Gli ingredienti della manita: Vlahovic predestinato, finalmente il centrocampo

Gli ingredienti della manita: Vlahovic predestinato, finalmente il centrocampo

Ecco come ha fatto la Fiorentina a stravincere

di Redazione VN

Dopo le molte polemiche innescate da Rocco Commisso, c’era quasi paura per il confronto ad alto rischio in casa della Sampdoria, ma la squadra di Iachini ha tirato fuori un pomeriggio eccezionale. La Nazione prova a spiegarsi la metamorfosi in questi termini:

– La Samp ha contribuito con due rigori regalati e un autogol nel primo tempo, mentre Colley sbagliava l’impossibile in area gigliata sul 3-0. Comunque il divario sarebbe potuto essere più largo;

Badelj regista riesce a dettare i tempi meglio di Pulgar, e Duncan si è reso protagonista di un ottimo esordio al posto di Benassi;

Vlahovic, destinato a diventare uno degli attaccanti più forti in Italia, è stato finalmente preferito a Cutrone, che nel 3-5-2 non vede la porta. Il giovane serbo ha fatto la differenza insieme a Chiesa.

Unica nota negativa, l’espulsione di Badelj, che dunque contro il Milan non ci sarà.

Pradè: “Vittoria che serviva per non cadere nel tunnel, ora testa al Milan. Duncan…”

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dallapadella - 3 mesi fa

    Se parti con 3 regali 3 è chiaro che poi si trasformano tutti in fenomeni.
    Comunque è un dato di fatto che Iachini ha portato solidità dietro e che alcuni player di talento come Chiesa, Lirola e Vlahovic stanno svegliandosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. 29agosto1926 - 3 mesi fa

    Stiamo sempre a discutere sul sesso degli angeli. Ieri bisognava vincere con qualsiasi mezzo, un autogol, un gollonzo, qualsiasi cosa. Abbiamo vinto facendo 5 gol ed abbiamo fatto quello che andava fatto punto e basta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. tonipilat_1415134 - 3 mesi fa

    È chiaro che passare in vantaggio ci ha aiutati, come tutti gli errori a seguire dei doriani, sia in area nostra che nella loro. Passare in vantaggio con la samp piuttosto che con l’atalanta è differente, comunque avere un regista, seppur non fenomeno come Badelj coperto da un cagnaccio come Duncan anche bravo tecnicamente, fa l differenza!! Prendiamoci i punti, le prossime partite diranno chi siamo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. gianlu61 - 3 mesi fa

    Oserei dire che l’espulsione di Badelj non e’ poi una nota cosi’ negativa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 3 mesi fa

      Come il tuo commento, no certamente!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ottone - 3 mesi fa

    Siamo concreti. Ieri il valore della vittoria è stato doppio. Partita-chiave. Come lo saranno nel prossimo futuro quelle a Udine ed in casa col Brescia.
    La squadra è quella che è, non sono diventati improvvisamente tutti dei fenomeni.Così come l’allenatore è quello che è. Offensivismo-difensivismo, tante discussioni…e poi si fanno 5 gol… Devi portare a casa il massimo coi giocatori che hai. Punto. Da notare una cosa: con Iachini perlomeno non perdi con le squadre contro le quali non devi perdere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Valter - 3 mesi fa

    Tante critiche inutili e fango gettato addosso a Iachini accusato di aver perso il controllo della squadra, mentre si trattava semplicemente di 2 conseguenze, appannamento muscolare a seguito di 7 partite in 18 giorni, questo dato numerico lo ha detto beppe, e come sappiamo la squadra è in costruzione.
    La squadra sta crescendo e inevitabilmente ci saranno alti e bassi ma
    Farsi prendere dall’isteria non serve e impedisce la lettura delle condizioni dello stato attuale della squadra e in prospettiva del futuro.
    Non si nasce e si vola a comando
    Meno crisi premestruali e più ragionevolezza..
    Grande beppe e bravi tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. mom - 3 mesi fa

    Quando vinci in questa maniera rimani sempre con un punto interrogativo. La squadra non ha mostrato nel gioco un grande miglioramento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Marco Chianti - 3 mesi fa

    Nessun trionfalismo ma ottimismo si perché si è vista giocare una squadra con intelligenza. Ora testa al Milan. P.S.: a me Badelj era piaciuto in regia e l’espulsione è inventata perché la Sampdoria aveva avuto due rigori contro e una espulsione a sfavore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ViolaBelugi - 3 mesi fa

    Partita inattendibile. La Sampdoria ieri avrebbe perso anche giocando da sola: in sostanza si sono fatti tre autogol. Incassiamo i punti ma rimandiamo le valutazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. andrea333 - 3 mesi fa

      Sono d’accordo con te e non capisco i toni trionfalistici di certi giornalisti.certo è un 1-5 in trasferta ma non ho visto un grande gioco. Pensiamo a salvarci e a rinforzare questa squadra invece di volare con la fantasia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. LupoAlberto - 3 mesi fa

      Ovviamente manca la prova contraria, ma non posso dire che fino all’autogol avessi visto bene la Fiorentina, e nessuno può sapere cosa sarebbe successo se non fossimo passati in vantaggio al primo cross destinato a spegnersi inoffensivo sul fondo. Poi arrivano i rigori regalati (seppure giusti non sembravano azioni particolarmente pericolose) e quasi parati, ma ci siamo trovati a gestire un vantaggio onestamente immeritato. Non considero la superiorità numerica durata poco per una sorta di “senso di colpa” di Irrati che dimostra quanto poco vale la nostra classe arbitrale.
      In effetti il problema degli errori tecnici c’è e probabilmente dipende soprattutto dal nervosismo dei giocatori, ed è la causa che ha fatto perdere tante partite sotto la gestione Montella.
      Purtroppo a noi basta perdere 2 partite, anche non giocando bene, e sembra che nessuno sappia più cosa fare della palla. Io credo che la squadra non sia poi così scarsa, e una vittoria come questa potrebbe servire come il pane per ridare fiducia ai giocatori. La prossima partita può essere la svolta, sperando che sia dalla parte buona…
      SFV

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy