Gazzetta: Fiorentina-Inter, scontro aperto per Salah

L’egiziano vicinissimo all’Inter. I nerazzurri dovranno pagare di più, 20 milioni. Si annuncia una battaglia legale

di Redazione VN

Il dietro le quinte di una vicenda intricatissima — e che a meno di colpi di scena e strappi violenti non sarà breve — è che l’Inter ha già un accordo di massima con il Chelsea per l’acquisizione totale del giocatore e più che una parola con Mohamed Salah, l’egiziano che l’Inter la sfiorò a gennaio e che adesso è più che allettato dall’idea di poter vestire il nerazzurro.

 

LETTERA DI DIFFIDA Il nodo di tutto, si sa, è che la Fiorentina è agguerritissima e anche piuttosto alterata; e che in virtù del deposito del rinnovo del prestito ritiene il riccioluto un proprio giocatore a tutti gli effetti a tal punto da aver inviato una lettera di diffida all’Inter per aver contattato un giocatore sotto contratto. Morale: il club dei fratelli Della Valle attende risposte per domani da parte degli avvocati mentre i nerazzurri lavorano come se tutto potesse sbloccarsi da un momento all’altro per poter dare il giocatore a Roberto Mancini. L’unico vero ostacolo potrebbe essere, appunto, legale: se insomma tutta la faccenda dovesse prendere una piega lunghissima e più legata ad avvocati che ad una trattativa calcistica, ecco che potrebbero esserci frenate che comunque al momento non sono all’orizzonte.

COSTO E CONTRATTO Mentre il club di Corso Vittorio Emanuele tiene vivissima l’altra opzione legata a Stevan Jovetic (ma il Manchester City non ha ancora fatto un prezzo preciso anche se i contatti procedono, per ora soprattutto con l’agente del giocatore), ecco emergere questo retroscena che darebbe un’accelerazione alla vicenda: l’Inter è disposta a prendere Salah subito con la consueta formula mascherata del prestito con obbligo di riscatto, un obbligo che potrebbe scattare anche alla primissima presenza, quindi una situazione più formale che altro. Il prezzo del giocatore, però, è aumentato: non più 18 milioni (quelli che erano stati pattuiti con la Fiorentina, 16+2 di bonus) ma 20 totali per il semplice fatto che in questi sei mesi Salah ha mostrato quelle capacità che coi Blues quasi mai si erano viste. Prezzo che sale quindi, ma l’Inter di oggi non vuole più perdere il treno con l’alta classifica e fa all-in, in un modo o nell’altro. Al giocatore, sempre in base a questo accordo di massima, sarebbe stato proposto un contratto di 4 anni e mezzo (quindi fino al 2020) a 3 milioni di euro più bonus legati a traguardi individuali e di squadra (dai gol alle presenze alla qualificazione in Champions fino allo scudetto). Insomma, in linea di massima l’Inter va dritta per la propria strada, fermo restando che c’è sempre la Roma sullo sfondo e pure alcuni altri club europei. Ma c’è soprattutto la Fiorentina: che non vuole mollare perché si sente perfettamente dalla parte della ragione.

COMUNICATI E VOLONTA’ Ma in tutto questo, cosa dice e come commenta la vicenda il Chelsea? Fino a ieri sera nulla di nulla, come se si sentisse a posto e proprietario del giocatore, a tal punto da poter trattare anche con altre squadre la cessione definitiva. Perché a quanto risulta Mourinho di Salah non vorrebbe più sentir parlare, mentre tante altre squadre sì. Dal fronte Salah c’è molta calma. L’agente del giocatore Ramy Abbas Issa ha detto «abbiamo deciso di non restare alla Fiorentina, Salah vuole l’Italia e resterà l’Italia». Poi ha anche aggiunto altre frasi versus il club viola e anche questo – da parte dei toscani – è già stato sottoposto alla parte legale del club. Resta sempre sullo sfondo la dichiarazione unilaterale (che la Gazzetta ha anticipato venerdì scorso): il giocatore aveva il diritto a prestare il suo consenso a restare; invece di farlo, ha manifestato al Chelsea la volontà (scritta) di tornare a Londra non essendoci stata la risposta a favore dei viola (come da carta privata). La Fiorentina ha risposto con un comunicato dettato da Andrea Della Valle, prendendo atto delle scelte dell’egiziano e facendo capire che se il giocatore non si presenterà il 13 luglio per le visite mediche andrà incontro a provvedimenti disciplinari.

DIFFIDA E NO COMMENT Ieri sera, poi, ecco l’aggiunta al tormentone: la Fiorentina ha inviato una lettera di diffida all’Inter per aver contattato un giocatore sotto contratto. L’Inter non ha voluto replicare all’iniziativa viola. Siamo nel pieno della tormenta, e col domandone di Mancini appeso lì: «Ma… di chi è Salah?».

 

Matteo Dalla Vite – La Gazzetta dello Sport

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy