Sind. Moena a VN: “Per noi bagno di sangue, chiederemo ai viola un referente autorevole”

Sind. Moena a VN: “Per noi bagno di sangue, chiederemo ai viola un referente autorevole”

Così Edoardo Felicetti: “Le tribune sono quasi completamente vuote. Speriamo di riprenderci con il Benevento, ma le previsioni non sono un granché”

di Simone Torricini, @TorriciniSimone

A Moena non è stata una settimana facile per l’amministrazione comunale. La decisione della Fiorentina di partire per gli USA e disputare la ICC [CLICCA] ha avuto ripercussioni significative sulle attività commerciali del paese e non solo. Ne abbiamo parlato con il sindaco di Moena, Edoardo Felicetti. «La prima cosa che chiederemo è di avere un punto di riferimento con cui parlare», ci ha detto. «Ci rendiamo conto che c’è stato il cambio di proprietà, un po’ un tornado all’interno del mondo Fiorentina: ora tutto quello che c’era prima potrà essere messo in discussione. Se l’interlocutore potrà essere Barone? Parliamo di una figura di spicco che dà delle garanzie, l’importante è che la figura sia autorevole e dia una parola definitiva».

«Per questa seconda settimana ci aspettavamo che qualche giocatore di spicco potesse restare qui, visto che la Fiorentina ne ha oltre sessanta e negli USA sono andati in trenta. E magari qualche acquisto per movimentare un po’ l’entusiasmo e avere un po’ di appeal con i tifosi. L’Apt ha fatto un sondaggio tra gli albergatori per misurare l’effetto di questo cambio di programma, e purtroppo si sono registrate diverse disdette. Chi ha potuto ha anticipato alla prima settimana, per noi chiaramente era la soluzione più indolore, però non tutti ne hanno avuto la possibilità: mi metto nei panni di un tifoso, non tutti possono spostarsi le ferie a piacimento»

«Il rimborso? Ho visto le stime che ha fatto Weiss, erano basate sul numero di tifosi che mancano, circa 800 persone al giorno. Anche noi come ente che contribuisce a generare le condizioni per garantire questo ritiro (dalla costruzione delle tribune alle varie spese di organizzazione), ci aspettiamo una compensazione. Di solito venivamo coperti dagli introiti dei biglietti per le partite, quest’anno si farà fatica: c’è sempre stato più o meno un disavanzo, come amministrazione dovevamo andare a coprirlo. Quest’anno sarà un bagno di sangue, le tribune sono quasi completamente vuote. Speriamo di riprenderci con il Benevento, ma le previsioni non sono un granché»

«Il futuro? Il nostro rapporto non deve essere giudicato da questa seconda settimana. Ha portato a lungo benefici ad entrambe le parti, a noi e alla Fiorentina, per sette anni e mezzo. La seconda settimana è andata così, si dovrà lavorare per garantire delle condizioni ottimali per portare avanti questo rapporto. Da parte nostra la volontà c’è, adesso ci auguriamo di trovare un referente che abbia il nostro stesso entusiasmo»

«Ritiri in montagna ancora praticabili? Per un allenatore avere due, tre settimane di tranquillità per lavorare con i giocatori e impostare il lavoro per tutto l’anno è il top. Continuare a fare queste tourneé e spostarsi mette in difficoltà la preparazione del campionato. Sono scelte che farà la società, vedranno cosa è meglio per loro, però secondo me dal punto di vista atletico i ritiri in montagna sono sempre la scelta migliore. Poi non dimentichiamoci che in ritiro si crea un rapporto squadra-tifosi che nel resto dell’anno non si riesce ad avere. Se la direzione della società è quella di andare a fare tournée in giro per il mondo secondo me molti di questi valori verranno persi». Ha collaborato Iacopo Nathan.

Serie A – Amichevoli estive: Fiorentina OK negli USA, l’Inter si impone di misura. Tutti i risultati

Weiss, ApT Val di Fassa: “Siamo delusi, ci aspettiamo un rimborso da 700mila euro. Parleremo con Barone”

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. perorin - 7 mesi fa

    Eccone un altro!!!
    Forse i DellaValle e Commisso prima di vendere dovevano chiedere il parere di costui??!
    ma roba da pazzi.
    mancati introiti? risarcimenti di qua, risarcimenti di la…
    tutto comprensibile ma la Fiorentina non ha disdetto la prenotazione.. la società è presente, i giocatori ci sono, tant’è che hanno giocato con il Bari o poi giocheranno con il Benevento.
    se su 60 giocatori, 30 sono andati in tourne non deve essere affare loro.. la fiorentina deve avere il diritto di gestire la preparazione come melgio crede.
    Nella prenotazione c’era il vincolo che ci fosse Chiesa, Pezzella, ecc presenti a Moena?
    Io chiederei anche il risarcimento xchè Veretout è tornato a casa e allora è presumibile che i tifosi non siano ancdati in ritriro o non abbiamo comprato la sua maglia xchè va via?
    io sono senza parole.
    prossimo anno va cambiata anche questi accordi.. apriamo le finestre che c’è da cambiare aria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. il collezionsita - 7 mesi fa

    Per il discorso di chi lavora per il turismo a ragione e credo che la Fiorentina saprà ripagare a questo inconveniente ….. ma dire “Quest’anno sarà un bagno di sangue” per me è tutt’altra cosa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. woyzeck - 7 mesi fa

    Prima di tutto l’italiano: AUTOREVOLE non autoritario… e poi basta, quest’anno non ci sarebbero state grandi presenze a prescindere, vista la stagione disastrosa e una squadra completamente da rifare. Penso sia davvero venuta l’ora di dire basta a Moena… la Fiorentina deve comunque sempre avere il diritto di gestire la preparazione come preferisce; non è che ci siamo venduti alla Val di Fassa, siamo loro ospiti, se gli piace è così altrimenti arrivederci! Francamente state dando loro troppo spazio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 7 mesi fa

      Bravo mi ero dimenticato di scriverlo: AUTOREVOLE. Non sono d’accordo che ci sarebbero state comunque poche presenze, se porti via Chiesa Drago e c. e lasci nonno Thereau con i nipotini qualcosa fa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dallapadella - 7 mesi fa

    Giustamente tutela i suoi interessi, poi sta alla società giudicare costi/benefici di queste tournè internazionali un po’ circensi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Larry_Smith - 7 mesi fa

    Ha detto “autoritario”, non “autorevole”… Ma vi rendete conto?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Larry_Smith - 7 mesi fa

      Toh, dopo un po’ ha cambiato idea…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. bitterbirds - 7 mesi fa

    il consueto turismo drogato all’italiana, spesso gli va bene ma ogni tanto gli va buca

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Il guru - 7 mesi fa

    Tutto vero, ma chi glielo spiega a questo signore che partecipando all’ICC la Fiorentina avrà un introito di oltre 2 milioni di euro (si parlava di queste cifre al momento dell’iscrizione) oltre ad andare ad esportare il marchio Fiorentina in America che non è affatto una cosa negativa eh

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Violasempre - 7 mesi fa

    Ma non spariamo baggianate.
    Se fosse rimasta la vecchia proprietà, probabilmente ci sarebbero state metà presenze nelle due settimane, più o meno quelle di una settimana con la nuova.
    E’ che loro si pregustavano di farne il doppio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy