Sconcerti: “Monte ingaggi non equilibrato. Pedro gran giocatore, Chiesa involuto”

Il giornalista interviene sui temi più caldi in casa Fiorentina

di Redazione VN
Callejon

Mario Sconcerti è intervenuto nel consueto filo diretto col Pentasport di Radio Bruno:

Il ricordo

Sono contento che Ciccio Rialti, attraverso il suo ricordo, sia riuscito ad arrivare nel salone dei Cinquecento, nel cuore della sua città. Prima di tutto umanamente e in secondo luogo professionalmente.

Callejon subito titolare?

Bisognerebbe averlo visto da vicino. Si sta allenando ormai da una decina di oggi, conoscendolo bene è un grande professionista credo abbia continuato ad allenarsi nella pausa. In genere un giocatore appena arrivato si inserisce a partita in corso. Prima entra comunque meglio è.

Chiesa male in nazionale?

E’ in un momento di netta involuzione tecnica, non salta più l’uomo. Gioca male e non ha più la scusa della distrazione adesso. Ieri gli azzurri si sono appoggiati tanto a lui, ma quando aveva il pallone tra i piedi mi sembra si metta a pensare. Se pensa, rinuncia all’istinto, non è più Chiesa. Ne ho visti tanti ragazzi di talento annodarsi, ho l’impressione che sarà un problema che si porterà dietro per diverso tempo

La virata sul 4-2-3-1

Ribery non più ala? Mi sembra un falso problema. Il francese è un fuoriclasse e in qualunque ruolo lo metti nei tre davanti sa come posizionarsi e come rendere al meglio. Non ha certo bisogno di consigli o tempi di adattamento. Certo che Ribery può ricomporre un tandem come quello che Callejon costituiva con Insigne. Ci vorrà tempo, ma le qualità ci sono tutte. Il francese si spazientisce spesso in campo perché non viene capito dai compagni. A volte fa errori banali, perché non gli viene resa la palla nel modo giusto. Con Callejon il problema verrebbe meno.

Monte ingaggi e ambizioni

Non è un monte ingaggi equilibrato: 2/3 giocatori lo alzano, mentre altri sono nettamente al di sotto del salario deoi Ribery o Callejon. Mi sembra una buona squadra, inferiore a 6/7 club. Penso arriveremo a giocare con Pulgar che è l’unico a portare geometrie. Non mi dispiace neanche la formazione attuale, reputo difficile rinunciare a Bonaventura.

Pedro

Una scommessa persa, ma che andava fatta. Veniva da un grave infortunio, ma è un gran giocatore. Adesso gioca nel Flamengo – la Juventus del Brasile – non può essere un caso. Non so se nell’avventura coi Viola abbia influito la saudade o il difficile ambientamento alla Serie A.

Martinez Quarta

Da Quarta mi aspetto tanta sostanza. I difensori argentini sono fra i migliori al mondo, anche se difettano di altezza e taglia fisica. Può giocare come secondo marcatore, accanto a Pezzella o Milenkovic. Un cagnaccio con piedi buoni, penso possa adattarsi in fretta al nostro calcio. Del resto gli argentini sono “geneticamente italiani”, fanno meno fatica dei cugini brasiliani.

 

Mario Sconcerti

 

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tofa67 - 2 settimane fa

    Ma scusate tanto,se PEDRO e’ tornato ai livelli che erano i suoi prima dell’infortunio nn capisco dove sta il problema,il giocatore è nostro a tutti gli effetti,sbaglio o abbiamo il diritto di riprendercelo? Se era solo una questione di preparazione che adesso ha brillantemente superato io a Dicembre lo ripoterei in viola e festa finita

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy