Ultimo giorno di mercato soft: seguite le indicazioni di Prandelli

Torna Rosati, già viola tra il 2014 e il 2015. In questa sessione la Fiorentina ha speso poco più di 4 milioni

di Redazione VN
Pradè-Barone-Commisso

Si è concluso ieri alle 20 il mercato invernale. Nessun sussulto da parte della Fiorentina, se non il ritorno a sorpresa del portiere Antonio Rosati. Ecco cosa scrive Repubblica Firenze:

Senza sussulti e scossoni, la finestra invernale di calciomercato si è chiusa con l’arrivo di Antonio Rosati (classe 1983) come terzo portiere. In realtà si tratta di un ritorno, in quanto l’ex portiere del Torino aveva già vestito la maglia viola tra il 2014 e il 2015. Prenderà il posto di Brancolini, tornato nella formazione Primavera e in scadenza di contratto a giugno 2022 (come Rosati, d’altronde) e con un rinnovo ben lontano dall’essere raggiunto. Dunque una sessione sotto le indicazioni del tecnico Prandelli che aveva chiesto alla dirigenza di sfoltire la rosa e di non acquistare giocatori che fossero scontenti altrove. Non ne aveva bisogno l’allenatore, anche perché il suo obiettivo è sempre stato quello di avere due alternative per ruolo e per posizioni e così creare una sana competizione interna per tenere tutti al massimo della tensione. Nessuno sicuro del posto da titolare, tutti sulla stessa linea di partenza durante la settimana. Almeno nelle idee. (…)

A conti fatti, il club di Commisso ha speso poco più di 4 milioni di euro per Kokorin e poi perfezionati gli arrivi di Malcuit in prestito secco con bonus a presenza e quello di Maleh per il quale i due club si sono accordati col prestito fino a giugno, quando il calciatore andrà a scadenza contratto.

Caricamento sondaggio...
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy