Firenze patria degli argentini è pronta a innamorarsi del Cholito Simeone

Firenze patria degli argentini è pronta a innamorarsi del Cholito Simeone

Il “Cholito” è pronto ad esordire e prendersi la sua nuova casa: il Franchi che in passato ha reso grandi molti suoi connazionali

di Redazione VN

Su le pagine del Corriere dello Sport Stadio questa mattina troviamo un’analisi di Alessandro Rialti sulla figura del nuovo bomber della Fiorentina: Giovanni Simeone. Giovane, combattente e grande senso del gol sono le caratteristiche che lo distinguono e che, ben presto, possono far innamorare Firenze e i tifosi viola.

Le referenze ci sono tutte: figlio d’arte del “Cholo” Diego Simeone e la nazionalità argentina che è sempre un ottimo biglietto da visita quando si arriva a Firenze ed in particolare in quel dell’Artemio Franchi. Assieme a Chiesa possono diventare “gli scugnizzi del gol”.

Prima di lui sono stati molti gli argentini che hanno lasciato il segno sul campo e nel cuore del tifo viola, con la Curva Fiesole protagonista con alcuni cori per i singoli e ‘inneggiamenti’ all’Argentina. Si fanno i nomi dei tanti argentini che hanno lasciato il segno a Firenze come quello di Montuori, primo grande argentino a conquistare Firenze a suon di gol. Il nome di Gabriel Omar Batistuta che rimarrà sempre indelebile nella storia della squadra gigliata con i suo 202 gol realizzati ma anche quelli degli ex Bertoni, Passarella, Ramon Diaz e, ultimo in ordine cronologico, quello di Daniel Pablo Osvaldo. Tra i meno ricordati invece Castillo, il “Tanque” Silva e Oscar Dertycia.

Il presente ora si chiama Giovanni Simeone: argentino e grandi doti nella realizzazione. Due caratteristiche che, con la Fiesole alle spalle pronta ad incitarlo, possono garantire sicuramente un buon avvenire in maglia viola.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy