opinioni

Bucciantini: “Italiano migliore idea da anni, la Fiorentina guarda avanti”

Bucciantini: “Italiano migliore idea da anni, la Fiorentina guarda avanti”

Il giornalista dice la sua sulla crisi in seno al calcio italiano e sulle speranze costituite da allenatori come Italiano, Dionisi e De Zerbi

Redazione VN

Il giornalista Marco Bucciantini è intervenuto in diretta nel corso del "Pentasport" di Radio Bruno:

Novità e Fiorentina  - «De Zerbi, Italiano e Dionisi sono allenatori che giocano un calcio che si incastra meglio nel panorama moderno. Mentalità di chi è arrivato in Serie A col lavoro, con le idee e si sono costruiti una reputazione. La Serie A quest'anno esprime un'intensità e un livello superiore. Italiano è stata la migliore idea della Fiorentina degli ultimi anni, l'ho scritto anche ad un dirigente. A Firenze non c'è più una transizione, mi sembra che stiamo tornando a proiettarci in avanti. La scelta dell'allenatore, il Viola Park e le novità sullo Stadio Franchi son tutti tasselli importanti. Nonostante certe posizioni politiche di Commisso che ho trovato sbagliate, soprattutto in certe alleanze in Lega».

MILAN, ITALY - MARCH 19: Vincenzo Italiano, Head Coach of Fiorentina looks on during the Serie A match between FC Internazionale and ACF Fiorentina at Stadio Giuseppe Meazza on March 19, 2022 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Il fallimento del calcio italiano 

«L'Europeo vinto è stata la diretta conseguenza del triennio precedente. Non è stato miracoloso, ma meritato per idee e gioco espressi. A livello continentale non ci sono state selezioni superiori. Anzi: è stata la squadra di club italiana più forte negli ultimi tre anni. La squadra è la stessa, ma ha nascosto peggio i difetti che già aveva. Negli ultimi 6 mesi sono venuti a galla: la difficoltà nel sbloccare le partite ad esempio. Questa eliminazione - così come la vittoria dell'estate scorsa - la leggo come una diretta conseguenza del periodo che l'ha preceduta. Uscire con la Macedonia aggrava il quadro, ma ti può portare a fare delle riflessioni serie. La Nazionale era già più avanti del calcio italiano. Non solo manchiamo da 8 anni da un mondiale, ma non giochiamo l'Olimpiade dal 2008. E da cinque edizioni non ci giochiamo un Europeo U21. Torneo nel quale vantiamo il maggior numero di titoli, insieme alla Spagna».

Mancini e rivoluzione - «Le autoassoluzioni non le sopporto, per questo nel caso del Ct e di Gravina avrei rimesso i mandati. Mancini è l'unico che mi ha dato l'idea di potergli mettere qualcosa nelle mani, soprattutto in un momento difficile. La Lega Calcio è un grande problema del calcio italiano: decisioni sbagliate e ripetute. Non c'è mai una visione e infatti il nostro campionato ha perso il 50% dei tifosi. E non a causa della pandemia. Una missione in capo ad una parte della classe dirigente è ricreare un'ambiente favorevole nel calcio italiano. Ci metto anche il caso Dybala che quando sta bene è il giocatore che più riempie gli occhi, un giocatore che serve per creare passione. C'è un grande problema di racconto nel calcio. In queste settimane è stato raccontato senza menzionare mai il campo, solo dinamiche contrattuali che riguardano un problema molto più ampio della nostra Serie A».

 PALERMO, ITALY - MARCH 23: Head coach Italy Roberto Mancini reacts during Italy training session on March 23, 2022 in Palermo, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)
tutte le notizie di