Don Massimiliano: “Commisso ci teneva a cominciare con una benedizione”

Il cappellano della Fiorentina, don Massimiliano, è stato uno dei protagonisti della presentazione di Commisso al Franchi

di Redazione VN

Su La Nazione troviamo un’intervista a Don Massimiliano Gabbricci, cappellano della Fiorentina dal 2006. Giovedì, con la benedizione in mezzo al campo, è stato un protagonista a sorpresa della presentazione di Rocco Commisso:

Alla fine tanti amici della Curva Fiesole, non credenti, mi hanno abbracciato per ringraziarmi. E’ stata un’idea di Commisso, ci teneva a cominciare con una benedizione. Così gli uomini del suo staff mi hanno contattato. Trovarmi davanti a 6mila persone in quel contesto è stato un po’ insolito. Ma si è trattato di una benedizione tratta dal ‘benedizionario’, è una preghiera che si fa per l’inizio di una nuova attività lavorativa.

vnconsiglia1-e1510555251366

De Zerbi, blitz a Firenze: iniziato il casting allenatore

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. MixViola - 2 anni fa

    Non credente sarà lei. Io non credo in chi mi chiama non credente perché non credo in lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bati - 2 anni fa

    Con le benedizioni sono bravi tutti, cominciamo con i miracoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy