Oggi niente pagelle, ma solo consigli

di Luca Calamai
luca-calamai

Le pagelle del giorno dopo nascono con lo scopo di rileggere la partita giocando con gli zero e i dieci. Un gioco semi-serio, insomma. La situazione della Fiorentina non lascia spazio in questo momento a battute o a sorrisi. Il rischio di retrocedere purtroppo è reale. E allora per una volta niente pagelle ma qualche consiglio. Senza, per carità, pretendere di avere verità assolute da trasmettere.

A COMMISSO

Caro Presidente, immagino il suo stato d’animo. Probabilmente in questo momento si sente tradito. E ha ragione. Però mai come oggi questa nave che traballa ha bisogno del suo Comandante. Anche a migliaia di chilometri di distanza si può essere vicini. Faccia sentire la sua presenza a tutti. Da Barone, all’ultimo dei tifosi.

A BARONE

Caro Direttore, questo è il momento dell’emergenza. Inutile cercare colpevoli (tanto alcune valutazione le ha già chiare in testa). Bisogna gestire il presente. Bisogna aprire il paracadute prima di sfracellarci al suolo. Poi, a salvezza conquistata quest’esperienza renderà tutta l’attuale Fiorentina più forte. Ora è il momento di avere l’uno per cento in più da tutti. Dal magazziniere, all’allenatore. Ha fatto bene a mandare tutti in ritiro. E ora vada a guardare tutti negli occhi. Chi li abbassa può andare a casa.

A PRADE’

Caro Daniele, forse potrebbe servire anche qualcosa in più di un attaccante nel mercato di gennaio. Valuta le varie opzioni. E chi non è pronto a dare il cento per cento per me può anche portare i soldi giusti e andarsene. Di fenomeni in questa squadra non ne vedo. Aspetto di vedere chi è un uomo vero.

A PRANDELLI

Caro Cesare niente consigli sono un piccolissimo suggerimento. Dimentica di essere tifoso della Fiorentina, non farti togliere lucidità dal tuo essere tifoso. Devi essere gelido e spietato. E’ di questo Prandelli che oggi abbiamo bisogno.

ALLA SQUADRA

Cari giocatori, un mio vecchio amico allenatore mi spiegò che in queste condizioni è facile fare la formazione: prendi undici maglie, le posi per terra in mezzo allo spogliatoio e dici: “Chi ha le palle prenda una maglia e vada in campo”. Spero che le maglie di Fiorentina-Sassuolo se le contendano in venti.

43 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. MASO72 - 1 mese fa

    Non amo molto Calamai, ma l’aneddoto delle maglie in terra nello spogliatoio è veramente bello.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tiz973 - 1 mese fa

    A Commisso,
    Caro Presidente lei sa bene che ad oggi ha investito per acquistare la società, fatto investimenti immobiliari, ma nel settore sportivo non ha investito ne tempo, ne passione, ne denari. Avendo acquistato la società ad un prezzo molto basso mi sarei aspettato che avrebbe investito da subito per dirigenti, tecnico e giocatori di livello, un po’ come hanno fatto tutte le nuove proprietà importanti, del suo spessore, in Italia ed in Europa. PSG, Chelsea, Inter, Milan tanto per fare dei nomi.
    Mi dispiace essermi illuso ma a mio parere ha sbagliato anche lei acquistando una delle società più importanti del calcio italiano se non ha ambizioni, forse la squadra giusta per lei era il Venezia, bella città e squadra abituata da sempre a stare in serie B.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Violaviola - 1 mese fa

      Sempre a commisso…. Presidente lei di calcio capisce poco quasi niente direi, le ci voleva tanto a mettersi attorno persone competenti anziché il suo amico barone e disgrazia pradé?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabio - 1 mese fa

    Se per caso andiamo in B ,caro Presidente devi dire gia da ora che tutta la rosa viene in B, fai come fece Cecchi Gori, porto pure Batistuta in B,quindi che qualche giocatore pensa tanto io me ne vado , no finche non si ritorna in A tutti restano.
    saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. luca - 1 mese fa

      Con questi in a non torni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. fornamas63 - 1 mese fa

    Imbattuto per caso in un’intervista di Paolo Taveggio, dirigente del MIlan d’oro di Sacchi, consiglio la lettura di questo estratto a Commisso e Barone, mi sembra ci sia molto su cui riflettere per una csotruzione di una società competitiva:

    D.Facendo un salto avanti di quasi 20 anni, invece, il Milan gioca in ben altri palcoscenici e non si vede l’ombra di una stabilità a livello societario: qual è il male oscuro dei rossoneri?
    R.”Io parto da un concetto che non è legato strettamente all’attualità, ma è legato al modo di organizzare le cose. Posso dire che se fossi stato io a dover pensare ad una ripartenza del Milan avrei magari coinvolto Maldini e Boban o Leonardo, anche se non è un problema di nomi, però avrei messo a loro disposizione persone con una grande esperienza, che non avrebbero mai fatto loro ombra, ma che avrebbero permesso che Maldini e Boban non andassero allo sbaraglio. Per fare un esempio, un soggetto alla Ramaccioni, alla Braida, ma anche alla Paolo Taveggia, per stare al loro fianco consentendo loro di imparare ciò che non si può imparare in 5 minuti. Io ho imparato tantissimo da Ramaccioni e non mi ha mai fatto ombra. Seconda cosa, non mi è mai piaciuta l’idea e non ho mai creduto che si potesse costituire una società ex novo andando a prendere un puzzle di soggetti, magari anche bravi ognuno nel proprio settore, mettendoli insieme e sperare che tutto funzionasse perfettamente. Quando entrai al Milan ci conoscevamo tutti tra di noi, soprattutto lavorativamente. Com’è stato fatto, invece, comporta i rischi che ci sono a mettere più galli nello stesso pollaio. Se in una società di calcio non funziona la società, puoi avere anche Gesù Bambino in campo, ma non vinci…..Poi c’è un altro aspetto: secondo me il Milan deve mantenere la milanesità in società. Non so come, ma non si può far sì che due squadre come Milan e Inter siano diventati come gli Harlem Globetrotters. E’ il modello di business tipicamente americano. Io gli americani li adoro e ho vissuto in USA per due anni, però hanno un enorme difetto, ovvero pensano che il loro sistema, di qualsiasi campo si stia parlando, sia applicabile a livello universale. Non è affatto così, noi in Italia abbiamo una nostra cultura, un nostro modo di vivere, di pensare. Se uno non si mette nella logica di costruire un modello di business tenendo in considerazione questi aspetti, non si va da nessuna parte”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. johan14 - 1 mese fa

    A COMMISSO: spendi
    A BARONE: cambia lavoro
    A PRADE’: dimenticaci
    A PRANDELLI: ritirati
    ALLA SQUADRA: occhio!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Claudio50 - 1 mese fa

    Non credo proprio che uno dopo aver speso 300 ml di euro remi contro la sua società. No no i giocatori hanno qualcosa in testa che li blocca. I tarli potrebbero essere vari e io guarderei ai contratti, che potrebbero essere troppo diversi e non essere accettati da parecchi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tiz973 - 1 mese fa

      Non ha speso 300mln, ha investito per comprare la società e fare investimenti immobiliari a Firenze. Ha fatto una sponsorizzazione da 50mln per 2 anni.
      Magari avesse speso 300mln per comprare giocatori, saremmo a lottare per lo scudetto con Milan, Inter e juve.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. dallapadella - 1 mese fa

        Avete ragione entrambi: ha investito 300 mln (al netto di 100 che entreranno) ma se la squadra gioca male il suo investimento si deprezza e ci rimette.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Rissofiorentino - 1 mese fa

    L’unico consiglio sensato è il seguente:
    Il calcio è semplice ci vuole gente che lo conosca.
    Se siamo pieni di dirigenti che non conoscono l’odore degli spogliatoi tutto diventa difficile.
    I dirigenti veri comprendono i problemi prima che si manifestino perché hanno esperienza e sentono dove sta girando il vento.
    Noi come dirigenti abbiamo nell’ordine, Barone che non sa niente di calcio e soprattutto di calcio italiano. Prade’ che gli unici giocatori che tratta sono quelli delle sue ex squadre o giocatori sul viale del tramonto o meteore gonfiate ad arte da gente più astuta di lui. Antognoni che non sa mettere in fila due parole ne’ alzare la voce. Commisso che pensa solo allo stadio e al centro sportivo senza aver creato una struttura societaria vera.
    Rispondendo a queste semplici domande capirete molte cose :
    Chi fa scouting nella Fiorentina?
    Chi decide acquisti e cessioni?
    Chi decide l’allenatore?
    Chi fa il dirigente accompagnatore?
    Chi sta in Federazione?
    Chi segue il settore giovanile?
    Chi tiene i rapporti tra il settore giovanile (primavera) e la prima squadra?
    Quanti giorni in questi 18 mesi il signor Commisso è stato con la squadra parlando con loro facendo sentire la sua presenza, il suo peso, il suo interesse (Nassi diceva che questo è fondamentale per i giocatori e Nassi era un dirigente che averlo oggi…).
    Onore al popolo viola!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 1 mese fa

      Severo ma giusto. Prova del tuo ragionamento è un DS che compra giocatori che, Amrabat a parte, finiscono regolarmente in panchina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. jackfi1 - 1 mese fa

      Parole sante. Giustissimo avere la dirigenza ristretta ma per farlo chi ci metti deve masticare calcio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Eziogòl - 1 mese fa

    bastano le prime righe, a commìsso: bene, “a commisso” gliene pòle fregà di meno. L’avete sentito in questi 40 giorni? Si, per minacciare un intervento atomico in zona Campo di Marte. Anzi, penso e non solo il solo, che questi risultati siano proprio voluti da lui per ricattare tutti se non gli lasciano fare affari come vuole lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Claudio50 - 1 mese fa

    C’e’ poco da star allegri. La squadra non reagisce. Questi hanno un tarlo in testa che se non sarà rimosso sono felici di andare in B

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ale campi - 1 mese fa

    se commisso spende male i suoi soldi non è solo un suo problema, purtroppo è soprattutto è un problema della viola….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Etrusco - 1 mese fa

    La società ha un monte ingaggi alto e se rapportato agli attuali punti in campionato risulta assurdamente alto! I giocatori presi singolarmente non sono malvagi anzi, il problema è che insieme non funzionano ne hanno intenzione di funzionare. Prendiamo Ribery giocatore immenso, da il massimo sempre ma con la testa dove è? La famiglia è scappata impaurita dalla delinquenza (!) dell’hinterland fiorentino, lui è da solo in albergo e come ci sta uno come lui abituato ad essere attorniato da parenti ed amici che son tutti a Monaco? Ribe mi ricorda Sousa nella sua seconda stagione, che strazio! A gennaio va stravolta la squadra costi quel che costi ed il Prande rimane la persona giusta al posto giusto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jackfi1 - 1 mese fa

      I giocatori sono quello che sono. Valgono di più del 17esimo posto? Si, ma non più del 12esimo o 13esimo. Il problema è che parte dei tifosi crede ancora che questi giocatori siano da europa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. I'Generale - 1 mese fa

        Saranno anche da 12/13esimo posto, poi però li vogliono tutti quelli che stanno più in alto in alto… Milenkovic e Pezzella li vuole il milan, amrabat era conteso da mezza serie A prima che lo comprassimo, Vlahovic viene considerato da tutti il nuovo ibraimovic, Biraghi e Callejon lo scorso anno giocavano in champions league, Castrovilli ecc ecc….
        Questa squadra vale il doppio dei punti che ha raccolto fino ad adesso, nè di più nè di meno… ma deve ritrovare serenità, voglia di giocare, almalgama e alchimia di gruppo, tutto quello che per esempio a bergamo c’è e fa rendere i giocatori al 150% delle loro possibilità!
        la squadra AVREBBE anche bisogno del suo pubblico e di un po’ di fiducia intorno, non solo delle solite bubate o degli insulti via social…….
        Mi piacerebbe (io non posso farlo per motivi di zona arancio) che il tifo organizzato, che non può seguire la squadra in campo per ovvi motivi, organizzasse un paio di “cortei” (leggi persone in fila indiana distanziate ai lati della strada) quando il pulman dei giocatori parte, per fargli sentire la fiducia e infondere coraggio… e magari meno insulti o provocazioni sul web… che come li leggiamo noi li leggono anche loro…… abbiamo bisogno di serrare i ranghi e trovare un’amalgama, non di trovare il prossimo capro espiatorio, che mi sarebbe anche venuto a noia questo inutile tiro al piccione……
        (non è riferito a te, sto parlando in generale, spero si capisca)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. jackfi1 - 1 mese fa

          Il problema di fondo è questo commento. Se fossimo consapevoli di cosa ci è stato rifilato anche i commenti sarebbero meno duri ma siccome fino a due mesi fa mezza tifoseria faceva proclami da europa league si farebbe bene ad analizzare chi ci è stato dato. Callejon è stato mandato via a zero dal Napoli e fino all’ultimo giorno non si era accasato (non dirmi che credi alla storiella che l’avevamo bloccato da tempo). Era un gran giocatore Callejon?Si. Lo è oggi? Non come lo era 2 anni fa, mettiamola così. Bonaventura vorrei ricordare che lo hai strappato al Benevento non al Real e viene da due infortuni gravi e si vedono. Biraghi giocava in champions ma niente ha impedito all’Inter di impacchetarlo e rimandartelo a casa nonostante per i discorsi dei “cresciuti nel vivaio” fosse fondamentale (pensa te che considerazione ne avevano se nonostante questo te lo hanno rispedito). Vlahovic? Diventerà un fenomeno ma non oggi. Lo voleva il Lipsia è vero ma certamente non per fare il titolare. Castrovilli? Uno dei pochi che potrebbe puntare ad essere titolare altrove. Pezzella? Ad oggi il Milan lo ha sempre trattato come alternativa e mai come obiettivo principale. Milenkovic e Drago rientrano con Castro negli unici che potrebbero ambire ad una squadra più forte. Ora, tutta questa lista perchè? Il momento della squadra dipende da fattori mentali ma anche da fattori fisici. Si è creata una squadra di tante figurine di cui ci ricordiamo per ciò che hanno fatto in carriera e non per quello che fanno ora

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ale campi - 1 mese fa

            volevi dire vlahovic il nuovo Babacar (ma anche peggio)

            Mi piace Non mi piace
          2. I'Generale - 1 mese fa

            jack, non condivido la tua disamina ma è giusto che ognuno esprima la sua opinione. Adesso che tutto va male è chiaro che i tuoi ragionamenti sembrino più corretti… ma il campionato è ancora lungo e mancano poche partite alla sosta che ci servirà come il pane per i motivi che ho detto sopra e non sto a ripetere…
            Spero vivamente che ti sbagli e che questi giocatori tirino fuori gli attributi (che ancora desso non abbiamo visto), altrimenti a cose fatte(!!!) non avrò problemi a tornare qua, cospargermi il capo di cenere, e dirti che avevi ragione…
            MA… e dico MA, se succederà il contrario, sarai disposto a fare lo stesso???

            Mi piace Non mi piace
        2. Violaviola - 1 mese fa

          Vlahovic il nuovo ibrahimovic???? Ma spero tu stia scherzando oppure tu debba mollare il fiasco

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. I'Generale - 1 mese fa

            Non lo dico io, ma tutti le vedove della vecchia gestione, più i soliti solono che hanno parola ogni giorno sulla fiorentina (leggi brovarone e co.)
            Se proprio lo vuoi sapere il mio giudizio personale è che questo sarà nè più nè meno che il nuovo Seferovic (che non sarebbe nemmeno una carriera fallimentare come qualcuno può pensare, anzi)

            Mi piace Non mi piace
  12. Lusoviola - 1 mese fa

    Il mio commento non è sull’articolo e me ne scuso in anticipo:
    volevo dire che gli errori della dirigenza sono ormai talmente evidenti che non vale nemmeno più rimarcarli, sul mister Prandelli che ho sostenuto e che sosterrò sempre mi permetto però una critica: ieri voleva portare la squadra sullo 0-0 alla fine del primo tempo ma dato che vai sotto di 1-0 per me il cambio o i cambi andavano fatti subito e non dopo aver preso il 2-0, per me questo non è un errore da poco perché se metti gente come Ribery e Callejon sul 2-0 non ti vanno a pressare per 30/40 minuti alla ricerca del gol, perché non hanno più la forza di farlo quindi andava fatto subito il cambio, anche con il Genoa mi ero permesso di criticare i cambi, anche lui è in sofferenzapurtroppo e me ne dispiace.
    Altra cosa è che le prossime partite, x me che non son nessuno, vanno giocate con un 4231 con Milenkovic a destra Igor a sinistra Pezzella e Quarta al centro, Amrabat e Duncan in mezzo con Bonaventura Castro e Callejon i tre davanti, unica punta Cutrone. Davanti saremmo leggeri in effetti ma con gente che sa prendere un fallo e far salire la squadra. Il problema ad oggi non è solo che la squadra non costruisce, la squadra non respira e va in affanno e con Vlahovic e Kouame prime punte non te la fanno respirare.
    Fino al mercato così per me, poi si vede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Barsineee - 1 mese fa

    Quando si impongono obiettivi sportivi così stringenti e sfidanti come quelli richiesti dalla nostra dirigenza … Questi sono i risultati. Suvvia la parte sinistra non è lontana!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. andrea - 1 mese fa

    Condivido. È inutile fare processi adesso. Dalla squadra al direttore sportivo. È inutile rimarcare cosa uno avesse scritto o detto ad agosto. Non serve a niente. Ai tifosi dico che se andremo in b saremo noi ad andarci di sicuro, perché molti di questi pseudofenomeni sono tre anni che lottano per la salvezza. Questa squadra va rifondata, le ceneri lasciate dalla vecchia dirigenza nascondono bravi pericolosissime (vedi Ramadani and company). Se Pradè non è all’altezza sarà sostituito, ma adesso con questo dobbiamo fare, a giugno tabula rasa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. jackfi1 - 1 mese fa

    A Pradè l’unico consiglio da dare é quello di firmare la lettera di dimissioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. ste.brandin_491 - 1 mese fa

    Condivido al 100%

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. SOLOROGER - 1 mese fa

    Consigli a Calamai……
    1) Calamai per tutto l’inverno e primavera 2020. SERVE come il pane un attaccante da 20 gol!!
    2) Calamai all’apertura del mercato estivo…La priorità è un difensore……
    3) Calamai a fine mercato…. lotteremo con l’Atalanta per il settimo posto
    4) abbiamo offerto super milioni per le punte ma a Firenze non ci vuol venire nessuno
    5) Calamai mentre la barca affonda…. è un problema psicologico cambiare Iachini con Prandelli è la migliore soluzione!
    6) Calamai…. Prandelli è in confusione….
    Sono 2 anni che continui imperterrito a difendere Rocco che da quando è arrivato ha venduto i migliori e preso mezze cartucce o gente a fine carriera. Il consiglio che ti do è un minimo di coerenza e di non dare le cose per scontato! Il calcio è più semplice e meno romanzato di quel che pensi! Serve una Società forte, dei giocatori scelti con criterio è non gli avanzi dell’ultimo giorno, serve un’identità comune e giocatori che credono nel progetto e un allenatore adeguato. È inutile che per avere la considerazione del presidente ci raccontate che Castrovilli lo voleva il Liverpool che Vhlaovic e Kouame li cercano tutti ecc ecc. Sono bufale che non hanno senso!! Parlate di FATTI….. i FATTI sono che l’ultima ROSA dei DV ( ormai in abbandono) aveva Chiesa Veretout Muriel e Simeone….. quella di oggi?????? Vi sembra migliore???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tagliagobbi - 1 mese fa

      Infatti s’è visto che bei risultati con i DV negli ultimi anni… ma per favore. Questi cari signori giocatorucci devono far vedere se sono uomini o quaqquaraqquà. Semplice, visto che il loro lauto stipendio lo prendono con regolarità devono impegnarsi e GIOCARE A PALLONE. Ieri non facevano neanche due passaggi di fila, non facevano uno stop decente, NON FACEVANO. Rocco è il colpevole? E di cosa? Di aver speso una baracca di soldi in nemmeno due anni per avere una squadra quartultima che non fa nemmeno due passaggi di fila? Io non lo so cosa si dicano nello spogliatoio ma se hanno un MINIMO di amor proprio e di dignità spero che abbiano le palle per cambiare questa situazione. Stanno facendo delle figure di melma che se fossero persone con almeno un minimo di carattere mercoledì dovrebbero arare il campo dall’incazzatura. Si può anche perdere ma DEVI dare tutto, se non per la maglia (di cui oggi non gliene frega nulla a nessuno) almeno per la tua dignità personale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jackfi1 - 1 mese fa

        Che gli ultimi anni dei della valle si fosse deciso di mollare il colpo é indubbio ma in questo sito tanti tifosi hanno preferito sputare sopra ad una squadra che collezionava quarti posti in fila perché a detta loro si doveva vincere il campionato. Ora io non mi definisco pro o contro Commisso e nemmeno leccavalle ma ci sarebbe da chiedere a tanti di quei signori che volevano i della valle fuori se secondo loro siamo migliorati. Allo stesso modo ci sarebbe da chiedere ai tanti che criticavano alla morte Corvino al grido di “con Pradè potevamo sognare” se dopo questi due anni sognano ancora. Questi sono solo due esempi di come al tifoso da curva dovrebbe essere impedito di aprire bocca se non per supportare. E il fatto che in questo periodo si sia visto un misero striscione di protesta la dice lunga su quanto si vergognino di aprire bocca in questo momento perché se parlano il resto della tifoseria se li mangia vivi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. gianni69 - 1 mese fa

          Io sono uno di quelli sopra citati. Voglio darti ragione. Ma che cosa cambia???? Colpa mia?? Si infamate pure. Non vado io in campo oggi come non lo andavo 4 anni fa. Se serve a qualcosa… Forse ti fa sentire un uomo intelligente. Ma sempre con una squadretta siamo. Forza viola sempre anche in b

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. jackfi1 - 1 mese fa

            Ti fa onore ammetterlo. Il ragionamento è rivolto a chi continua a negare e magari pure ad attaccare se lo fai notare. Io non mi reputo più intelligente di nessuno ma spero che tutto questo serva un giorno quando i tifosi penseranno nuovamente che tenere lassù una squadra come la fiorentina sia semplice

            Mi piace Non mi piace
        2. Tagliagobbi - 1 mese fa

          Jack, sul fatto che a tanti tifosi non dovrebbe essere dato diritto di parola sono d’accordo con te al 100%. Idem per quanto riguarda quei simpaticoni che sghignazzavano facendo gli olé al Siviglia in casa nostra. Però non è questo il punto. Qui abbiamo un proprietario che ci sta mettendo una barca di soldi e anche la faccia e una masnada di ragazzetti viziati e menefreghisti. I vari lenzuolai dovrebbero ora mettere i famosi lenzòli contro i giocatori che sono gli unici responsabili di questo troiaio. Poi a fine anno si faranno i conti anche con Pradè e con l’area tecnica ma ora, se guardi i nomi, è inconcepibile una partita come quella di ieri.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. jackfi1 - 1 mese fa

            Ma sai i nomi contano il giusto. Il problema è proprio che si guarda I nomi. Metà di quei nomi o son mezzi rotti, altri son vecchi. Vien fuori che di buoni buoni ce ne sono 4. Il resto come dicevo ieri é m***a che Pradè ci ha venduto come se fosse profumo

            Mi piace Non mi piace
    2. Marco pennaviola - 1 mese fa

      Vedo sofferenza per amnesie o disinformazione: Veretout fu venduto dai DV, Simeone fu venduto dai DV; per Muriel i DV avevano già esercitato il diritto di NON riscattarlo perché stavano vendendo. Quanto a Chiesa, Rocco non voleva venderlo, forse non lo ricordi… Vorrei anche ricordarTi che i DV vendettero Marcos Alonso quando Paulo Sousa voleva giocatori… tanto per far capire quanto a loro non interessasse più fare una squadra forte. Quanto agli attuali calciatori posso concordare che siano stati presi un po’ a caso, ma vorrei anche ricordare a Te e a molti altri che la squadra non ha continuità di “guida” e di preparazione da diversi mesi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jackfi1 - 1 mese fa

        Amico caro, veretout é la prima cessione dell’era Commisso. Non vorrei destabilizzarti. In quanto a chiesa si vociferava che si fosse chiuso con un conguaglio, demiral e un altro giocatore. Forse tanto torto nel volerlo dare via non l’avevano.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Marco pennaviola - 1 mese fa

          Tu vivi su un altro mondo… ripigliati e rileggiti la storia. Era già dato al Napoli prima della fine campionato (e aveva cercato casa con la sua donna) prima che arrivasse Commisso. Se lo hanno venduto era perché non ci voleva più stare, come Chiesa del resto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. MARIO T. - 1 mese fa

        Veretout voleva andarsene e comunque venduto da Pradè.
        Simeone venduto da Pradè per prendere Pedro.
        Muriel, volendo, si poteva trattenere.

        I DV ci hanno fatto vivere anni di grande gloria e altri scellerati, ma solo dopo che i buongustai si schifavano dei quarti posti e li apostrofavano continuamente con epiteti e toni offensivi invitandoli a frugarsi perché si voleva di più

        Lasciamo quindi i DV a Casette d’Ete e pensiamo agli attuali che secondo il comune pensiero di allora “chiunque fosse sempre meglio dei DV”.

        Che il loro slogan di punta “meglio in B che coi DV” si stia avverando?

        MT

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. dallapadella - 1 mese fa

        E’ un dato di fatto che Veretout e Simeone sono stati venduti da Pradè e sono soldi che arrivano nelle tasche di Commisso.
        Adesso capisco come nascono certi miti sui soldi spesi e guadagnati dai Della Valle.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      4. jackfi1 - 1 mese fa

        Ci potresti comunque gentilmente spiegare come hanno fatto i Della Valle a vendere Simeone e Veretout sotto la gestione Commisso? Ammetto che sono particolarmente curioso di saperlo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      5. Violaviola - 1 mese fa

        Oh Mario secondo me te tu stai facendo un po di confusione con gli anni

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy