Bojinov: “Milenkovic e Vlahovic a Firenze anche per merito mio. Quella volta che finii fuori rosa…”

L’attaccante bulgaro si è raccontato in un’intervista a Il Posticipo

di Redazione VN

Valeri Bojinov ha rilasciato una lunga intervista al portale Il Posticipo, parlando anche della sua esperienza in viola e del suo rapporto con l’ex d.s. gigliato Pantaleo Corvino:

Arrivai a Firenze quando i Della Valle stavano per dare inizio ad un grande progetto che aveva l’obiettivo di portare la Fiorentina in Champions, obiettivo raggiunto con Cesare Prandelli. A Firenze i tifosi hanno un fortissimo attaccamento alla squadra, ma anche tante aspettative, quando c’ero io gli allenamenti spesso erano aperti al pubblico e ad ogni gol in partitella c’era un boato della gente. Finii fuori rosa perché litigai col presidente, quando Prandelli mi preferì per l’ennesima volta Jimenez. Durante la mia esperienza al Partizan (dal 2015 al 2017, n.d.r.) ero compagno di stanza di Nikola Milenkovic: mi chiedeva continuamente del calcio italiano, era convinto che avrebbe giocato in Serie A prima o poi. Ha enormi margini di crescita, come Vlahovic. Corvino all’epoca mi chiamò per chiedermi un parere sui due: gli dissi di prenderli subito.

Chiesa, Cutrone e Vlahovic: uno è di troppo. Chi resta fuori?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy