Cerruti (Gazzetta): “Montella ha dato una lezione di stile a Sousa”

Cerruti (Gazzetta): “Montella ha dato una lezione di stile a Sousa”

Nell’editoriale sulla Gazzetta, si torna su quanto andato in scena al Franchi nel post gara di Fiorentina-Milan

di Redazione VN

Alberto Cerruti, nella pagina degli editoriali sulla Gazzetta dello Sport, torna sulla partita del Milan contro la Fiorentina evidenziando che fin qui la “mano” di Montella si è vista meno del previsto e di mancanza di coraggio palesata al Franchi, con una squadra che ha cercato di colpire solo di rimessa.

Più avanti nella sua analisi si legge: “Montella regala la sua lezione non in panchina ma in sala stampa quando pizzica Paulo Sousa sulla “cultura del sospetto” e non se la prende con Orsato che all’ultimo secondo non aveva fischiato un’evidente e pericolosissima punizione a favore del Milan, sottolineando col sorriso sulle labbra che “bisogna lasciare sbagliare gli arbitri”. Un’autentica e rarissima lezione di stile”.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. makier - 4 anni fa

    …mi stanno sulle p…e molto più le sopravvalutate e osannate milanesi che le odiate juve e roma . classifica delle squadre da disprezzare : 1°INTER , 2°MILAN , 3°ROMA , 4°JUVE , 5°UDINESE , 6°GENOA ,7°LAZIO E CAGLIARI, 8°SASSUOLO(servo della juve)….. classifica delle squadre che ho in simpatia : 1°TORINO e VERONA ,2°EMPOLI , 3°SAMPDORIA,4°le antiche PRO VRCELLI,CASALE,PROPATRIA,SPAL,LANEROSSIVICENZA,NOVARA,MANTOVA,PADOVA, BOLOGNA(x l’antico derby dell’Appennino ormai non preso più in considerazione dai giornalai venduti presi come sono a parlare solo delle strisciate)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. loris82 - 4 anni fa

    lezione di stile… si si proprio stile si… eppure ci godrò tanto quando verrà esonerato ed andrà ad allenare il barcellona o il bayern monaco eh vero vincenzo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. kk53 - 4 anni fa

    Non ci bastavano i vari Bucchioni o Calamai,ne abbiamo un altro della Gazzetta,
    ma si interessassero del Milan o dell’Inter dei soldi dei Cinesi,non arrivati,
    delle carte false,dei giocatori comprati a cazzotto,spendendo un ballino,si
    preoccupassero di come queste squadre faranno il prossimo anno a rientrare nei
    canoni del fair play finanziario,invece qui sono sempre i primi della lista…
    che palle!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Drak - 4 anni fa

    E dove gliela avrebbe data questa lezione di stile? In campo la squadra di Montella e Montella stesso non ci hanno capito nulla, hanno solo preso mazzate dal primo all’ultimo minuto, sono stati annientati, ma magari il Cerruto si riferisce alle scenette da Paperopoli del post partita con i cartoons di Paperopoli Sky e Rockerduck Town Premium… beh, se il Cerruto perde tempo coi cartoni animati e dimentica la partita, ciò dice tutto sulla qualità del Cerruto stesso. Dovrebbe lavorare su Cartoon Network e non alla Gazzetta dello Sport. In ogni caso ha il futuro assicurato, l’idiozia regna sovrana, per cui il futuro è certamente suo e dei pari suoi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Zinigata - 4 anni fa

      Passare dalla Gazzetta dello Sport a Cartoon Network sarebbe uno scatto di carriera

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Claudio50 - 4 anni fa

    Sousa ha detto solo la verita’ e ha fatto, per me, benissimo. sto comportamente va avanti da parecchio tempo e la cosa che piu da fastidio e’ che regna anche in RAI azienda che si mantiene coi soldi di tutti , ma mediaticamente parla sempre delle solite evidentemente guardano gli ascolti e non lo sport. BISOGNEREBBE CHE IL GOVERNO DESSE LA POSSIBILITA A NON PAGARE UNA PARTE DEL CANONE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. claudio.viola - 4 anni fa

    Sousa è stato chiaro, la critica era nei confronti dei Media e non degli arbitri. Montella ha perso un’altra occasione per stare zitto (e con questa fanno 1500 da quando è stato alla Fiorentina). Aggiungerò di più, a mio avviso anche se avesse voluto dare una lezione di stile non avrebbe dovuto farlo in quel modo. Quello è il classico atteggiamento del bambino che va dalla maestra a dare la colpa al compagno. E’ solo un debole che è stato preso a pallate da una squadra che aveva considerato finita, da un allenatore che qualcuno continua a ritenere non all’altezza (sbagliando per come la vedo io), in uno stadio che in parte l’ha fischiato, davanti ad una proprietà che lo ha licenziato (e con Diego che non lo può vedere). Insomma… gli è andata bene. E poi questa storia dell’eventuale espulsione di Tomovic e di “punizione pericolosissima dal limite” fa ridere i polli. Il tempo era abbondantemente finito, su Kalinic c’era una fallo grosso come una casa nella ripartenza di quell’azione e poi vorrei sapere quanti goal ha fatto nell’ultimo anno il milan su punizione. Vorrei chiedere a Perdella se è da considerarsi più grave una mancata espulsione per fallo fuori area al 95esimo o le mancate ammonizioni a Kucka nel primo tempo e a Bacca per aver fermato la palla con le mani? Montella si è dimostrato quello che è, un rancoroso piccoso al quale auguro di fare la fine di Prandelli post mondiale brasiliano.
    Dimenticavo… la Gazzetta è un giornale vergognoso, illeggibile, scritto da gente che troppo spesso è asservita al potere. Mi auguro che nessuno la compri più almeno a Firenze. Anzi, spero fallisca insieme a Cairo che l’ha comprata insieme a tutto RCS.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. giuseppe.rontan_812 - 4 anni fa

    Non importa aggiungere altro ai commenti precedenti,pienamente condivisibili,se non una sola amara considerazione.La Gazzetta e Cerruti,si dovrebbero solamente vergognare,a pubblicare e scrivere,questo tipo di editoriali!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Gasgas - 4 anni fa

    Ecco puntuale la conferma che quello che dice Sousa è la verità. Questo signore non ha perso occasione per omaggiare chi di dovere… Infischiandosene della lingua italiana, perché quello che ha detto Sousa è chiaro. E la memoria è corta (volutamente), questo sig. giornalista non ricorda che il primo anno a Firenze Montella qualche messaggino agli arbitri, e alla società per cui adesso lavora, lo mandò… La penna in mano ormai la danno a tutti… Schiena ritta, cosa rara…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. robin.b_737 - 4 anni fa

    Un vero signore! Era stracontento per averla scampata grossa (rigore netto su Kalinic!) e quindi poteva permettersi presunte “lezioni di stile”. Vincenzino adesso è tranquillo: è entrato nel gota del calcio italiano (Galliani, Lotito, Preziosi e compagnia cantante) e quindi può stare più che tranquillo perché male non gli andrà. Piuttosto si concentri sulla pochezza del suo gioco catenacciaro e faccia meno proclami di vittoria in quel di Firenze. In ogni caso i conti li faremo alla fine del campionato. SFV.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. coccobille - 4 anni fa

    Conserviamolo questo articolo ne riparliamo piu’ avanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. LupoAlberto - 4 anni fa

    Premesso che Sousa non ha parlato di arbitraggi (ma questo la stampa non ha VOLUTO capirlo), è sicuramente MOLTO più facile, quando si finisce ad allenare una strisciata che di solito beneficia di trattamenti di favore, fare l’elegante…. siamo sicuri che il primo anno di Montella a Firenze, quando proprio il Milan ci rubò il terzo posto, non gli sia scappata neanche una parolina? SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Hatuey - 4 anni fa

    Sousa ha parlato di media e non di arbitri.
    Fare finta di non capirlo conferma quanto avesse ragione.
    Mi dispiace che vi tocchi a scrivere questo articolo per omaggiare il vostro padrone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Il Viola di Gallipoli - 4 anni fa

    Fa bene Sousa a parlarne, l’importante è che non diventi un alibi e non mi pare che abbia voluto intendere questo.

    Fatto sta che se vai a vedere il calendario, le favorite sono praticamente sempre le squadre con una presenza più “aggressiva” nelle sedi ufficiali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. manuel - 4 anni fa

    Ancora una dimostrazione di quanto avesse ragione Sousa sul potere mediatico di creti club. Da notare poi la incapacità di molti giornalisti, che dovrebbero avere una buona comprensione della lingua, e dello stesso Montella di capire la differenza tra critica agli arbitri e critica della stampa sul lavoro degli arbitri.
    Per quel che mi riguarda Montella è un maestrina saccente.
    Complimenti all gazzetta, vostra partner, per aver cercato nei fatti in questi giorni di dimostrare le teorie di Sousa riguardo alla stampa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy