Mutu: “Firenze? Mi ha amato più della Romania. Spero di allenare la Fiorentina un giorno. Chiesa e Hagi…”

“E’ un disastro per l’Italia così come per la mia Romania. Fiorentina? La seguo sempre, non sta vivendo un bel periodo…”

di Redazione VN

L’ex campione viola Adrian Mutu, in visita al centro sportivo, ha parlato così a Violachannel.

A febbraio prenderò il patentino per fare l’allenatore, non mi piace fare il dirigente. Voglio sentire il profumo del campo e stare coi ragazzi per condividere con loro le mie esperienze. Non vedo l’ora di iniziare il corso, per due o tre anni mi impegnerò su questo. Voglio diventare bravo e preparato: spero in futuro un giorno da allenare la Fiorentina. Giocatore? Rimasti bellissimi ricordi, dei tifosi e della città. Spero di aver lasciato dei bei ricordi. Calcio? E’ cambiato, anche gli allenatori sono più preparati adesso. Il numero dieci dietro le punte non c’è più, Antognoni lo era mentre io era nove e mezzo. Oltre il talento e la preparazione oggi servono fisicità e velocità. Nazionale fuori dai mondiali? Nessuno se lo aspettava. E’ un disastro per l’Italia così come per la mia Romania. Fiorentina? La seguo sempre, non sta vivendo un bel periodo. E’ una squadra giovane, questo è l’anno della rifondazione. Spero che da gennaio arrivino rinforzi per migliorare quest’annata oppure che i giovani vengano fuori. Mi auguro che possano arrivare giocatori che facciano bene. Hagi, Chiesa e Simeone? Devono avere l’ambizione di fare meglio dei padri sennò meritano schiaffi (sorride ndr). Chiesa sta facendo benissimo, la squadra deve aiutarlo. Il Cholito sta andando bene e anche Hagi arriverà, se non è quest’anno sarà il prossimo. Firenze? Il rapporto è sempre lo stesso, qui mi hanno amato più che nel mio Paese. Stadi nuovi? In Romania ce ne sono di nuovi, bisogna investire. Famiglia? E’ nato mio figlio Thiago, gli ho messo il completino della Fiorentina e spero che un giorno possa diventare il numero dieci della viola e che sia più forte del suo papà.

Violanews consiglia

S. Inzaghi: “Derby? Abbiamo preso atto della sconfitta, ora testa a Vitesse e Fiorentina”

La Fiorentina e Milinkovic-Savic: non dire gatto, se non ce l’hai nel sacco

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lk - 3 anni fa

    Come potremmo dimenticarti… Grande !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. blues - 3 anni fa

    Ti si vole sempre bene fenomeno, però si dice babbo non papà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy