PERSONAGGI VIOLA: Repka, il duro dall’animo burlone. Il ricordo di Adani e Padalino

Violanews vi propone una nuova rubrica in cui ogni settimana vi racconteremo sotto vari punti di vista un personaggio della storia viola. Oggi è la volta di Repka

di Iacopo Nathan

DICONO DI LUI

Come già scritto, Violanews ha parlato in con Daniele Adani, ex difensore e compagno di Repka nella coppa Italia del 2001. Ecco  il suo ritratto del difensore ceco:

Tomas era un giocatore che in campo andava guidato, era molto forte fisicamente ed esplosivo. Per fare  un paragone, come tipologia di giocatore del giorno d’oggi direi Manolas, ma aveva bisogno di essere chiamato in campo. Non aveva le conoscenze tattiche  tipiche dei difensori italiani, molte volte era irruento ed un po’ istintivo. Aveva capito che era molto importante per lui avere la guida di un compagno di reparto, a volte anche più che dell’ allenatore. Era una persona con la quale dovevi entrare in sintonia, con il dialogo giusto, e io l’ho avuto dal primo momento.  Abbiamo avuto un rapporto bellissimo e con lui era fantastico stare in campo. Spesso mi diceva “Lele, chiamami tu, parlami tu“, capiva chi poteva guidarlo e chi aveva una leadership sul terreno di gioco. L’ho sempre ammirato tantissimo, era il classico compagno  che si sarebbe buttato nel fuoco per te.  Nonostante quello che si dice, Repka non era male nemmeno con i piedi, aveva un buon passaggio secco e diretto, nulla di eccezionale ma aveva una buona uscita. A volte è stato messo a destra, non era un crossatore, ma aveva una grande corsa e si faceva trovare sempre disponibile. Fuori dal campo era veramente un burlone, tutto il contrario di come poteva sembrare. Si prestava a subire e fare gli scherzi, non voleva passare da zimbello, ma viveva proprio l’aspetto goliardico e ludico del calcio.

 

Per avere una raffigurazione completa, abbiamo scambiato due chiacchiere anche con Pasquale Padalino, che divise con Tomas la linea difensiva appena il ceco arrivò in Italia:

È sempre stato un giocatore molto ligio ai compiti di marcatura, io giocavo come libero e lui come stopper, negli anni è stato molto bravo a carpire tatticamente molte cose, visto che non aveva le basi dei difensori italiani. Non è mai stato difficile giocare con lui. Fuori dal campo è sempre stato un uomo taciturno, anche se la maschera da duro che aveva in campo non gli si addiceva molto.

14 Sep 1999: Nwankwo Kanu of Arsenal takes on Thomas Repka of Fiorentina during the UEFA Champions League group B match at the Stadio Communale in Florence, Italy. The game ended goalless. Mandatory Credit: Mark Thompson /Allsport
14 Sep 1999: Nwankwo Kanu of Arsenal takes on Thomas Repka of Fiorentina during the UEFA Champions League group B match at the Stadio Communale in Florence, Italy. The game ended goalless. Mandatory Credit: Mark Thompson /Allsport

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. c.ghilarducc_492 - 3 anni fa

    Per me il miglior stopper di sempre dell’era moderna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy