Sì, Chiesa può fare il tornante, anche con le grandi. La Fiorentina ha il suo Eto’o, ma per quanto?

Un plauso alla dedizione e alla professionalità, comunque vada a finire

di Federico Targetti, @fedetarge

In principio era Sousa. Nella prima partita della stagione 2016-2017 il tecnico portoghese della Fiorentina faceva esordire, nel ruolo di esterno a tutta fascia, un ragazzino figlio d’arte che poi, nel finale di campionato, si sarebbe preso i gradi di titolare per non lasciarli più. Solo i meno attenti non avranno capito che parliamo di Federico Chiesa, che è diventato abbastanza rapidamente la stella – o per lo meno, una delle stelle; ogni riferimento a Ribery è fortissimamente voluto – della Fiorentina. Tutti lo vogliono, nessuno lo prende, perché sono due anni che è l’anno dell’Europeo, perché Commisso l’anno scorso ha fatto una promessa al suo arrivo, e perché il costo del cartellino, diciamolo alla maniera del Presidente, è alto assai. Ma sono cose più o meno risapute.

Un po’ di storia recente

Con Iachini, non c’è dubbio, abbiamo assistito ad una rinascita di Chiesa, soprattutto dal punto di vista caratteriale. Nelle vacanze di Natale 2019 il ragazzo è rimasto ad allenarsi per recuperare da un problema fisico, poi tante prestazioni di puro impegno, condite dal record personale di gol nonostante qualche imprecisione di troppo. E poi la querelle sul ruolo. Non tanto su quale sia il suo naturale: è evidente che Chiesa è un esterno offensivo, votato più all’attacco che alla difesa, dotato di strappi importanti e per questo adatto a moduli che gli lasciano spazi da percorrere, come il 4-3-3, il 4-2-3-1 e simili. Eppure sono ormai quasi due anni che Chiesa, con la Fiorentina, non interpreta quasi mai quello che tutti dicono essere il suo ruolo. Possiamo definire fallito l’esperimento del Montella-bis di trasformarlo in un attaccante, fallimento sancito poi dalla disastrosa prova nella sconfitta interna col Sassuolo datata 1 luglio 2020. Da quel momento, anche grazie ad un passaggio al 3-4-3, le prestazioni del numero 25 sono tornate più che buone. Fino ad arrivare al precampionato settembrino, e all’arretramento a tornante per fare spazio al duo composto da Ribery e Kouamé in avanti. Problemi? No, non molti. E se Lucchese e Reggiana non erano cartine tornasole molto affidabili, Torino e Inter (un assist, un gol e tanti ripiegamenti preziosi anche in difesa) lo sono state di certo. Per cui Chiesa non solo può fare il tornante, ma lo può fare anche a livelli elevati.

Esame superato

Chiedere a Perisic. Il croato, fresco campione d’Europa con il Bayern Monaco, non è l’ultimo arrivato quanto a corsa, fiato e inserimenti vincenti, eppure Chiesa, quasi da terzino di categoria, era sempre lì, pronto a disturbarlo sui traversoni di Young sul secondo palo. Un giocatore che ha la testa da un’altra parte non riesce a fare queste cose, figuriamoci ad impallinare Handanovic con un tocco sotto dopo 50 metri di scatto. Forse la sua volontà è quella di misurarsi in una realtà più blasonata, ma finché non avrà messo la firma sul nuovo contratto, la Fiorentina avrà un pendolino sulla fascia destra. E chissà che il nuovo contratto non possa essere quello del rinnovo, ancora con il giglio sul petto.

Il precedente illustre

Facendo le dovute proporzioni, l’arretramento di Chiesa sulla fascia per permettere la coesistenza di Ribery, di una punta, di Castrovilli e dello stesso Federico ricorda la mossa vincente di Mourinho all’Inter dieci anni fa: scalare Samuel Eto’o sulla fascia e chiedere ad un giocatore che aveva già vinto tutto di ripiegare in difesa, per poter coabitare in attacco con Milito, Pandev e Sneijder. Quell’accorgimento portò l’Inter a vincere la Champions, magari questo di Iachini, ultimi otto giorni di mercato permettendo, porterà la Fiorentina di nuovo in Europa. 

27 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. MolisanoViola - 1 mese fa

    Se vendono Chiesa a una settimana dalla fine del mercato, si devono solo dare una botta forte di martello sulle p…e

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robin.b_737 - 1 mese fa

    Non ci riesco: per quanto possa rischiare di essere influenzato dalla negatività che circola sui social viola, non riesco a vedere il bicchiere mezzo vuoto. Anzi vi dirò di più, questa negatività mi irrita all’ennesima potenza, perchè da tifoso viola a tutto tondo non riesco a pensar male di Iachini o a considerare scarsa questa squadra che, pur non avendo lo squadrone di riserve che ha l’Inter, ieri sera ha rischiato di vincere e lo avrebbe pure meritato. Chi pretende in fretta una squadra da champions sbaglia: ci vuole tempo e pazienza e una tifoseria è seria e matura quando riesce a convincersi che, nel calcio, si cresce per gradi e che la Fiorentina è sulla buona strada. SFV.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. folder - 1 mese fa

      Vedi:secondo me,quando passa il treno,va preso al volo.Sabato sera hai dimostrato che con 3 innesti(difensore forte;regista di ruolo;punta che
      la butta dentro ogni 2/3 occasioni)potresti migliorare di molto la posizione dell’altr’anno e mirare a qualcosa di più del 9° posto.Siccome il Presidente sbandiera ai 4 venti che vuol vincere lo dimostri veramente e non faccia come quando Pradé,nel mercato di gennaio con la squadra guidata da Sousa,prese Tino Costa e Benalouane peggiorando anzichè migliorare una squadra che,al giro di boa era 1^ in classifica.Il mercato di allora fu come se tu non avessi preso
      nessuno e la squadra,magnifica nel girone di andata,si sfaldò piano piano perchè i giocatori non ne avevano più e i ricambi erano talmente scarsi da non
      potersi vedere.Oggi,se non intervengono sul mercato,fanno come allora e così
      mi domando,a livello di calcio giocato e lasciando perdere le infrastrutture,
      quale sia la differenza tra i fratellini braccini e quelli di ora!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. antonio capo d'orlando - 1 mese fa

        Ciao Folder. Mi sembra che la differenza coi DV sia notevole. Primo, perchè il presidente ci mette sempre la faccia, sia in televisione che con politici e tifosi e secondo perchè si intravede un pò di programmazione in un periodo di recessione. Il mercato di gennaio scorso e gli interventi graduali sulla rosa, mi sembrano ottimi presupposti. Purtroppo la squadra rilevata era troppo indietro rispetto a quello che doveva essere e ciò non ha fatto si che per giocatori da noi desiderati, ci fosse il giusto apple di venire a Firenze. Sembrano cose inutili ma le abbiamo detto e ridetto da un bel pò. Inoltre ci aggiungo la situazione Ramadani che tende a destabilizzare i giocatori nella nostra rosa ed il gioco è fatto. Prima di rimettere tutto a posto, per me ci vogliono almeno due anni e sempre se a Commisso non fanno girare le scatole e decide di andarsene. Mi auguro di no, ma noi tifosi dobbiamo fare la nostra parte essendo propositivi e non distruttivi. Una buona giornata.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nicco - 1 mese fa

    Quest anno abbiamo una grande occasione, la Roma mi sembra poco, la Lazio se nn compra 3 giocatori negli 11 e’ forte ma ha la champions e nn ha riserve, uniche irraggiungibili sono Inter Napoli e Juventus , forse Atalanta, con il resto me la gioco con tutte nn siamo certo inferiori al Milan , il vero problema della squadra sono Iachini ( allenatore modesto il suo curriculum parla nn serve aggiungere altro) e il suo modulo, questa squadra con 4-2-3-1 fa le buche in terra, alla lunga chiesa nn può fare il terzino e amrabat nn può fare il regista, il marocchino è fortissimo e in quel ruolo lo perdiamo, ieri a San siro nn bene, ci voleva coraggio e bisognava cambiare allenatore, ci troveremo costretti tra poco a farlo perché questo mister ( con tutto il rispetto) nn è all’altezza della squadra, e nn mi venite a tirar fuori la storia del centravanti perché nn ci sono sul mercato centravanti prendibili, se devo prendere piatek e spendere 40 tra ingaggio e cartellino ( venerdì sera in nertha-eintracht sostituito a fine primo tempo per disperazione) mi tengo i miei e con quei soldi compro martinez Quarta e torreira

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SOLOROGER - 1 mese fa

      Il calcio è un gioco abbastanza semplice! Serve un giocatore che finalizza il gioco della squadra è giocatori di livello intorno! Ribery, Ibra, Ronaldo fanno la differenza anche a 40 anni! Se accanto a Ribery ci mettiamo un bomber vero si può fare del bene se si continua con queste scommesse sarà sempre impossibile sperare in qualcosa di importante!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. pamarell_193 - 1 mese fa

    Caro Targetti, ma tu la partita l’hai vista? Perisic gli è sbucato alle spalle 3 volte e due ci ha graziato. Inoltre Chiesa perde lucidità davanti, infatti ha segnato nel momento in cui ha deciso di guidare dieci metri avanti mentre eravamo sotto. No direi proprio che non è una grande intuizione di Iachini, come non lo è Amrabat a fare il mastino e Kouame centravanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. manuele da fiesole - 1 mese fa

    ieri grande partita, se non avesse tolto Chiesa e Ribery non avremmo perso. Cambi sbagliati!
    la squadra c’è: Castro è un anno più esperto, Biraghi è migliorato, Bonaventura è un buon elemento.
    Se prendiamo un centrale buono ed una punta con maggiore esperienza, quest’anno si lotta per la champions

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicco - 1 mese fa

      Se si cambia allenatore sono d’accordo con te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. jameslabriexxx - 1 mese fa

    Nn lo so ma vaderlo ieri sera, quanto ci teneva, quanto era dispiaciuto sul quarto gol non mi pare un giocatore in partenza…poi mi sbaglierò ma visto ieri sera spero di no. Non ne trovi uno simile ora ..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. SOLOROGER - 1 mese fa

    Aspettiamo la fine del mercato! Poi vediamo le intenzioni di questa società. Le chiacchiere le porta via il vento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. alesquart_3563070 - 1 mese fa

    Onestamente a voi la frase di Commisso ieri sera sulla permanenza di Chiesa è piaciuta?
    A me no, perché chi trovi nel suo ruolo di (quasi) pari valore?
    La realtà (a cui non saremmo dovuti giungere ad una settimana dalla fine ma all’inizio del mercato) è che bisogna rischiare e rimanere così come si è.
    Pensate che Chiesa metta il broncio l’anno degli Europei? io penso di no, Milenkovic si tiene e si spendono quei pochi soldi per Quarta (si pensa 10 non sono un’infinità).
    Certo rimaniamo con il problema punte, ma le occasioni le abbiamo comunque create e si sono segnati 3 gol all’Inter, che rimane una delle pretendenti allo scudetto.
    Io la penso così, speriamo che Rocco la pensi alla stessa maniera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. andrea_fi - 1 mese fa

    Chiesa ha fatto una eccellente partita ieri sera. A dimostrazione che in quel ruolo rende benissimo. Ha praticamente sbugiardato tutti gli allenatori da tastiera che lo pretendevano in altro ruolo. Dopo la prestazione di ieri sera le quotazioni di Chiesa sono tornate molto alte.
    Venderlo adesso sarebbe un suicidio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. la sorella del tata - 1 mese fa

    Mercato a parte…e che palle..! con la Samp dobbiamo dimostrare se abbiamo del valore da poter spendere in questa stagione.
    Ci potremmo divertire

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. I' Mastica - 1 mese fa

    Chiesa È un esterno offensivo da 433 (al massimo da 4231). È li che può rendere al massimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. antonio capo d'orlando - 1 mese fa

      Il problema è che non abbiamo terzini e centrali adatti ad una difesa a 4. O giochi con tre centrali o nisba. FV

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Daniele Ponsacco - 1 mese fa

    Ora Commisso vende Chiesa e Milenkovic e ha la scusa fi non avere tempo x comprare i sostituti degni e con i soldi ci paga il centro sportivo..intestato a suo nome e ci va pari…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Violino - 1 mese fa

      Posa il fiasco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Violino - 1 mese fa

      Posa il fiasco!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. violaebasta - 1 mese fa

    Certo che, fosse stato per voi giornalisti Chiesa era già da due anni che era diventato bianconero, nerazzurro, partenopeo, rossonero, giallorosso e invece, a una settimana dalla fine di un altro calciomercato è ancora qui a Firenze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ViolaBelugi - 1 mese fa

    Hai un giocatore che da esterno di un attacco a 3 sta facendo benissimo e ha quotazioni crescenti. O lo vendi o cerchi di valorizzarlo ulteriormente. E invece no. Lo tieni e lo fai giocare per due anni seconda punta, centravsnti o terzino in modo da svalutarlo a puntino. Poi magari lo vendi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Eziogòl - 1 mese fa

    È storia dellE fiorentinE vendere i migliori, prendere inculate cosmoche ed arrancare per salvarsi. È sempre successo,sempre succederà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Chianti - 1 mese fa

      Per chi tifi? Siena o Empoli?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. glover_3713546 - 1 mese fa

      Ma perchè non te ne vai? Menagramo di un menagramo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Mezio Fufezio - 1 mese fa

      Troll

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. mannuccigabriele7_14377276 - 1 mese fa

      Ahahahah te sei meraviglioso ma mi sembri abbastanza gobbo. O no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Dany66 - 1 mese fa

    Non scherziamo nemmeno col pensare di vendere Chiesa a una settimana dalla fine del mercato. Se lo volevano vendere dovevano pensarci prima. Con chi si sostituisce? Domenica abbiamo una pertita importantissima e siamo sempre a parlare di vendere i nostri giocatori migliori. Basta!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy