare per tre, quattro, cinque anni. Vi ricordate l’Arsenal di fine anni ’90/inizio 2000? Con una politica simile arrivò a vincere tre Premier League, per poi calare negli anni successivi (rimanendo comunque stabilmente in zona Champions). Se la Fiorentina sviluppasse in quella direzione il suo progetto intrapreso l’anno scorso… allora l’ipotesi di trattenere Chiesa qualche altro anno non sarebbe più utopia.

L’OPINIONE: “E’ GIUSTO CEDERE CHIESA AD UNA BIG”

vnconsiglia1-e1510555251366

Il paragone emozionante di Zazzaroni: “Chiesa è un progetto di Baggio”

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bekri - 3 mesi fa

    L’unico motivo per vendere un giocatore è pensare che questo sia molto sopravvalutato rispetto al suo attuale valore.
    Quanti di noi pensavano che con Marcos Alonso si fosse fatto un affare e ora è uno dei terzini più forti su scala europea.
    Non pensiamo che tutti gli altri siano fessi: se sono disposti a pagare 80 mln per Chiesa vuole dire che con quella cifra non si riesce a trovare giocatori migliori.

    Teniamocelo finchè il giocatore è contento di rimanere a Firenze, perchè anche vendendolo a quella cifra, dubito si rischia a rinforzare la squadra.

    Senza aumentare il monte ingaggi, abbiamo poche chance di trovare qualcuno di più forte. E poi sinceramente la fiorantina non può permettersi un altro Mario Gomez.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vecchio briga - 3 mesi fa

    La Fiorentina ha altre possibili plusvalenze in rosa, non c’è necessità di vendere Chiesa. Ma se vuoi convincere il giocatore, devi reinvestire veramente quello che incassi. Basta con le scommesse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alan1971 - 3 mesi fa

    Non è affatto “il calcio moderno, bellezza”…. è l’autofinanziamento totale delleballe.

    C’è una differenza tra il giorno e la notte tra il “calcio moderno” e “l’autofinanziamento totale”:
    Basta guardare come fanno gli altri: vendono 1, massimo 2 giocatori e con quei 50-60 milioni di utili prendono 4-5 giocatori da 10-15 milioni l’uno, non 20/25 giocatori da 2-3 milioni per risparmiare l’ingaggio. Tutta zavorra che tra l’altro non riesci più a smaltire, e se lo fai, ci rimetti.

    Se ogni 2 anni smobiliti la squadra, intaschi oltre 50 milioni (che vanno nel comparto aziendale), prendi prestiti a fare i titolari, perdi dei nazionali per qualche centinaio di milioni e non li sostituisci e sbandieri ai quattro venti che vuoi fare “la squadra giovane” ma è solo la via più semplice per pagare il meno possibile di ingaggio, non solo ti condanni all’anonimato sportivo (ricordo 2 ottavi posti di fila….) ma diventi terra di conquista e gli stessi giocatori (perfino quelli del vivaio) sanno che Firenze sarà solo una tappa e niente più.

    Se in altre piazze avessero fatto quello che i DV hanno fatto a Firenze negli ultimi 2 anni di Corvino – col risultato di due 8° posti di fila e fuori dalle coppe – in attesa del prossimo anno (dove al 99% se ne andranno o Chiesa o Milenkovic o Veretout, o più di uno) ci sarebbe la fila verso Casette d’Ete.
    Invece qui – a sentire i tifosi dlla Sandellavallese – “bisogna ringraziarli”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. pitone25 - 3 mesi fa

    Io venderei Chiesa , lo sostituire i con Lazzari della Spal , che è forte quasi quanto Federico e con quei 30 35 milioni che restano rinforzare il centrocampo .Poi venderei il Cho litorale e con il ricavato un altro meglio di lui si trova e ci restano i soldi anche per un buon vice.Io non starei tanto a fascia mi la testa , secondo me il buon Corvino vendendo Chiesa e Simeone rinforzera la squadra Sì.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. TonyManero - 3 mesi fa

    Paragonare l’Arsenal alla Fiorentina è come mangiare e stare a guardare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy