Pioli: “Per crescere serve inserire giocatori giusti e alzare il monte ingaggi. Thereau ok”. Su Hagi…

Pioli: “Per crescere serve inserire giocatori giusti e alzare il monte ingaggi. Thereau ok”. Su Hagi…

Le parole del mister viola alla vigilia della sfida contro i gialloblù allenati da Fabio Pecchia

di Redazione VN

Queste le dichiarazioni di Stefano Pioli in sala stampa: “La valutazione della gara contro la Sampdoria è stata abbastanza semplice, non abbiamo giocato bene, mentre gli avversari lo hanno fatto meglio di noi. Siamo una squadra che quando non gioca bene spesso non porta a casa il risultato. L’allenatore (Pioli stesso, ndr) ha delle responsabilità, ma in questa settimana ho visto voglia di ripartire e la gara di domani è sicuramente molto importante in questo senso”.

Alternative sul mercato? “Il rapporto con Corvino e Freitas è quotidiano perché viviamo il centro sportivo tutti i giorni. Questo è un anno di rinnovamento in cui dobbiamo cercare di capire quali saranno le colonne del futuro e quali gli aspetti da migliorare. Se ci sarà la possibilità di migliorare l’organico in questa sessione, ci faremo trovare pronti, altrimenti è inutile cambiare per cambiare. Secondo me è difficile trovare titolari pronti, anche per quelle che sono le nostre possibilità. Più facile completare l’organico”.

La vittoria che manca? “Deve pesare sulla motivazione. Dovremo averne tanta domani, perché è da troppo tempo che non arrivano i tre punti e la prestazione di domenica scorsa non è stata all’altezza. Mi aspetto di vedere una squadra molto motivata”.

Noi più forti sulla carta? “La carta non conta. Dobbiamo dimostrare sul campo di essere più forti e più vogliosi dei nostri avversari”.

Bocciatura del doppio centravanti dopo la Samp? “Non sono così tragico nelle valutazioni della domenica, mi baso più su quello che vedo in allenamento. La risposta dei due attaccanti non è stata sufficiente, vero, ma anche quella del resto della squadra è stata negativa. Sono aperto a tutte le soluzioni che ritengo migliori per la mia squadra”.

Chiesa seconda punta? “L’idea di sfruttare le qualità offensive di Chiesa c’è, ma Federico lo vedo più come uomo di fascia. Vedo meno indicato per la sua crescita partire dal centro ed uscire vero esterno, ma un calciatore intelligente non deve aver problemi a giocare un po’ più basso o più alto, un po’ più centrale o un po’ più esterno. Deve essere bravo a relazionarsi sempre con i compagni. Domenica poteva proporsi meglio e in certe occasioni i compagni avrebbero potuto servirlo meglio”.

Preparazione Fiorentina-Verona? “Non ci sono partite più facili di altre da preparare, anche perché abbiamo tantissime motivazioni dopo il digiuno di vittorie e la sconfitta di domenica scorsa. Ci aspettiamo un Verona combattivo, che ce la metterà tutta per portare a casa un risultato positivo, ma le nostre motivazioni sono forti almeno quanto sono le loro”.

Gennaio tranquillo per me? “Sì, perché nessuno ha bussato alla mia porta rispetto agli anni scorsi e perché vedo tutti gli elementi della mia squadra molto concentrati”.

Della Valle? Li sento e sanno che avremmo molto piacere di rivederli a breve. Sento comunque il loro sostegno.

Elezioni Figc? “Conosco solo Tommasi. Dobbiamo approfittare di questa situazione per rinnovare il calcio italiano. Mi piacerebbe che il Presidente fosse un uomo di calcio e che fosse lontano da certi movimenti che poco hanno a che vedere con questo sport”.

Cosa è andato storto con la Samp? “Abbiamo concesso troppo spazio ai giocatori di qualità della Sampdoria e non siamo riusciti a recuperare palla in maniera efficace. Le distanze, domenica scorsa, ci hanno messo in difficoltà”.

Cosa serve per alzare la nostra competitività? “Il nostro obiettivo è costruire una Fiorentina più forte, che sia in grado di tornare a lottare per l’Europa. Abbiamo dei valori sui quali lavorare, ma le valutazioni andranno fatte più avanti perché mancano ancora molte gare alla fine della stagione. I nostri calciatori sentono la maglia e sono molto professionali, vogliono superare i loro limiti. Dobbiamo farlo per rientrare nelle prime sei del campionato e migliorare la squadra insieme ai direttori. Sono certo che si possa fare un buon lavoro per il futuro”.

Monte ingaggi? “L’intenzione della proprietà è far crescere la squadra, è quello che mi è stato comunicato. Dobbiamo inserire i calciatori giusti, alzando di conseguenza il monte stipendi”.

L’orgoglio arma decisiva domani? “Abbiamo l’occasione di dimostrare che quella di domenica scorsa è stata solo una piccola parentesi”.

Thereau? “Ha fatto un’ottima settimana ed è pronto per giocare dall’inizio”.

Giovani? “Chi merita arriverà sicuramente, sono molto aperto sotto questo punto di vista. Li monitoriamo ogni giorno, facendo salire alcuni di loro periodicamente per valutare l’eventuale inserimento in prima squadra a partire dalla prossima stagione. In Primavera ci sono sicuramente dei giocatori dalle buone prospettive”.

Hagi? “E’ un bravissimo ragazzo con delle qualità tecniche, ma aveva tanta fretta. Non dobbiamo mettere pressione ai giovani, perché non tutti sono pronti per giocare subito. Altrimenti è giusto percorrere altre strade”.

Violanews consiglia

Repubblica: dopo la disfatta di Genova, Pioli torna al vecchio modulo

Trevisani: “Fiorentina? Contro la Sampdoria era zoppa. Verona a pezzi…”

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dellone68 - 3 anni fa

    Pioli ti confermi la brava persona che sei sempre stato. Le tue dichiarazioni sono come quelle di Antognoni (che ormai tace). La Fiorentina è una squadra in vendita e fino a che non ci sarà una nuova proprietà è tutto fermo. E lui farà il suo massimo sempre e comunque. Ma farà “la frittata con le uova che ha” (cit. Paulo Sousa). Non è inutile comprare. Sarebbe utilissimo. Ma nessuno (del resto i proprietari sono fantasmi) dà ordini di comprare giocatori perchè ci vogliono soldi. Ed i soldi appunto, non ci sono. La Fiorentina è in liquidazione da tempo e solo un pugno di pervicaci sognatori non vogliono svegliarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tagliagobbi - 3 anni fa

    Caro Mister, d’accordo su tutto a parte Chiesa (che deve giocare alto sulla fascia ) e su Hagi (una chance almeno gliela avresti potuta dare). Forza Viola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tommolo - 3 anni fa

    La vittoria che manca?…

    …sarà dura domani, ma se ci crediamo domani possiamo farcela.
    Bisogna crederci!

    ;-)))
    :-(((

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. folder - 3 anni fa

    “Non dobbiamo mettere pressione ai giovani, perché non tutti sono pronti per giocare subito. Altrimenti è giusto percorrere altre strade”.
    Come dire: meglio 3 40enni d’esperienza che una miriade di giovani virgulti che vogliono giocare.La mentalità del nostro è quella decisamente italiana: i giovani possono giocare solo a partire da 25 anni.Anche se uno è Pelè o Maradona
    è giusto che stia in panchina perchè ci sono delle gerarchie da rispettare e chi va in campo è sempre quello più vecchio anche se è una superpippa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Aoi_Haru - 3 anni fa

    Io mi son sentito i 20 min di conferenza e di Pioli si potrà dire quello che si vuole (io sono uno dei primi ad avere un po’ mugugnato preferendogli altri allenatori) ma se dio vuole parla in modo diretto, schietto, senza nasconder nulla e senza giri di parole. E sembra credere nella rivoluzione iniziata con lui, senza dimenticarsi degli ultimi anni (al contrario di qualche pseudo tifoso) in cui si è stati sopra alle milanesi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. lor29 - 3 anni fa

    Queste conferenze stampa pre-partita sono sempre state noiose ed inutili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Up The Violets - 3 anni fa

    Già riuscire a “completare l’organico” sarebbe una gran cosa (anzi, un miracolo, dato che al 27 gennaio non hanno ancora comprato nessuno), caro Pioli. Non so se te ne sei accorto nel tourbillon di Genova, ma se avete preso quella risolàta è proprio perché questa squadra è ben lungi dall’essere completa, basta che due o tre titolari manchino o siano fuori condizione e va sotto pesantemente con chiunque, perché le riserve (quando ci sono) sono per lo più giocatori che faticherebbero anche in squadre che lottano per non retrocedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. bitterbirds - 3 anni fa

    più o meno questo è lo stesso periodo in cui sia montella che sousa cominciarono a mugugnare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Horsenoname - 3 anni fa

    State diventando veramente patetici , mi rendo conto che si fa di tutto per portare a casa un tozzo di pane ; se quelle sono le domande che realmente fate in sala stampa all’allenatore mi sa che siamo davvero alla frutta , e poi si vorrebbe dire che a Firenze non abbiamo gli occhi foderati di prosciutto , mah….non direi proprio son foderati e anche con doppia fodera .
    Rivisitando la storia sembra di vivere il momento del “regime” quando l’Italia era allo sfascio ma l’Istituto Luce produceva lungometraggi di effetto che valorizzavano le azioni del partito , veramente patetico proprio senza un minimo di dignità e coraggio , per questo Firenze si vergogna

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Dandi - 3 anni fa

    Hagi avrà avuto anche fretta ma ci si deve rendere conto che in Europa i 18-19enni giocano e si mettono in mostra, in Italia marciscono in panchina salvo rare eccezioni tipo Chiesa e Donnarumma e poi??? e poi arrriva il Monaco e si compra Pellegri 17enne dal genoa… partite giocate in serie a? 3-4 spezzoni.
    se non rivoluzionano il calcio inserendo le 2 squadre in serie C al posto di squadre fallite siamo destinati a non riprendersi da questo baratro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. andrea - 3 anni fa

    Ahahahah

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy