Ag. Dragowski: “Bart e Lafont insieme scelta che non capisco, è uno spreco”. E sul futuro…

Ag. Dragowski: “Bart e Lafont insieme scelta che non capisco, è uno spreco”. E sul futuro…

Le parole di Kulesza: “Da ieri sera il mio telefono sta bruciando. Mi stanno chiamando molte persone, sono contento. La scelta di Empoli si è rivelata azzeccata”

di Redazione VN
Dragowski

Momento magico per Bartomej Dragowski, portiere di ancora di proprietà della Fiorentina autore di una prova maiuscola ieri sera con la maglia dell’Empoli. Per l’occasione, tuttomercatoweb ha contattato il suo agente Mariusz Kulesza: “Da ieri sera il mio telefono sta bruciando. Mi stanno chiamando molte persone, sono contento. La scelta di Empoli si è rivelata azzeccata, volevamo che giocasse al livello più alto possibile. La distanza da Firenze non è stata una questione importante. La decisione è stata basata sull’aspetto tecnico, ma anche sull’adattamento di altri polacchi. Zielinski o Skorupski, per dirne due recenti. La prova di ieri? È stato molto occupato, ha risposto con una prestazione all’altezza delle sue qualità. A diciassette anni era il miglior portiere della Polonia con i coetanei, normale che ci siano delle aspettative. A Firenze è arrivato diciottenne, doveva imparare la lingua, adattarsi al calcio che è un livello sopra a quello polacco.

Bisogna dare tempo ai giovani. Poi certo, se hai Tatarusanu, Sportiello… capita. Lafont? Questa è una decisione del club, ma non me la so spiegare. Credo sia molto forte, un top level, ma lo è anche Dragowski per la sua età. Avere due giocatori così giovani, uno in campo e l’altro in panchina, può essere uno spreco. Dovrebbero giocare titolari entrambi, ma in un solo club non è possibile. Futuro? Per ora siamo molto concentrati sull’Empoli, vuole aiutare la squadra a raggiungere la salvezza. Ci sono delle gare cruciali contro Spal e Bologna, poi si vedrà. Ci sono molti club che lo stanno seguendo, anche in Italia. In poco tempo penso che lo sapremo, ma prima c’è da concludere il campionato. Certo, conoscere la lingua e il torneo può essere qualcosa in più. Andiamo avanti un passo alla volta, prima l’Empoli”. DRAGOWSKI, HAGI E UNA VECCHIA LEZIONE DEL CALCIO: LEZIONE RECEPITA (SPERIAMO)

Violanews consiglia

Dragowski, show a Bergamo: Atalanta-Fiorentina è già iniziata

Agresti su Dragowski: “In certe partite il portiere può esaltarsi, ma la Fiorentina ha Lafont”

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy